44.400.198
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NEW YORK TIMES: GLI ELETTORI VOLTERANNO IN MASSA LE SPALLE ALL'EURO CHE PROMETTEVA PROSPERITA', MA HA PORTATO POVERTA'

martedì 20 gennaio 2015

NEW YORK  - La grave stagnazione europea - scrive oggi il New York Times - ha riportato economisti e investitori a interrogarsi riguardo la tenuta e addirittura la sopravvivenza del progetto dell'euro. La moneta unica fondata nel 1999 soffre ancora oggi di gravi falle sistemiche che ne tormentano i tutori politici, e che sono emerse con dolorosa chiarezza lungo l'iter che questa settimana dovrebbe portare la Banca centrale europea a annunciare un tardivo e controverso programma di alleggerimento quantitativo.

La riluttanza dei paesi piu' ricchi dell'eurozona a condividere il denaro dei contribuenti coi paesi economicamente in maggior difficolta' impedisce il cambiamento: aggiustare l'euro, approfondisce il New York Times, sarà questione di anni, e soltanto a patto che la volonta' politica regga e tenga a bada gli effetti dei sacrifici imposti ai cittadini dell'unione monetaria.

Il rischio è che gli elettori voltino in massa le spalle a un progetto che aveva promesso prosperità, e che invece sembra aver portato l'opposto: povertà e disoccupazione. Gli economisti sottolineano spesso come l'euro manchi di un bilancio unico: una banca centrale deve elaborare una politica monetaria per 19 economie diverse tra loro; quando una tra esse subisce un colpo, non esiste meccanismo compensativo che consenta di soccorrerla.

E tutti i migliori analisti economici concordano, aggiunge il New York Times: "Un bilancio condiviso e' la componente piu' importante tra quelle mancanti, e spiega perche' l'eurozona sia cosi' fragile"sostiene ad esempio Paul De Grauwe, professore della London School of Economics e autore di "L'Economia dell'unione monetaria", che pero' puntualizza: "L'unione fiscale si puo' conseguire solo attraverso l'unione politica, perche' per dirigere tasse e spesa e' necessaria una istituzione sovranazionale". Qualcosa di simile allo Stato federale statunitense per i 50 Stati dell'Unione.

E cosi' paesi come la Grecia, anche se soccorsi dai suoi vicini, devono acconsentire a misure draconiane di taglio della spesa che "non fanno che rafforzare ulteriormente la recessione". Proprio questo genere di pressione, scrive il quotidiano, e' uno dei fattori che piu' contribuiscono a tenere l'economia europea ferma al palo e la disoccupazione a livelli troppo elevati, specie se a quanto detto si aggiunge, per paesi come la Grecia, l'assenza del "cuscino" di una valuta nazionale, che svalutandosi potrebbe sostenere la competitivita' del paese senza intervenire ancor piu' pesantemente sul costo del lavoro.

Nell'eurozona, spiega Simon Tilford, "il costo dell'aggiustamento ricade interamente sul lavoro. Politicamente, si tratta di una base piuttosto precaria per una valuta". Dalla crisi del 2009 l'eurozona ha istituito un fondo di salvataggio e rafforzato le regole di bilancio; ma nell'ultimo trimestre dello scorso anno, l'eurozona e' cresciuta appena dello 0,2 per cento e la bassissima inflazione, temono alcuni, potrebbe protrarsi per anni o decenni a causa di una debolezza economica e di uno scarso potere d'acquisto che interventi di espansione monetaria non potranno certo risolvere in misura strutturale. I problemi, insomma, sono politici, e la loro soluzione non e' in vista proprio perche' a mancare, nonostante la retorica, e' la volonta' politica. 

Il grande giornale americano - da sempre nel campo democratico della politica Usa - non fa sconti all'euro. E speiga che così com'è può solo sbriciolarsi.

Redazione Milano


NEW YORK TIMES: GLI ELETTORI VOLTERANNO IN MASSA LE SPALLE ALL'EURO CHE PROMETTEVA PROSPERITA', MA HA PORTATO POVERTA'


Cerca tra gli articoli che parlano di:

NEW YORK TIMES   EURO   ANALISI   FINE DELL'EURO   UE   BCE   GRECIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AL VIA IN OLANDA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER DECIDERE SE RIMANERE NELL'EURO O ABBANDONARLO (CENSURA GLOBALE)

AL VIA IN OLANDA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER DECIDERE SE RIMANERE NELL'EURO O ABBANDONARLO

martedì 28 febbraio 2017
E' ormai un dato di fatto che l'euro sia la causa principale di tutti i problemi economici dell'eurozona e adesso c'e' chi discute apertamente se e come uscirne. A tale proposito e' di pochi giorni
Continua
 
DER SPIEGEL: ''ALTRO CHE FINE DELLA CRISI DELL'EUROZONA. PORTOGALLO, ITALIA, GRECIA PRONTE ALLA BANCAROTTA (DA EURO)''

DER SPIEGEL: ''ALTRO CHE FINE DELLA CRISI DELL'EUROZONA. PORTOGALLO, ITALIA, GRECIA PRONTE ALLA

martedì 28 febbraio 2017
BERLINO - "Sono trascorsi sette anni dallo scoppio della crisi greca e dal primo piano di aiuti europei. Oggi la Grecia ha fatto alcuni passi avanti - scrive il settimanale tedesco Der Spiegel - ma
Continua
DJ FABO E' MORTO IN SVIZZERA. AVEVA DECISO DI FARLO, MA IN ITALIA IL SUICIDIO ASSISTITO E' VIETATO

DJ FABO E' MORTO IN SVIZZERA. AVEVA DECISO DI FARLO, MA IN ITALIA IL SUICIDIO ASSISTITO E' VIETATO

lunedì 27 febbraio 2017
Sono 232 le persone che, dal 2015, si sono rivolte all'Associazione Luca Coscioni per chiedere informazioni su come ottenere l'eutanasia all'estero: di queste, 115 si sono poi effettivamente rivolte
Continua
 
GOVERNO SOCIALDEMOCRATICO AUSTRIACO VARA LA LEGGE CHE DA' IL LAVORO PRIMA AI CITTADINI AUSTRIACI, POI AGLI STRANIERI

GOVERNO SOCIALDEMOCRATICO AUSTRIACO VARA LA LEGGE CHE DA' IL LAVORO PRIMA AI CITTADINI AUSTRIACI,

lunedì 27 febbraio 2017
LONDRA - Alcuni mesi fa, il candidato del Freedom Party ha perso le elezioni presidenziali per un soffio ma se qualcuno crede che questo partito abbia perso influenza si sbaglia di grosso visto che
Continua
FRONTEX DENUNCIA: PIU' DI 300.000 AFRICANI GIA' IN LIBIA PRONTI AD ARRIVARE IN ITALIA CON LA COMPLICITA' DELLE ONLUS

FRONTEX DENUNCIA: PIU' DI 300.000 AFRICANI GIA' IN LIBIA PRONTI AD ARRIVARE IN ITALIA CON LA

lunedì 27 febbraio 2017
BRUXELLES - L'agenzia europea Frontex ha avvertito che centinaia di migliaia di migranti, provenienti perlopiu' dall'Africa Occidentale, sono in attesa di imbarcarsi verso l'Italia dalle coste della
Continua
 
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TENUTI NASCOSTI GRAVISSIMI INCIDENTI NELLE CENTRALI NUCLEARI DELL'UCRAINA! MINACCIA DI UNA NUOVA CHERNOBYL SULL'EUROPA

TENUTI NASCOSTI GRAVISSIMI INCIDENTI NELLE CENTRALI NUCLEARI DELL'UCRAINA! MINACCIA DI UNA NUOVA
Continua

 
SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO E UE SONO FINITE.

SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!