43.323.764
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NEW YORK TIMES: GLI ELETTORI VOLTERANNO IN MASSA LE SPALLE ALL'EURO CHE PROMETTEVA PROSPERITA', MA HA PORTATO POVERTA'

martedì 20 gennaio 2015

NEW YORK  - La grave stagnazione europea - scrive oggi il New York Times - ha riportato economisti e investitori a interrogarsi riguardo la tenuta e addirittura la sopravvivenza del progetto dell'euro. La moneta unica fondata nel 1999 soffre ancora oggi di gravi falle sistemiche che ne tormentano i tutori politici, e che sono emerse con dolorosa chiarezza lungo l'iter che questa settimana dovrebbe portare la Banca centrale europea a annunciare un tardivo e controverso programma di alleggerimento quantitativo.

La riluttanza dei paesi piu' ricchi dell'eurozona a condividere il denaro dei contribuenti coi paesi economicamente in maggior difficolta' impedisce il cambiamento: aggiustare l'euro, approfondisce il New York Times, sarà questione di anni, e soltanto a patto che la volonta' politica regga e tenga a bada gli effetti dei sacrifici imposti ai cittadini dell'unione monetaria.

Il rischio è che gli elettori voltino in massa le spalle a un progetto che aveva promesso prosperità, e che invece sembra aver portato l'opposto: povertà e disoccupazione. Gli economisti sottolineano spesso come l'euro manchi di un bilancio unico: una banca centrale deve elaborare una politica monetaria per 19 economie diverse tra loro; quando una tra esse subisce un colpo, non esiste meccanismo compensativo che consenta di soccorrerla.

E tutti i migliori analisti economici concordano, aggiunge il New York Times: "Un bilancio condiviso e' la componente piu' importante tra quelle mancanti, e spiega perche' l'eurozona sia cosi' fragile"sostiene ad esempio Paul De Grauwe, professore della London School of Economics e autore di "L'Economia dell'unione monetaria", che pero' puntualizza: "L'unione fiscale si puo' conseguire solo attraverso l'unione politica, perche' per dirigere tasse e spesa e' necessaria una istituzione sovranazionale". Qualcosa di simile allo Stato federale statunitense per i 50 Stati dell'Unione.

E cosi' paesi come la Grecia, anche se soccorsi dai suoi vicini, devono acconsentire a misure draconiane di taglio della spesa che "non fanno che rafforzare ulteriormente la recessione". Proprio questo genere di pressione, scrive il quotidiano, e' uno dei fattori che piu' contribuiscono a tenere l'economia europea ferma al palo e la disoccupazione a livelli troppo elevati, specie se a quanto detto si aggiunge, per paesi come la Grecia, l'assenza del "cuscino" di una valuta nazionale, che svalutandosi potrebbe sostenere la competitivita' del paese senza intervenire ancor piu' pesantemente sul costo del lavoro.

Nell'eurozona, spiega Simon Tilford, "il costo dell'aggiustamento ricade interamente sul lavoro. Politicamente, si tratta di una base piuttosto precaria per una valuta". Dalla crisi del 2009 l'eurozona ha istituito un fondo di salvataggio e rafforzato le regole di bilancio; ma nell'ultimo trimestre dello scorso anno, l'eurozona e' cresciuta appena dello 0,2 per cento e la bassissima inflazione, temono alcuni, potrebbe protrarsi per anni o decenni a causa di una debolezza economica e di uno scarso potere d'acquisto che interventi di espansione monetaria non potranno certo risolvere in misura strutturale. I problemi, insomma, sono politici, e la loro soluzione non e' in vista proprio perche' a mancare, nonostante la retorica, e' la volonta' politica. 

Il grande giornale americano - da sempre nel campo democratico della politica Usa - non fa sconti all'euro. E speiga che così com'è può solo sbriciolarsi.

Redazione Milano


NEW YORK TIMES: GLI ELETTORI VOLTERANNO IN MASSA LE SPALLE ALL'EURO CHE PROMETTEVA PROSPERITA', MA HA PORTATO POVERTA'


Cerca tra gli articoli che parlano di:

NEW YORK TIMES   EURO   ANALISI   FINE DELL'EURO   UE   BCE   GRECIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
 
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TENUTI NASCOSTI GRAVISSIMI INCIDENTI NELLE CENTRALI NUCLEARI DELL'UCRAINA! MINACCIA DI UNA NUOVA CHERNOBYL SULL'EUROPA

TENUTI NASCOSTI GRAVISSIMI INCIDENTI NELLE CENTRALI NUCLEARI DELL'UCRAINA! MINACCIA DI UNA NUOVA
Continua

 
SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO E UE SONO FINITE.

SE IL RISCHIO D'ACQUISTO DI TITOLI DI STATO VERRA' DIROTTATO DALLA BCE ALLE BANCHE NAZIONALI, EURO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua
Precedenti »