45.180.328
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DODICI SONDAGGI CONSECUTIVI - L'ULTIMO E' DI OGGI - ASSEGNANO LA VITTORIA A SYRIZA ALLE ELEZIONI POLITICHE IN GRECIA

lunedì 19 gennaio 2015

Alexis Tsipras vincera' le elezioni politiche in Grecia del 25 gennaio: lo prevedono ben 12 sondaggi d'opinione svolti nelle ultime ore, e anche uno studio statistico dell'Universita' della Macedonia. Il quotidiano Kathimerini fa infatti una media tra i vari rilevamenti: secondo questo "sondaggio dei sondaggi", il movimento guidato da Tsipras, Syriza, otterrebbe il 29,5% dei consensi, Nea Dimokratia 25,7%; To Potami (centrosinistra) 6%; Alba Dorata 5,2%, Kke (comunisti) 4,8%; Pasok 4%, Greci indipendenti 2,6%, Kinima (Socialdemocratici) 2,2%. In media, il 10,9% dei greci e' indeciso su chi votare.

La soglia per entrare in parlamento e' del 3%. Se si ipotizza che quel 10,6% decida alla fine di votare per qualcuno dei partiti in lizza, un calcolo di probabilita' farebbe arrivare Syriza al 34,7% e ND al 30,2%, con il resto dei voti sparsi tra le forze piu' piccole. Il quotidiano nota pero' come sia difficile prevedere se Syriza riuscira' a formare un governo monocolore; cio' dipende dal numero di partiti minori che entreranno o resteranno esclusi dal Parlamento.

Piu' ne restano fuori, piu' bassa sara' la percentuale di voti necessaria al partito vincente per governare senza alleanze. Se i piccoli partiti prenderanno il 12% complessivo dei voti, ad esempio, il partito di maggioranza relativa otterra' i 151 seggi necessari (su 300) con il 35,6% dei voti (la maggioranza relativa garantisce un bonus di 50 seggi). Secondo il giornale, i partiti da tener d'occhio in questa prospettiva sono il Kinima di George Papandreou e i Greci Indipendenti, il cui ingresso in Parlamento e' assai incerto. Intanto, quando manca solo una settimana al voto, sembrano gia' iniziate manovre per formare possibili alleanze per il post-elezioni: se da una parte, in un'intervista ad AffariItaliani.it, Dimitris Koutsoumpas, segretario generale del Comitato Centrale del Partito Comunista Greco Kke, chiude a ogni accordo con Tsipras che, dice, rappresenta una "finta sinistra" che collabora con i poteri forti internazionali, segnali di segno opposto vengono dal vicepremier e leader del Pasok, Evangelos Venizelos.

Per il capo dei socialisti "c'e' bisogno di un governo di unita' nazionale con tutte le forze democratiche, se possibile progressiste, che credano nel futuro della Grecia nell'euro". Nel caso Tsipras vinca le elezioni, Venizelos appoggerebbe il prossimo governo, ma solo "se non crea rischi per il futuro della Grecia e dell'Unione europea e se segue l'unica strategia plausibile, un piano di uscita dalla crisi, in collaborazione con i nostri partner".

E mentre un sondaggio condotto dalla societa' Kapa Research, per conto del settimanale To Vima, rivela che l'86% degli intervistati considera le elezioni del 25 gennaio decisive per il futuro della Grecia, al centro del duro confronto politico tra i leader dei partiti - soprattutto tra Antonis Samaras, e Alexis Tsipras - si trovano i programmi economici dei due partiti.

Samaras, parlando a Kalamata, nel Peloponneso, si e' detto ottimista per la vittoria di Nea Dimokratia nelle elezioni della domenica prossima, "per garantire la stabilita' politica e il cammino della Grecia nell'Unione europea", accusando Syriza e il suo leader, Alexis Tsipras, "di rappresentare il lobby della dracma".

Da parte sua il leader di Syriza, parlando a Volos, nella Grecia centrale, ha tra l'altro accusato il premier di considerare gli elettori tradizionali di Nea Dimokratia di sua proprieta', per affermare che "egli verra' smentito dai fatti". "Invito tutti coloro che hanno votato Nea Dimokratia nelle elezioni del 2012 di venire con noi", ha aggiunto il leader di Syriza.

"Dateci la forza di rivendicare una soluzione migliore per la nostra patria, nell'ambito dell'euro", ha detto Tsipras, che giovedi' guidera' una grande manifestazione di Syriza ad Atene con accanto il leader degli 'indignados' spagnoli di Podemos, Pablo Iglesias, il cui movimento si avvia a ottenere due clamorosi successi: tanto alle elezioni amministrative di primavera, quanto alle politiche in autunno. Del 2015, l'anno che cambierà la storia d'Europa. 


DODICI SONDAGGI CONSECUTIVI - L'ULTIMO E' DI OGGI - ASSEGNANO LA VITTORIA A SYRIZA ALLE ELEZIONI POLITICHE IN GRECIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SYRIZA   TSIPRAS   ATENE   GRECIA   ELEZIONI   CAMBIAMENTO   FINE DELLA UE   KATHIMERINI   SONDAGGI   PARLAMENTO   POLITICHE   TAGLIO   DEBITO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ISLANDA RITIRA UFFICIALMENTE LA DOMANDA DI ADESIONE ALLA UE! E IL PIL CRESCE DEL 5% DAL 2013 (L'82% NON VUOLE L'EURO)

L'ISLANDA RITIRA UFFICIALMENTE LA DOMANDA DI ADESIONE ALLA UE! E IL PIL CRESCE DEL 5% DAL 2013
Continua

 
TENUTI NASCOSTI GRAVISSIMI INCIDENTI NELLE CENTRALI NUCLEARI DELL'UCRAINA! MINACCIA DI UNA NUOVA CHERNOBYL SULL'EUROPA

TENUTI NASCOSTI GRAVISSIMI INCIDENTI NELLE CENTRALI NUCLEARI DELL'UCRAINA! MINACCIA DI UNA NUOVA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!