69.439.481
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FISCO IMPONE TASSE ALLE IMPRESE PARI AL 65,4% DEGLI UTILI: SIAMO IL 141° POSTO AL MONDO DOVE CREARE AZIENDE, CARO RENZI

giovedì 15 gennaio 2015

L'Italia resta di gran lunga la peggiore nazione d'Europa per quanto riguarda le tasse sulle imprese. Lo dimostra un'elaborazione del Centro studi "ImpresaLavoro" sui nuovi dati riferiti al 2014 contenuti nel rapporto Doing Business 2015. Nella valutazione generale (rank -ndr) che misura la facilita' per le imprese del sistema fiscale, l'Italia si classifica ultima a livello continentale e 141esima nel mondo, riuscendo a fare addirittura peggio dell'anno scorso quando si classifico' 137esima. Alla faccia delle "riforme" volute da Renzi.

Un risultato determinato da un mix micidiale composto da pressione fiscale elevata, sistema fiscale complesso, tempi lunghi anche per pagare quanto dovuto allo Stato. Tra i Paesi dell'Europa a 28 la palma di miglior sistema fiscale va all'Irlanda, seguita dalla Danimarca e dal Regno Unito.

Dietro, ma comunque meglio dell'Italia, tutte le tradizionali economie dell'area euro: l'Olanda e' sesta, la Germania 18esima, la Spagna 20esima e la Francia 25esima. In termini di Total Tax Rate sulle imprese l'Italia ha un mostruoso prelievo complessivo del 65,4%. Avete letto bene: 65,4%. Praticamente, non ha più senso fare l'imprenditore in Italia perchè oltre i due terzi dei guadagni li rapina lo stato con una mitriade di tasse sulle imprese.

Un 65,4 % battuto in Europa e nel modo solo dalla Francia di Hollande, che ha portato la pressione fiscale sulle imprese al 66,6%, devastando l'economia che infatti va malissimo.

Anche volendo tralasciare sistemi di particolare favore verso le imprese come quello croato (Total Tax Rate al 18,8%) e irlandese (25,9%), non si puo' fare a meno di notare come, tranne la Francia di cui si e' detto, nessuno dei nostri partner tradizionali a livello comunitario sconti una pressione fiscale cosi asfissiante: la Germania si ferma a 16,6 punti percentuali di Total Taxe Rate in meno (48,8%) e anche Grecia (49,9%), Portogallo (42,4%) e Spagna (58,2%) fanno meglio di noi.

Per tacere di una grande economia matura come quella del Regno Unito che riesce comunque a garantire alle sue imprese un prelievo statale complessivo del 33,7%. Al prelievo elevato, nel nostro Paese, si associa anche un sistema burocratico particolarmente complicato. Tra Ires, Irap, tasse sugli immobili, versamenti Iva e contributi sociali in Italia un imprenditore medio effettua in un anno 15 versamenti al fisco, 6 in piu' di un suo collega tedesco, 7 in piu' di un inglese, di uno spagnolo o di un francese e 9 in piu' di uno svedese. 

Per essere in regola con il fisco le aziende italiane sono costrette ad occupare una parte consistente del loro tempo: con 269 ore l'anno impiegate per adempimenti fiscali, l'Italia e' sesta in Europa e prima tra le grandi economie per il tempo impegnato a... pagare le tasse!  

Un'azienda tedesca ha bisogno di "sole" 218 ore all'anno (51 in meno) e fa comunque peggio di Spagna (167 ore, 102 in meno dell'Italia) e Francia (137 ore, 132 in meno). Particolare la situazione del Regno Unito: a un sistema fiscale gia' leggero in termini quantitativi si accompagna un sistema di pagamento molto semplice. Gli imprenditori inglesi effettuano in un anno una media di 8 versamenti al fisco, occupando "solo" 110 ore del loro tempo, meno della meta' di un imprenditore italiano. 

Come mostrano questi dati, il vero e unico problema dell'Italia produttiva NON è il costo del lavoro e tanto meno l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Il vero problema è fare impresa in Italia dove o stato non tassa, rapina e depreda le aziende produttive, con un governo che è complice di questa devastazione. Un governo che toglie diritti a chi lavora e ruba i guadagni ai datori di lavoro.

Un'infamia che ha portato l'Italia nella situazione in cui si trova: in rovina.

Max Parisi

 

 


FISCO IMPONE TASSE ALLE IMPRESE PARI AL 65,4% DEGLI UTILI: SIAMO IL 141° POSTO AL MONDO DOVE CREARE AZIENDE, CARO RENZI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TASSE   GOVERNO   RENZI   FALLIMENTO   PAESE   ITALIA   RAPINA   LAVORO   GUADAGNI   UTILI   IMPRESE   GOVERNO   EUROPA   GRADUATORIA   ULTIMA   UE   VIA DALLA UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA UE DA' IL PERMESSO DI IMPORTAZIONE A DAZIO ZERO DI 80.000 TONNELLATE DI RISO VIETNAMITA COLTIVATO SFRUTTANDO BAMBINI

LA UE DA' IL PERMESSO DI IMPORTAZIONE A DAZIO ZERO DI 80.000 TONNELLATE DI RISO VIETNAMITA

martedì 25 giugno 2019
Con l'accordo di libero scambio con il Vietnam che sara' firmato ad Hanoi il prossimo 30 giugno, l'Unione Europea da' il via libera all'ingresso a dazio zero di 80 mila tonnellate di riso lavorato,
Continua
 
ENORME SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: LE OLIMPIADI INVERNALI 2026 SONO STATE ASSEGNATE ALL'ITALIA! IL PAESE C'E'!

ENORME SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: LE OLIMPIADI INVERNALI 2026 SONO STATE ASSEGNATE ALL'ITALIA!

lunedì 24 giugno 2019
La combinazione tra dinamismo della metropoli e fascino delle Dolomiti e' una delle chiavi che hanno aperto la porta del successo alla candidatura Milano-Cortina per le Olimpiadi e le Paralimpiadi
Continua
ARTICOLO ESPLOSIVO DEL DAILY MAIL SUL PIANO DI SOROS PER AGGREDIRE LE DEMOCRAZIE EUROPEE (STAMPA ITALIANA CENSURA)

ARTICOLO ESPLOSIVO DEL DAILY MAIL SUL PIANO DI SOROS PER AGGREDIRE LE DEMOCRAZIE EUROPEE (STAMPA

lunedì 24 giugno 2019
LONDRA - Quando alcuni giorni fa Giorgia Meloni ha dichiarato che George Soros vuole distruggere l'Occidente tramite l'invasione di immigrati, molti a sinistra l'hanno criticata ma la verita' e' che
Continua
 
INCHIESTA /  IL TAGLIO RADICALE DELLE TASSE NON AUMENTERA' IL DEBITO PUBBLICO, LO FARA' DIMINUIRE: LA CURVA DI LAFFER

INCHIESTA / IL TAGLIO RADICALE DELLE TASSE NON AUMENTERA' IL DEBITO PUBBLICO, LO FARA' DIMINUIRE:

lunedì 24 giugno 2019
Mentre gli oligarchi dell’uscente commissione ue sono presi dai loro ultimi, inutili e spregevoli rantoli contro l’Italia minacciando una procedura d’infrazione che non spaventa
Continua
MATTEO SALVINI INCONTRA LUCA ZAIA: ''SULL'AUTONOMIA INDIETRO NON SI TORNA''. L'ARGOMENTO ARRIVA AL CONSIGLIO DEI MINISTRI

MATTEO SALVINI INCONTRA LUCA ZAIA: ''SULL'AUTONOMIA INDIETRO NON SI TORNA''. L'ARGOMENTO ARRIVA AL

giovedì 20 giugno 2019
"Incontro di lavoro al Ministero con l'amico Luca Zaia: lavoro, infrastrutture, autonomia, sviluppo, Olimpiadi, futuro. Indietro non si torna!". Lo scrive sui social il vicepremier e ministro
Continua
 
REGIONE LOMBARDIA APPROVA E RENDE SUBITO ESECUTIVO IL NUOVO ''PATTO DI INTEGRITA''' DECISIVO PER LA LOTTA ALLA CORRUZIONE

REGIONE LOMBARDIA APPROVA E RENDE SUBITO ESECUTIVO IL NUOVO ''PATTO DI INTEGRITA''' DECISIVO PER LA

giovedì 20 giugno 2019
MILANO - Lealta', trasparenza e correttezza, oltre all'impegno a non offrire, accettare o chiedere somme di denaro o altre ricompense, vantaggi e benefici. Sono gli impegni che devono assumersi i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA SVIZZERA TOGLIE IL BLOCCO AL CAMBIO CON L'EURO E L'EURO PERDE OLTRE IL 30% IN POCHI MINUTI. E' LA SUA FINE.

LA SVIZZERA TOGLIE IL BLOCCO AL CAMBIO CON L'EURO E L'EURO PERDE OLTRE IL 30% IN POCHI MINUTI. E'
Continua

 
LA BANCA CENTRALE SVIZZERA HA REPUTATO DI NON RIUSCIRE A REGGERE LA FUGA DALL'EURO E HA SGANCIATO IL FRANCO (CAMPOLONGO)

LA BANCA CENTRALE SVIZZERA HA REPUTATO DI NON RIUSCIRE A REGGERE LA FUGA DALL'EURO E HA SGANCIATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!