50.707.135
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

LA GERMANIA FESTEGGIA LA MAGGIOR CRESCITA DEL PIL DEGLI ULTIMI 10 ANNI GRAZIE AD AVER DEPREDATO LA GRECIA COMPLICE LA UE

giovedì 15 gennaio 2015

BERLINO - C'è qualcosa di profondamente malato, nell'Eurozona, se a fronte del dato negativo del Pil nel 2014 di praticamente tutti gli altri Paesi che usano l'euro, quelIo tedesco invece è il migliore degli ultimi 10 anni. l Pil della Germania, infatti, nel 2014 è cresciuto dell'1,5%, crescendo più della media degli ultimi 10 anni che è stata pari a +1,2%. Il dato 2014 è molto superiore a 2012 e 2013 quando si registrarono +0,4% e +0,1%. Lo rende noto Destatis, agenzia statistica statale tedesca.

A guidare la crescita tedesca sono stati i consumi, cresciuti dell'1,1%, mentre la spesa della pubblica amministrazione è salita dell'1%. Bene anche gli investimenti fissi lordi in macchinari e attrezzature da parte delle imprese e delle amministrazioni pubbliche a +3,7% sul 2013. Bene l'export, +3,7% ma anche le importazioni sono cresciute fortemente (+3,3%), con un apporto dello 0,4% al pil. Bene le costruzioni, un forte aumento del 2,7% in termini di prestazioni economiche, l'industria rappresenta un buon quarto del valore aggiunto lordo totale ec resce dell'1,1%. Infine i servizi dove il valore lordo rettificato prezzo aggiunto di tutti i settori economici è aumentato dell'1,4% rispetto all'anno precedente.

Stando così le cose, il numero di occupati ha raggiunto un livello record per l'ottavo anno consecutivo nel 2014 (42,7 milioni) con un aumento di 371.000 persone o lo 0,9%, rispetto al 2013.

La produttività del lavoro (prodotto interno lordo rettificato-prezzo per ora lavorata dalle persone occupate) è rimasta pressoché invariato nel 2014 rispetto all'anno precedente (+ 0,1%). Quando calcolati per persona occupata, si ha un +0,6% sul 2013. Per il terzo anno consecutivo, la pubblica amministrazione tedesca ha chiuso in pareggio.

A che si deve questa situazione è presto detto: l'euro rappresenta la valuta ideale per la Germania, rappresenta il valore aggiunto dei suoi prodotti e la solidità della sua economia. E c'è un dato in più: la Germania ha sfruttato a fondo il suo peso dentro la Ue, a partire dalla "riunificazione" del 1990 a seguito della caduta del Muro di Berlino. 

Gli enormi disavanzi dell'unificazione sono stati guardati con magnanimità dal resto d'Europa, e da lì in poi la Germania ha goduto di trattamenti d'enorme favore da parte delle istituzioni europee, diventati trattamenti privilegiati ne caso della crisi della Grecia. 

In una economia sana e in una finanza regolata dal mercato, le banche tedesche - private - che vollero correre lecitamente il rischio di prestare soldi alla Grecia, avrebbero dovuto pagarne il prezzo, di quel rischio, come accade quando viene prestato denaro a un cliente poco affidabile. Invece, la Germania oggi gode di questi suoi risultati ma alla base c'è l'enorme truffa perpetrata ai danni dei contribuenti europei che con i soldi delle loro tasse finanziano la Ue, la quale ha prestato a sua volta questi soldi di nuovo alla Grecia con l'obbligo - che è stato accettato dai governi a loro volta imposti dalla Ue - di renderli principalmente alla Germania. Così, la Germania ha letteralmente scaricato sulla Ue i debiti contratti dalle sue banche con la Grecia. 

Questo, c'è alla base del tronfio successo economico di cui si vanta la signora Merkel.

max parisi


LA GERMANIA FESTEGGIA LA MAGGIOR CRESCITA DEL PIL DEGLI ULTIMI 10 ANNI GRAZIE AD AVER DEPREDATO LA GRECIA COMPLICE LA UE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA. EURO. GRECIA   MERKEL   BCE   REDDITO   TASSE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RUSSIA E CINA (CON UN SOCIO AMERICANO!) FANNO NASCERE UNA NUOVA AGENZIA DI RATING GLOBALE (CONTRO MOODY'S, S&P, FITCH)

RUSSIA E CINA (CON UN SOCIO AMERICANO!) FANNO NASCERE UNA NUOVA AGENZIA DI RATING GLOBALE (CONTRO
Continua

 
LA SVIZZERA TOGLIE IL BLOCCO AL CAMBIO CON L'EURO E L'EURO PERDE OLTRE IL 30% IN POCHI MINUTI. E' LA SUA FINE.

LA SVIZZERA TOGLIE IL BLOCCO AL CAMBIO CON L'EURO E L'EURO PERDE OLTRE IL 30% IN POCHI MINUTI. E'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!