43.327.647
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'OTTUSA SIGNORA MERKEL DICE NO ALLA FINE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA (CONTRO LA STESSA CONFINDUSTRIA TEDESCA)

venerdì 9 gennaio 2015

BERLINO - "Nein!" La cancelliera Merkel si è detta contraria ad una progressiva revoca delle sanzioni europee contro la Russia. Dopo l'incontro con il premier ucraino Arsenj Jatsenjuk, ieri, la Merkel ha escluso un progressivo allentamento della politica sanzionatoria contro Mosca, anche nel caso di progressi nell'attuazione dell'accordo di Minsk per favorire una deescalation nell'Est dell'Ucraina.

"Penso che prima di revocare queste sanzioni dobbiamo vedere applicato l'accordo di Minsk nella sua interezza", ha dichiarato Merkel, che con queste parole ha chiuso alle richieste di deescalation formulate da alcuni governi europei - capofila la Francia - e da parti molto importanti del mondo politico ed economico tedesco, ad esempio la stessa confindustria.

Durante la sua visita a Berlino, il premier ucraino ha chiesto nuovi aiuti finanziari: a seguito "dell'intervento russo", infatti, l'Ucraina ha perso il 20 per cento della sua economia nazionale e la produzione industriale e' calata del 10 per cento, ha dichiarato ieri Jatsenjuk in un'intervista al quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung".

Per questo il suo Paese necessita di piu' dei 17 miliardi di dollari promessi nel 2014 dal Fondo Monetario Internazionale, denaro per altro mai arrivato a Kiev.

Jatsenjuk non ha voluto nominare somme precise, ma non ha nemmeno smentito le notizie che parlano di un ulteriore iniezione di denaro da 15 miliardi di dollari, che Kiev intenderebbe far "scucire" alla Ue.

Il suo paese - a detta di Jatsenjuk - starebbe facendo di tutto "per gestire la crisi": un impegno elogiato dalla stessa cancelliera, che ha definito le politiche del nuovo governo ucraino "ambiziose e risolute" due parole che la Merkel usa spesso...

Intanto si inasprisce lo scontro tra l'Ucraina e la Russia sui giacimenti di gas nel Mar Nero. La compagnia statale ucraina Naftogaz sta valutando l'idea di avviare un'azione legale contro la Russia: "Attualmente la nostra azienda non ha accesso a molti dei suoi giacimenti in alto mare", ha dichiarato il numero uno di Naftogaz Andrij Kobolev al quotidiano "Sueddeutsche Zeitung". Questi giacimenti, infatti, si trovano sotto il controllo della Russia, o per meglio dire sono in acque territoriali della Crimea. Uno scontro che fa emergere una sfaccettatura del conflitto tra Kiev e Mosca finora trascurata: dopo l'annessione della Crimea, infatti, la Russia - di cui ora la Crimea fa parte dopo il referendum popolare che ne ha decretato l'unione - ha rivendicato anche l'accesso esclusivo alla zona economica al largo della Penisola (nelle sue acque territoriali) compresi ovviamente i giacimenti di gas e petrolio. Naftogaz intende quindi appellarsi ai tribunali internazionali, con un esisto ovviamente nullo. 

Redazione Milano


L'OTTUSA SIGNORA MERKEL DICE NO ALLA FINE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA (CONTRO LA STESSA CONFINDUSTRIA TEDESCA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   SANZIONI   RUSSIA   GERMANIA   UCRAINA   KIEV   MOSCA   GAS   PETROLIO   MAR NERO   BERLINO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
 
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
I DUE KILLER ISLAMICI DELLA STRAGE DELL'HEBDO ERANO ''VECCHIE CONOSCENZE'' DEI SERVIZI SEGRETI FRANCESI (HOLLANDE VATTENE)

I DUE KILLER ISLAMICI DELLA STRAGE DELL'HEBDO ERANO ''VECCHIE CONOSCENZE'' DEI SERVIZI SEGRETI
Continua

 
MI5: FRATELLI KILLER DELL'HEBDO ''CONNESSI'' CON TERRORISTI ISLAMICI A LONDRA! COULIBALY INCONTRO' SARKOZY (BOOM!)

MI5: FRATELLI KILLER DELL'HEBDO ''CONNESSI'' CON TERRORISTI ISLAMICI A LONDRA! COULIBALY INCONTRO'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua
Precedenti »