48.340.587
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'OTTUSA SIGNORA MERKEL DICE NO ALLA FINE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA (CONTRO LA STESSA CONFINDUSTRIA TEDESCA)

venerdì 9 gennaio 2015

BERLINO - "Nein!" La cancelliera Merkel si è detta contraria ad una progressiva revoca delle sanzioni europee contro la Russia. Dopo l'incontro con il premier ucraino Arsenj Jatsenjuk, ieri, la Merkel ha escluso un progressivo allentamento della politica sanzionatoria contro Mosca, anche nel caso di progressi nell'attuazione dell'accordo di Minsk per favorire una deescalation nell'Est dell'Ucraina.

"Penso che prima di revocare queste sanzioni dobbiamo vedere applicato l'accordo di Minsk nella sua interezza", ha dichiarato Merkel, che con queste parole ha chiuso alle richieste di deescalation formulate da alcuni governi europei - capofila la Francia - e da parti molto importanti del mondo politico ed economico tedesco, ad esempio la stessa confindustria.

Durante la sua visita a Berlino, il premier ucraino ha chiesto nuovi aiuti finanziari: a seguito "dell'intervento russo", infatti, l'Ucraina ha perso il 20 per cento della sua economia nazionale e la produzione industriale e' calata del 10 per cento, ha dichiarato ieri Jatsenjuk in un'intervista al quotidiano "Frankfurter Allgemeine Zeitung".

Per questo il suo Paese necessita di piu' dei 17 miliardi di dollari promessi nel 2014 dal Fondo Monetario Internazionale, denaro per altro mai arrivato a Kiev.

Jatsenjuk non ha voluto nominare somme precise, ma non ha nemmeno smentito le notizie che parlano di un ulteriore iniezione di denaro da 15 miliardi di dollari, che Kiev intenderebbe far "scucire" alla Ue.

Il suo paese - a detta di Jatsenjuk - starebbe facendo di tutto "per gestire la crisi": un impegno elogiato dalla stessa cancelliera, che ha definito le politiche del nuovo governo ucraino "ambiziose e risolute" due parole che la Merkel usa spesso...

Intanto si inasprisce lo scontro tra l'Ucraina e la Russia sui giacimenti di gas nel Mar Nero. La compagnia statale ucraina Naftogaz sta valutando l'idea di avviare un'azione legale contro la Russia: "Attualmente la nostra azienda non ha accesso a molti dei suoi giacimenti in alto mare", ha dichiarato il numero uno di Naftogaz Andrij Kobolev al quotidiano "Sueddeutsche Zeitung". Questi giacimenti, infatti, si trovano sotto il controllo della Russia, o per meglio dire sono in acque territoriali della Crimea. Uno scontro che fa emergere una sfaccettatura del conflitto tra Kiev e Mosca finora trascurata: dopo l'annessione della Crimea, infatti, la Russia - di cui ora la Crimea fa parte dopo il referendum popolare che ne ha decretato l'unione - ha rivendicato anche l'accesso esclusivo alla zona economica al largo della Penisola (nelle sue acque territoriali) compresi ovviamente i giacimenti di gas e petrolio. Naftogaz intende quindi appellarsi ai tribunali internazionali, con un esisto ovviamente nullo. 

Redazione Milano


L'OTTUSA SIGNORA MERKEL DICE NO ALLA FINE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA (CONTRO LA STESSA CONFINDUSTRIA TEDESCA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MERKEL   SANZIONI   RUSSIA   GERMANIA   UCRAINA   KIEV   MOSCA   GAS   PETROLIO   MAR NERO   BERLINO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
I DUE KILLER ISLAMICI DELLA STRAGE DELL'HEBDO ERANO ''VECCHIE CONOSCENZE'' DEI SERVIZI SEGRETI FRANCESI (HOLLANDE VATTENE)

I DUE KILLER ISLAMICI DELLA STRAGE DELL'HEBDO ERANO ''VECCHIE CONOSCENZE'' DEI SERVIZI SEGRETI
Continua

 
MI5: FRATELLI KILLER DELL'HEBDO ''CONNESSI'' CON TERRORISTI ISLAMICI A LONDRA! COULIBALY INCONTRO' SARKOZY (BOOM!)

MI5: FRATELLI KILLER DELL'HEBDO ''CONNESSI'' CON TERRORISTI ISLAMICI A LONDRA! COULIBALY INCONTRO'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!