43.332.464
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ALTRO CHE GRECIA, E' LA BCE CHE POTREBBE CROLLARE: SE NON AGISCE, AFFONDA L'EUROZONA. SE AGISCE, LA UE SI SGRETOLA

giovedì 8 gennaio 2015

NEW YORK - Il mese scorso il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha diffuso "Urbi et orbi" un messaggio importantissimo: l'Eurotower, ha annunciato Draghi, e' pronta a mettere in campo armi monetarie di grosso calibro per puntellare il crollo dell'inflazione nell'eurozona, un blocco di 19 paesi tra i piu' ricchi al mondo, ma mai davvero ripresisi dalla crisi del 2008. Enfatizzando ogni singola parola, il presidente della Bce ha spiegato che il consiglio direttivo della banca ha stabilito di approntare "ulteriori misure che potrebbero, se necessario, essere prontamente implementate".

In passato, la strategia degli annunci salvifici di Draghi (memorabile in "Whatever it takes" che salvo' la moneta unica e il debito sovrano di paesi come l'Italia) e' funzionata egregiamente senza bisogno di convertire le parole in fatti. Questa volta, scrive il "New York Times", le cose sono andate diversamente. Le borse non hanno reagito alle parole del banchiere, anzi, hanno virato al ribasso mentre Draghi si rivolgeva agli investitori da Francoforte. La domanda di chi ha investito in Europa e' semplice: Draghi, forse il piu' forte tra i funzionari europei, e' forte abbastanza per trascinare l'eurozona fuori dalla palude?

In molti, sostiene Athanasios Orphanides, ex membro della board Bce e professore di economia al Massachusetts Institute of Technology, cominciano a mettere in discussione la credibilita' di una banca centrale che "promette di fare 'tutto il possibile', ma poi non agisce. E' difficile non giungere alla conclusione che la Bce non abbia operato in modo tale da adempiere al suo mandato istituzionale".

Per la Bce, insomma, le nuove sfide mortali alla tenuta della moneta unica - dalla riacutizzata crisi greca alla deflazione - costituiscono una sorta di stress-test. E per Draghi, il dilemma e' di non facile soluzione: le politiche espansive che potrebbero contribuire a salvare l'eurozona finirebbero anche per dividerla ulteriormente al suo interno. E cosi', nel tentativo di rimandare l'inevitabile, il presidente della banca centrale seguita a inviare segnali, a rassicurare che il programma di acquisto dei titoli di Stato e' in cantiere.

Paralizzato dalle divisioni interne al consiglio direttivo, conclude il "New York Times", Draghi rischia di veder sfumare la finestra utile a intervenire con decisione per evitare che la deflazione dell'area euro divenga una condizione cronica. Sempre che - ammette il quotidiano - il quantitative easing sia davvero la risposta ai mali di un'economia i cui attori produttivi tendono a finanziarsi piu' attraverso i canali bancari che tramite i mercati dei capitali, come accade invece negli Usa. 

Insomma, è la Grecia che potrebbe "crollare" o è la Bce che traballa? A questo punto arrivati, la domanda si pone.

Redazione Milano.


ALTRO CHE GRECIA, E' LA BCE CHE POTREBBE CROLLARE: SE NON AGISCE, AFFONDA L'EUROZONA. SE AGISCE, LA UE SI SGRETOLA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DRAGHI   BCE   VETI   INCROCIATI   BANCA   PRESTITI   DIVISIONI   NEW YORK TIMES   DILEMMA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
 
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CAMPOLONGO: ''TRE VIE PER LA FINE DELL'EURO: DRAMMATICA, CATASTROFICA, PRATICABILE. CON LA CERTEZZA CHE UNA S'AVVERERA'''

CAMPOLONGO: ''TRE VIE PER LA FINE DELL'EURO: DRAMMATICA, CATASTROFICA, PRATICABILE. CON LA CERTEZZA
Continua

 
FINANCIAL TIMES: ECCO LA PARABOLA DISCENDENTE DELL'EURO, DAI PICCHI DI 1,60 SUL DOLLARO AL PRECIPIZIO DI OGGI: 1,17

FINANCIAL TIMES: ECCO LA PARABOLA DISCENDENTE DELL'EURO, DAI PICCHI DI 1,60 SUL DOLLARO AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua
Precedenti »