44.284.053
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL GIORNO PIU' NERO DEL GIORNALISMO FRANCESE E MONDIALE: LA NUDA CRONACA DEL MASSACRO NELLA REDAZIONE DELL'HEBDO'

mercoledì 7 gennaio 2015

PARIGI - E' il giorno più nero per l'informazione in Francia. Un commando armato di kalashnikov oggi ha fatto irruzione nella redazione di Charlie-Hébdo, il giornale satirico noto per aver pubblicato le vignette sul profeta Maometto, e ha massacrato chi vi si trovava dentro. Dodici persone sono rimaste uccise, tra queste alcune delle migliori penne della satira transalpina. Altre undici persone sono state ferite, secondo il capo della Procura.

L'attacco terroristico è stato il più grave in Francia degli ultimi 40 anni. Tra i morti il Charb (Stephane Charbonnier), il disegnatore-direttore del provocatorio settimanale, i grandi disegnatori Goerges Wolinski e Jean Cabut "Cabu" (80 e 76 anni), il caricaturista Bernard Verlhac (Tignous) e l'economista sessantottenne Bernard Maris, che collaborava a Charlie Hebdo con lo pseudonimo di "Zio Bernard".

Ad attaccare la sede del settimanale, che già in passato era stato oggetto di un attentato incendiario è stato un commando di tre persone, secondo quanto ha detto il ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve.

L'attacco è iniziato verso le 11.20. I due uomini armati si sono presentati al numero 6 di via Nicolas-Appert, dove si trovano gli archivi del giornale. Hanno urlato: "E' qui Charlie Hebdo?". Ma si sono resi conto di aver sbagliato indirizzo e hanno proseguito verso il numero 10. Hanno sparato all'incaricato alla portineria, poi sono saliti al secondo piano, dove si trova la redazione.

All'interno della redazione è stato un bagno di sangue. I killer, che evidentemente avevano studiato l'azione, sono entrati proprio mentre si teneva la riunione di redazione. Alcuni testimoni, secondo quanto ha detto il capo della procura di parigi , hanno sentito gli aggressori urlare "Allahu akhbar" ("Allah è grande") e "abbiamo vendicato il profeta". I killer, inoltre, avrebbero chiamato per nome le vittime. "I due uomini hanno aperto il fuoco e hanno freddato le persone unite per la riunione di redazione e il poliziotto destinato alla protezione del disegnatore Charb, che non ha potuto rispondere al fuoco", ha raccontato una fonte giudiziaria. Solo una persone è riuscita a nascondersi sotto la tavola, restando illesa.

Attorno alle 11.30 allertata da una chiamata, la polizia, si è precipitata, trovandosi faccia a faccia con i killer in fuga. C'è stato uno scontro a fuoco. I due hanno cercato di fuggire a bordo di una Citroen C3 nera e si sono trovati di fronte a una vettura della polizia. Hanno sparato contro il parabrezza, senza ferire gli agenti. Nella sparatoria, un agente in uniforme di una quarantina d'anni, è rimasto ferito a terra. A quel punto i due uomini sono usciti dalla loro vettura e si sono avvicinati correndo verso il poliziotto che ha alzato le mani e ha chiesto: "Volete uccidermi?" Senza alcuna esitazione, uno dei due killer gli ha sparato alla testa, uccidendolo. Poi si sono avvicinati a un'altra automobile, hanno costretto a scendere il guidatore, rimasto leggermente ferito, e hanno preso la macchina, poi abbandonata presso un parco nel nord-est della capitale. In seguito hanno bloccato un'ulteriore auto e sono fuggiti verso il nord della capitale. Le forze dell'ordine a quel punto hanno perso le loro tracce. Dopo gli spari, un grande numero di agenti di polizia e di ambulanze sono accorse sulla scena. I residenti scioccati sono scesi in strada.

E' cominciata una caccia al commando, che per il momento non ha dato frutti. La capitale è stata posta in allarme rosso, un incremento di un'allerta già alta a causa del conflitto in Siria e del fatto che molti jihadisti del sedicente Stato islamico (Isis) provengono dai paesi occidentali. Un uomo, che ha visto quanto è accaduto, ha parlato della scena di un film. "Li ho visti andar via e sparare. Indossavano maschere. Quella gente era preparata", ha detto un uomo che non ha fornuito il suo nome. "Dapprincipio - ha aggiunto - avevo pensato che fossero forze speciali impegnate in un'operazione antidroga". 

"E' un attentato terroristico, non vi è dubbio, di una barbarie eccezionale, che ha assassinato giornalisti e poliziotti per colpire al cuore la democrazia e la libertà di espressione, principi che la nostra Repubblica difende", ha detto il capo dell'Eliseo giunto sul luogo della strage. Francois Hollande ha ricordato che il settimanale era già stato minacciato più volte in passato e che per questo era protetto. "Siamo in un momento molto difficile, sono stati sventati diversi attentati di recente, e noi puniremo gli autori. Nessuno può pensare di agire in Francia contro i principi di libertà della nostra Repubblica", ha aggiunto. Da tutto il mondo è arrivato unanime la solidarietà alla Francia. Il presidente Usa Barack Obama, il primo ministro britannico David Cameron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente russo hanno condannato l'attentato.

Quello di oggi è stato il peggiore attentato in Francia da decenni. Nel 1995 esplose una bomba nella stazione della metropolitana di Paris-Saint Michel, uccidendo otto persone e ferendone 119. Responsabile ne furono i radicali islamici algerini. Inoltre, Mohammed Merah, che si diceva ispirato dal al Qaida, nel 2012 a Tolosa ha ucciso otto persone, tra le quali tre soldati francesi e quattro ebrei (tre bambini e un rabbino). Charlie Hébdo è finita nel mirito degli estremisti islamici doppo aver ripubblicato nel 2006 una serie di caricature di Maometto, originariamente pubblicate dal giornale danese Jyllands-Posten, che fecero infuriare il mondo islamico. Poi nel settembre 2012 Charlie Hebdo pubblicò altre vignette che mostravano Maometto nudo. Il direttore, Charb, viveva sotto la protezione della polizia, dopo aver ricevuto minacce.

Redazione Milano.


IL GIORNO PIU' NERO DEL GIORNALISMO FRANCESE E MONDIALE: LA NUDA CRONACA DEL MASSACRO NELLA REDAZIONE DELL'HEBDO'




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GLI EROI DELLA LIBERTA' DI STAMPA MASSACRATI A PARIGI DAI TAGLIAGOLE ISLAMICI: ECCO COSA PENSAVANO E PERCHE' LO FACEVANO

GLI EROI DELLA LIBERTA' DI STAMPA MASSACRATI A PARIGI DAI TAGLIAGOLE ISLAMICI: ECCO COSA PENSAVANO
Continua

 
DUE FRATELLI DI NAZIONALITA' FRANCESE MA DI ORIGINE ALGERINA PIU' UNO SBANDATO DI 18 ANNI SONO I TRE KILLER DELL'HEBDO'

DUE FRATELLI DI NAZIONALITA' FRANCESE MA DI ORIGINE ALGERINA PIU' UNO SBANDATO DI 18 ANNI SONO I
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!