43.275.256
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
++++++ La Commissione Ue ha inviato all'Italia la lettera con la richiesta di aggiustamento dei conti ++++++

CAMPOLONGO: ''TRE VIE PER LA FINE DELL'EURO: DRAMMATICA, CATASTROFICA, PRATICABILE. CON LA CERTEZZA CHE UNA S'AVVERERA'''

mercoledì 7 gennaio 2015

“Secondo il trattato Ue l'appartenenza alla zona euro e' irrevocabile''. ''L'euro c'e' per restare' e crescere ed ha provato la sua resilienza'' parole e musica del portavoce della commissione ue.

Premesso che di irrevocabile al mondo esiste ben poco, meno ancora esistono unioni monetarie destinate a durare in eterno. Anzi, per la verità, come ben documentato dal noto economista Alberto Bagnai, sono più quelle fallite che quelle sopravvissute. La storia, quindi, sembra non essere dalla parte dei proclami degli oligarchi europei, e la scienza economica nemmeno.

L’euro, infatti, è riuscito, incredibile a dirsi, a mettere d’accordo gli economisti della scuola keynesiana e quelli della dottrina monetarista sul fatto che non potrà sopravvivere per il semplice motivo che non avrebbe neppure dovuto nascere.

Di questa follia dobbiamo in primis ringraziare un certo Francois Mitterand, sì proprio il presidente della repubblica francese che dava cordiale ospitalità sul suolo d’oltralpe ai terroristi rossi in fuga dall’Italia con le mani sporche di sangue. Un vero padre nobile per un moneta che fino ad ora ha portato solo che distruzione e miseria.

Ora, posto che le due più grandi scuole di pensiero economico sono concordi sul fatto che l’euro ha prodotto solo disastri e che è destinato a fallire proprio a causa della sua stessa struttura, cosa ci possiamo attendere?

Tre possono essere gli scenari:

1) La Germania fa pressioni sulla BCE perchè alzi i tassi d’interesse in quanto la moneta unica perde troppo valore sul dollaro (ricordiamo che nel giro di pochissimo tempo il rapporto di cambio è passato da 1,40 circa a meno di 1,18 quotazione del 7 gennaio 2015) e questo mette a repentaglio il sistema bancario teutonico e la sua marea di derivati, oltre che esporre alla concorrenza degli altri paesi ue le sue industrie. Se la BCE dovesse cedere alle richieste di Berlino, per i paesi maggiormente indebitati, come l’italico stivale, tornerebbero le pressioni sulla sostenibilità del debito sovrano che, grazie alle “miracolose” ricette impartite dalla commissione ue ed attuate prontamente dal terzetto Monti-Letta-Renzi è letteralmente esploso. Lo stesso può dirsi per Spagna, Portogallo, Grecia e parzialmente per la Francia. Tutti paesi che sono in recessione tecnica, con disoccupazione alle stelle ed un sistema produttivo ridotto ai minimi termini (nonostante la retorica dei mass media italiani che parlano di “miracolo” spagnolo o greco.) A questo punto, sarebbero necessarie nuove manovre correttive per tranquillizzare i “mercati”, come aumenti delle tasse e patrimoniali varie, che non farebbero altro che aggravare la crisi. Crisi, che è bene ricordarlo, supera per durata e profondità quella del 1929. Ora, poichè è impossibile spremere un limone esausto, l’esito sarebbe quindi quello inevitabile e previsto dagli economisti di entrambi gli schieramenti: l’implosione della zona euro in modo del tutto incontrollato e caotico, dato che le varie nazioni alzerebbero bandiera bianca in modo del tutto scoordinato. Traduzione: forti perdite per i detentori di titoli di stato, rischio di blocco dei conti correnti e prelievi forzosi, dissesto del sistema bancario.

2) Nel secondo scenario, la scintilla della fine dell’euro parte da Atene. Ipotizziamo che Syriza vinca le elezioni. Se Tispras dovesse attuare il suo programma più radicale, ovvero il taglio del 70% del debito pubblico greco, le grandi banche tedesche andrebbero in fibrillazione, provocando forti tensioni sui mercati. Inoltre l’insolvenza della Grecia si abbatterebbe come un tornado sulle più che fraqili economie spagnole, portoghesi ed ovviamente italiane, dove gli investitori chiederebbero tassi d’interesse ben più elevati di quelli attuali per continuare ad acquistare titoli di stato. La situazione diverrebbe presto insostenibile, anche in presenza del fondo salva stati, mentre se la BCE decidesse di fare operazioni di mercato aperto (ovvero acquistare direttamente i titoli di stato dei paesi a rischio) andrebbe a sbattere contro l’ostruzionismo della Germania e dei paesi alleati. Il risultato sarebbe identico al precendente: implosione dell’euro con danni gravissimi per tutti i paesi, in particolare per i cosiddetti PIIGS. Le cose non cambierebbero molto se Tsipras attuasse il piano “morbido”, ovvero la moratoria sul pagamento degli interessi sul debito pubblico. Anche in questo caso, la crisi di fiducia sul debito sovrano dei paesi europei avrebbe serie ripercussioni sulla tenuta del sistema, ritardando, ma non evitando, il crollo della moneta unica.

3) Il terzo scenario, quello auspicato da tutti gli economisti più quotati (di tutte le scuole di pensiero, è bene ricordarlo) è quello di un’uscita programmata e gestita dei paesi maggiormente in difficoltà dall’euro: Grecia, Spagna, Portogallo, Italia, Francia. A chi dice che l’euro è irreversibile, ricordiamo che il trattato dell’unione prevede la possibilità per gli stati di uscire dall’unione europea ed è normata dall’articolo 50, commi 1 e 2 del trattato (ergo, il portavoce della ue o è in mala fede, o ignora ciò di cui si sta parlando). Qualcuno potrebbe obiettare che così facendo, non si smantellerebbe semplicemente l’euro, ma anche la stessa unione europea. Domanda: di chi è la responsabilità del disastro economico che ha rovinato il futuro di almeno una generazione? Esatto, proprio della ue, per cui, per quale motivo questo moloch che ricorda, per il fallimento storico, in tutto e per tutto l’URSS dovrebbe restare in piedi? Mettendo in pratica le clausole di uscita dall’unione e quindi concordando in modo serio i passi da compiere, stabilendo i rapporti di cambio iniziali tra le nuove valute e l’eventuale nocciolo residuo dell’eurozona sarebbe possibile attuare una transizione del tutto indolore ed in grado di ridare slancio a tutte le economie delle nazioni coinvolte, ponendo fine ad uno dei più grossi fallimenti (conosciuto e previsto fin dall’inizio) della storia non solo economica, ma anche politica.

Noi, ovviamente, auspichiamo la terza via, quella proposta da Marine Le Pen, da Matteo Salvini e da altri leader euro scettici; tuttavia, vista l’arroganza messa in campo fino ad ora dagli oligarchi della ue, temiamo che assisteremo allo scenario n°1 e di questo dovranno risponderne non solo davanti al tribunale della storia, ma a quello dei popoli europei.

Luca Campolongo

www.sosimprese.info

consulenza@sosimprese.info

Nota metodologica: per i giudizi e le analisi dei più prestigiosi economisti mondiali sull’euro ed il suo fallimento, cfr A. Bagnai, “l’Italia può farcela”


CAMPOLONGO: ''TRE VIE PER LA FINE DELL'EURO: DRAMMATICA, CATASTROFICA, PRATICABILE. CON LA CERTEZZA CHE UNA S'AVVERERA'''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua
 
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DEFINITIVO SCHIAFFONE ALLA FRANCIA (DI HOLLANDE): NON E' PIU' LA QUINTA ECONOMIA DEL MONDO, L'INGHILTERRA L'HA SUPERATA!

DEFINITIVO SCHIAFFONE ALLA FRANCIA (DI HOLLANDE): NON E' PIU' LA QUINTA ECONOMIA DEL MONDO,
Continua

 
ALTRO CHE GRECIA, E' LA BCE CHE POTREBBE CROLLARE: SE NON AGISCE, AFFONDA L'EUROZONA. SE AGISCE, LA UE SI SGRETOLA

ALTRO CHE GRECIA, E' LA BCE CHE POTREBBE CROLLARE: SE NON AGISCE, AFFONDA L'EUROZONA. SE AGISCE, LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua
Precedenti »