44.297.126
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GLI EROI DELLA LIBERTA' DI STAMPA MASSACRATI A PARIGI DAI TAGLIAGOLE ISLAMICI: ECCO COSA PENSAVANO E PERCHE' LO FACEVANO

mercoledì 7 gennaio 2015

Straordinaria - e profetica - intervista al redattore capo dell'Hebdò, Gérard Biard, realizzata nel 2012 e pubblicata dal quotidiano spagnolo El Pais.

"La redazione di Charlie Hebdo, nel distretto 19 di Parigi, brulica di giornalisti di altre testate e paesi. Il ridotto gruppo di 20 redattori e disegnatori del settimanale satirico non basta per rispondere a tutte le domande. La pubblicazione di alcune caricature di Maometto – la più provocatoria raffigura il Profeta che esce cadendo come Brigitte Bardot  in Il disprezzo di Godard –  ha trasformato la rivista parigina nel nuovo epicentro della collera fondamentalista. Per telefono, il redattore capo incaricato dei testi, Gérard Biard (1959), nega le accuse e afferma che si è limitato a compiere il suo dovere di giornalista.

Domanda: Circolano cifre diverse sulla tiratura emessa ieri. Quanto avete venduto?

Risposta: La tiratura è stata quella di sempre, 70.000 copie, e le abbiamo vendute tutte. E Venerdì ne pubblicheremo altrettante. Questa è la prova delle falsità di certe affermazioni che sostengono che il nostro è un colpo pubblicitario. Ci hanno sorpreso molto le ripercussioni, questo impatto così sproporzionato.

D.: Vi si accusa di essere opportunisti ed irresponsabili per aver alimentato i focolai, scatenati dal video del film L’innocenza dei mussulmani.

R.: Abbiamo fatto quello che facciamo tutte le settimane: commentare l’attualità di un trailer di una pellicola stupida, distribuita su Internet che ha generato manifestazioni e attentati con diversi morti. Siamo un giornale satirico di attualità e abbiamo fatto quello che sempre facciamo, niente di diverso dal nostro lavoro che svolgiamo da molto tempo.

D.: Il ministro degli Esteri, Laurent Fabius, e la Casa Bianca hanno affermato che siete stati degli irresponsabili.

R.: Qual’è la responsabilità di un giornalista? Raccontare l’attualità o cedere alla violenza? Credo sia commentare quello che succede, soprattutto se entra nel pieno della linea editoriale, come è successo in questo caso. Noi combattiamo le religioni, tutte, quando entrano nella sfera pubblica e politica. Come si può giustificare la proibizione a dei giornalisti di trattare l’attualità. L’autocensura è il principio del totalitarismo. Non possiamo cedere alla violenza. La Francia è uno Stato di diritto laico e dobbiamo obbedire alla legge francese, abbiamo la stessa responsabilità del resto della stampa. Non abbiamo insultato nessuno. Ma se qualcuno pensa così, può andare in tribunale.

P.: Cosa pensa della reazione del Governo francese?

D.: Ci sembra che chiudere le ambasciate e le scuole rientra all’interno del suo ruolo protettore. Se credono ci siano dei rischi è giusto che lo facciano. Un’altra cosa è che Fabius si permetta di criticare un giornale satirico e indipendente per fare il suo lavoro. Ci sono due linee nel Governo. Una indietreggia davanti alla libertà di espressione, e altri come Manuel Valls (Ministro degli Interni) o Vincent Peillon (Ministro dell’Educazione) ci hanno appoggiati.

D.: Gli imam hanno detto che le caricature denotano razzismo e islamofobia.

R.: Criticare una religione non è razzista. Una democrazia non si definisce in base alla sua religione, ma per la sua libera espressione di idee. La religione deve essere privata. I mussulmani non sono di un’unica razza, sono di più razze. Le persone che si definiscono mussulmane, si lasciano manipolare esclusivamente dai loro leader religiosi che gli dicono che la loro identità è la loro religione. In Francia, l’identità è la cittadinanza. Non è Dio che ci dà il diritto al voto. Rifiutiamo in toto le accuse di razzismo. E l’islamofobia è l’accusa che ha portato avanti il regime iraniano al tempo della fatwa a Rashdie, per legittimare il suo antisemitismo. Più avanti parleremo anche della cristianofobia.

D.: Il Papa parla proprio di quella.

R.: Sì, lo accettiamo. Noi attacchiamo le religioni. Siamo un giornale laico. Quando le religioni invadono lo spazio della politica, devono accettare le critiche e le caricature come i politici.

D.: Quale pensa sia la caricatura che ha dato più fastidio?

R.: Questo è il nocciolo della questione. Posso capire che qualcuno sia colpito da uno shock intimo vedendo una parodia di Maometto in copertina, ma non è il nostro caso . Sulla copertina ci sono un rabbino ed un imam. Le caricature sono nella controcopertina e nelle pagine interne. La maggior parte della gente che sta protestando non le ha viste, come con la pellicola: in pochi l’hanno vista. Per scandalizzarsi è importante che si compia il tragitto per andare a comprare al chiosco la rivista! Siamo davanti ad una grande manipolazione: alcune persone hanno tanta voglia che certi si scandalizzino. A me non piacciono le religioni e non per questo vado in chiesa o in moschea a protestare".

El Pais.


GLI EROI DELLA LIBERTA' DI STAMPA MASSACRATI A PARIGI DAI TAGLIAGOLE ISLAMICI: ECCO COSA PENSAVANO E PERCHE' LO FACEVANO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

HEBDO'   MASSACRO   GIORNALISTI   EROI   LIBERTA'   DI STAMPA   PARIGI   FRANCIA   INTERVISTA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO / MARTIN SCHULZ ACCUSA: ''LA MERKEL HA UN'INDOLE AUTORITARIA, E' PERICOLOSA. NON RISPETTA I POPOLI EUROPEI''.

CLAMOROSO / MARTIN SCHULZ ACCUSA: ''LA MERKEL HA UN'INDOLE AUTORITARIA, E' PERICOLOSA. NON RISPETTA
Continua

 
IL GIORNO PIU' NERO DEL GIORNALISMO FRANCESE E MONDIALE: LA NUDA CRONACA DEL MASSACRO NELLA REDAZIONE DELL'HEBDO'

IL GIORNO PIU' NERO DEL GIORNALISMO FRANCESE E MONDIALE: LA NUDA CRONACA DEL MASSACRO NELLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!