50.062.430
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MAGGIORI ECONOMISTI AMERICANI CONCORDANO: DALL'USCITA DELLA GRECIA DALL'EURO TURBOLENZE PEGGIORI DEL FALLIMENTO LEHMAN

lunedì 5 gennaio 2015

La paura che, con l’arrivo di un nuovo Governo, l’ex potenza ellenica abbandoni l’area euro, è divenuta tangibile e concreta. A detta di alcuni dei maggiori economisti, questa potrebbe portare a turbolenze sui mercati finanziari europei così consistenti da essere maggiori anche al fallimento della Lehman Brothers.

Barry Eichengreen, storico dell'economia presso l'Università della California (Berkeley), ha spiegato che la decisione di Atene potrebbe essere la scintilla di un enorme falò: quello che manderebbe in fumo l’Eurozona.

Lasciata da parte, come potrebbe la Grecia sopravvivere da sola al di fuori della zona euro - si chiede lo studioso.E prosegue: "E' interessante notare come, in primo luogo, a risentirne sarebbe il comparto bancario europeo, che tanto ha faticato per riacquisire una stabilità strutturale d’insieme. Stabilità, questa stessa, valutata secondo i parametri statunitensi, i quali, a livello di concretezza delle poste, dovrebbero forse farsi un esame di coscienza". Ma sarebbe una catastrofe comunque.

Grecia fuori dall’euro, quindi? Sì, e con gli interessi... Se così fosse, c’è poco da prevedere: il fallimento dell’unione monetaria risulterebbe chiaro come un errore a china nera sul foglio bianco: incancellabile.

"Nel breve periodo” ha affermato Eichengreen, “sarebbe una Lehman Brothers al quadrato”, con i politici europei che, mantenendo l’aplomb che li ha contraddistinti dallo scoppio della crisi, ”dovrebbero ingoiare in silenzio ancora una volta" e stipulare i compromessi necessari per mantenere la Grecia nella unione monetaria. "Tenere la zona euro assieme sarà costoso, difficile e doloroso per i politici, ma se questa si dovesse rompere, sarà ancora più costoso e più difficile”.

Trovare una strada alternativa sarebbe dunque plausibile e comprensibile, specie per paesi (la Germania) che nell’euro ci hanno creduto fermamente, sia per questioni di principio, sia per la convinzione di poter prevaricare su tutti. Parole come pietre.

Oltre a Eichengreen, altri 3 dei maggiori economisti americani si sono dimostrati pessimisti circa le prospettive per il progetto “moneta unica”.

Jeffrey Frankel, Professore di economia presso la Harvard University, ha detto che gli investitori mondiali “si sono accumulati sui mercati europei” nel corso degli ultimi anni, mentre ora, ci sarà probabilmente una ripetizione dei periodi di turbolenze e gli spread tra titoli sovrani europei potrebbero nuovamente allargarsi.

Ciò tornerebbe a segnare la disomogeneità tra i paesi membri e, dunque, un’ancora elevata lacuna di fondo che potrebbe aprire nuovi spiragli d’uscita agli stati in difficoltà.

Mentre Kenneth Rogoff, ex chief economist presso il Fondo Monetario Internazionale, nonché Professore di Harvard, ha sostenuto che l'euro "è un disastro storico”. Ciò, tuttavia, ”non significa che sia facile da rompere," ma che, piuttosto, costringerà i paesi che ne fanno parte a trovare una soluzione univoca volta al minor dispendio possibile di energie. Se questo sia fattibile, è questione da discutere.

Martin Feldstein, critico di lunga data sul progetto euro, ha detto che tutti i tentativi intrapresi dall’Europa e volti a tornare in una società di crescita sana hanno fallito. “Penso che non ci sia un modo per porre fine alla crisi dell'euro", ha detto Feldstein. Le opzioni in discussione per arginare la crisi, tra cui la possibilità di lanciare un Quantitative Easing su larga scala da parte della Banca centrale europea, “non sono a mio giudizio suscettibili di successo", ha sottolineato.

Il modo migliore per garantire la sopravvivenza dell’euro, a detta di Feldstein, sarebbe che ogni singolo Stato membro della zona euro adottasse le proprie politiche fiscali per stimolare la domanda, compreso il taglio dell'imposta sul valore aggiunto per i prossimi cinque anni, che potrebbe determinare un aumento della spesa dei consumatori e, dunque, un ripristino della domanda.

Come dargli torto? La vera domanda da porsi, tuttavia, è un’altra: se l’unico modo di salvare l’Eurozona è appellarsi alla libera iniziativa degli stati, l’Unione, precisamente, in cosa consiste? E soprattutto: a che accidenti serve, oltre a drenare monumentali risorse per mantere una casta faraonica di "funzionari" e oligarchi a Bruxelles?

 

Fonte notizia: News Trend Online - che ringraziamo.

Redazione Milano.


MAGGIORI ECONOMISTI AMERICANI CONCORDANO: DALL'USCITA DELLA GRECIA DALL'EURO TURBOLENZE PEGGIORI DEL FALLIMENTO LEHMAN




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO DOMINGO (ZERO TASSE!)

DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO

venerdì 28 luglio 2017
Mentre il ducaconte renziloni - al secolo Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio targato Pd dell'Italia  - prende scoppole a destra ed a manca, soprattutto dal neopresidente francese, a
Continua
 
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / LA LEGGE DI (IN) STABILITA' DEL GOVERNO AUMENTA LE TASSE A TUTTI: 2015 ITALIANO DA INCUBO

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / LA LEGGE DI (IN) STABILITA' DEL GOVERNO AUMENTA LE TASSE A TUTTI:
Continua

 
DEFINITIVO SCHIAFFONE ALLA FRANCIA (DI HOLLANDE): NON E' PIU' LA QUINTA ECONOMIA DEL MONDO, L'INGHILTERRA L'HA SUPERATA!

DEFINITIVO SCHIAFFONE ALLA FRANCIA (DI HOLLANDE): NON E' PIU' LA QUINTA ECONOMIA DEL MONDO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!