50.715.944
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA LETTONIA SI SCHIERA APERTAMENTE CONTRO LE SANZIONI ALLA RUSSIA (NOTIZIA CENSURATA) MENTRE LA LITUANIA ENTRA NELL'EURO

sabato 3 gennaio 2015

La Lettonia come tutti gli stati baltici e' sempre stata ostile alla Russia ma anche tra i politici lettoni cresce l'opposizione verso le politiche antirusse adottate dall'Unione Europea e a tale proposito e' importante notare la dichiarazione fatta alcuni giorni fa da Nils Usakovs in un'intervista rilasciata all'agenzia russa TASS.

Per chi non ne avesse mai sentito parlare, questo signore e' il sindaco di Riga e in questa intervista ha spiegato come le sanzioni adottate contro la Russia stiano danneggiando l'economia lettone e nonazioni solo per via del calo delle esportazioni.

Il sindaco della capitale lettone e' preoccupato per il fatto che sempre meno turisti russi visitano il suo paese e teme che tra breve la compagnia petrolifera russa Transneft possa boicottare i porti della Lettonia e usare quelli russi, una decisione che danneggerebbe Riga visto che le attivita portuali sono uno dei settori trainanti dell'economia cittadina.

Per tale motivo Usakovs invita l'Unione Europea ad abbandonare questa politica fallimentare e forse la scelta di rilasciare un'intervista alla TASS non e' casuale ma ha lo scopo di far capire alle autorita' russe che non tutti i lettoni appoggiano le decisioni prese dai parassiti di Bruxelles e quindi esistono gli elementi per aprire un dialogo tra i due paesi.

D'altra parte il sindaco di Riga ha fatto capire che il suo scopo e' fare gli interessi della nazione e per quanto possa odiare la Russia sa benissimo che l'economia lettone e' fortemente dipendente da quella russa e ignorare questa realta' sarebbe una follia.

Al momento non e' chiaro se Federica Mogherini e i suoi colleghi abbiano intenzione di stare a sentire il sindaco di Riga ma quel che e' certo e' che questa intransigenza rischia di far crescere nei paesi baltici l'ostilita' verso la UE.

Ovviamente, in Italia in questi giorni si è dato molto risalto all'ingresso della confinante Lituania nell'euro e neppure una riga sulle posizioni anti sanzioni della Lettonia, che nell'euro è entrata a gennaio 2014. Questo dovrebbe fare capire che razza di censura e asservimento ai poteri degli oligarchi di Bruxelles esiste in Italia. 

GIUSEPPE DE SANTIS


LA LETTONIA SI SCHIERA APERTAMENTE CONTRO LE SANZIONI ALLA RUSSIA (NOTIZIA CENSURATA) MENTRE LA LITUANIA ENTRA NELL'EURO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

LETTONIA   RUSSIA   SANZIONI   EURO   LITUANIA   UE   RIGA   TURISMO   TASS    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / LA DEMOCRAZIA E' NATA IN GRECIA CHE SIA ANCORA LA GRECIA A RIPORTARLA IN EUROPA NEL 2015?

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / LA DEMOCRAZIA E' NATA IN GRECIA CHE SIA ANCORA LA GRECIA A
Continua

 
GERMANIA E FRANCIA PREPARANO LA FINE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA, CHE POTREBBE ESSERE DECRETATA IL PROSSIMO 15 GENNAIO

GERMANIA E FRANCIA PREPARANO LA FINE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA, CHE POTREBBE ESSERE DECRETATA IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!