70.628.571
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''SORPRESA'' ISTAT: COSTO DEL LAVORO IN ITALIA PIU' BASSO DELLA MEDIA UE INCLUSI ANCHE GLI ONERI SOCIALI (JOBS ACT BUFALA)

lunedì 22 dicembre 2014

Il costo del laoro in Italia è "troppo alto" e per conseguenza il Jobs Act era "indispensabile"? Neanche per idea.

L'Italia è sotto la media dell'eurozona sia in fatto di salari che di costo del lavoro in generale. A dirlo sono i numeri dell'Istat, che fotografa la situazione al 2012, e dato che nessun contratto di lavoro è stato rinnovato, ne consegue che nel 2014 - oggi - è stato eroso anche dall'inflazione, per debole che sia, per non meno di un aggiuntivo 3%.

Veniamo ai dati. La retribuzione lorda per ora lavorata, la misura base del valore della prestazione, da noi e' pari a 19,9 euro. Cio' significa che un lavoratore tipo viene pagato in Italia meno di 20 euro ogni 60 minuti, contro i 21,2 della media dell'unione monetaria.

Quasi tutti i principali stati europei si mostrano piu' generosi, con in testa alla classifica la Danimarca (34,2 euro) e il Belgio (27,5). Appena fuori dal podio l'Irlanda, l'Olanda e la Germania. L'Italia viene anche superata dalla Francia.

In fondo alla graduatoria le 'economicissime' Bulgaria (2,9 euro) e Romania (3,2 euro). Grosso modo gli stessi divari si ritrovano guardando al costo del lavoro in senso lato( 27,5 euro contro 28,4 di Eurolandia).

Valore comprensivo non solo delle retribuzioni ma anche dei contributi sociali.

Una voce quest'ultima che da sola in Italia si mangia oltre un quarto delle spese sostenute dal datore, imprenditore o ente pubblico che sia.

Passando dai calcoli basati sulle ore lavorate a quelli che coprono un intero anno,  al 2012, emerge come ogni dipendente costi poco piu' di 41 mila euro. Tuttavia nelle tasche dei lavoratori ne arrivano 'solo' 29,9 mila. D'altra parte oltre un quarto, il 27,3%, va a finire nella voce 'contributi sociali', dove la fanno da padrone quelli obbligatori.

Di certo non incidono sulla quota 'contributi', quota stavolta superiore alla media dell'eurozona, le spese per formazione, limitate allo 0,2%. Piu' consistente e' invece la fetta destinata al Trattamento di fine rapporto (3,9%). L'Istat nel report sulla 'Struttura del costo del lavoro in Italia' fa anche sapere che una parte del Tfr, non maggioritaria ma neppure trascurabile, pari al 28,8%, sia versata in fondi di previdenza complementare, almeno stando al settore privato.

Quindi, riassumendo: NON serve alcuna RIFORMA del Lavoro, perchè già oggi il costo del lavoro in Italia è competitivo con quello della Germania e della Francia, le uniche due economie forti e paragonabili - produttivamente parlando - con quella italiana, almeno fino al 2012. Il Jobs Act, allora, è una colossale presa in giro. 

Redazione Milano. 


''SORPRESA'' ISTAT: COSTO DEL LAVORO IN ITALIA PIU' BASSO DELLA MEDIA UE INCLUSI ANCHE GLI ONERI SOCIALI (JOBS ACT BUFALA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

JOBS ACT   BUFALA   INUTILE   COMPETITIVITA'   ITALIA   COSTO LAVORO   PIU' BASSO   MEDIA UE   GERMANIA   FRANCIA   RENZI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI ITALIANI NON NE PUO' PIU'.

SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI

martedì 13 agosto 2019
LONDRA - Come ogni anno la commissione europea pubblica i risultati del cosiddetto Eurobarometro, un sondaggio fatto a livello europeo per conoscere il livello di popolarita' dell'Unione
Continua
 
SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA E SALVINI PREMIER!

SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA

venerdì 9 agosto 2019
Governo al capolinea, si va verso la parlamentarizzazione della crisi, con il premier Giuseppe Conte che potrebbe andare in Senato, per la fiducia, con un calendario ancora da decidere. Intanto ieri
Continua
CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA BASTIGLIA S'AVVICINA

CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA

lunedì 5 agosto 2019
LONDRA - I guai sembrano non finire mai per il presidente francese Emmanuel Macron. Non bastassero i gilet gialli adesso ci sono anche i contadini che protestano vivamente contro l'inquilino
Continua
 
ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA L'ITALIA, SEMPRE!

ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA

lunedì 5 agosto 2019
La politica è entrata ufficialmente in vacanza e l’augurio è che sia estremamente vantaggiosa ai 5S per raccogliere le idee ed uscire dal tunnel dell’opposizione interna
Continua
FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE LA BREXIT NEL MONDO

FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE

lunedì 29 luglio 2019
LONDRA - Nigel Farage e' veramente determinato a far uscire la Gran Bretagna dalla UE e lo dimostra il fatto che da molti anni sia in politica con questo scopo prima tramile lo UKIP e adesso col
Continua
 
LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO +13% CREMONA +13,2%

LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO

giovedì 25 luglio 2019
MILANO - Dal cioccolato ai formaggi, dal buon cibo al latte sino alle biciclette, alle barche e agli articoli sportivi. Cresce in maniera esponenziale l'export di prodotti legati al turismo dalla
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RUSSIA E INDIA SIGLANO UN ACCORDO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI PER TAGLIO E COMMERCIO DEI DIAMANTI RUSSI (BELGIO ROVINATO)

RUSSIA E INDIA SIGLANO UN ACCORDO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI PER TAGLIO E COMMERCIO DEI DIAMANTI
Continua

 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / LA LEGGE DI (IN) STABILITA' DEL GOVERNO AUMENTA LE TASSE A TUTTI: 2015 ITALIANO DA INCUBO

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / LA LEGGE DI (IN) STABILITA' DEL GOVERNO AUMENTA LE TASSE A TUTTI:
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!