63.443.148
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''IL FRONTE FAVOREVOLE ALLA CONTINUAZIONE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA E' INCRINATO''

lunedì 22 dicembre 2014

BERLINO - A pochi giorni da Natale, i capi di Stato e di governo dell'Unione Europea hanno espresso una "tormentata armonia" in merito alla politica delle sanzioni contro la Russia. E' vero che al vertice dello scorso fine settimana i leader comunitari sono stati molto vicini ad una spaccatura sulla politica da adottare nei confronti della Russia, ma sin dal principio hanno tentato di mantenere almeno un'apparenza di unione nella condanna al presidente russo Vladimir Putin. Un velo d'ipocrisia che però sembra avere i minuti contati. E ne scrive l'autorevole quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung

"L'Unione terra' fede alla sua linea; il Consiglio europeo e' pronto, se necessario, a fare un ulteriore passo avanti", si legge nel comunicato diffuso a margine del vertice. Ma questa e' solo una mezza verita, per la Faz: in realtà diversi leader vorrebbero che la morsa sanzionatoria fosse allentata.

Dalle indecisioni non è "immune nemmeno la Germania" sentenzia il primo quotidiano tedesco: il socialdemocratico tedesco esperto di politica estera, Ralf Mutzenich, si e' detto favorevole ad un'interruzione delle sanzioni contro la Russia nel caso in cui nell'Est dell'Ucraina venisse rispettata la tregua e venissero soddisfatte altre condizioni. Le sanzioni non sono fine a se stesse, ha dichiarato Muetzenich ai media. "Se nelle prossime settimane venisse rispettata la tregua nell'Est del Paese e se venisse applicato l'accordo di Minsk con la creazione di un'atmosfera di fiducia, anche le sanzioni potrebbero essere ridotte passo dopo passo".

L'accordo di Minsk - va precisato - prevede il cessate il fuoco, la smilitarizzazione di una zona lungo la linea del fronte del 19 settembre, il ritiro delle truppe internazionali e l'assunzione del controllo da parte dell'Osce. Intanto le imprese tedesche, però, sentono sempre di piu' le conseguenze delle sanzioni alla Russia.

Le potenti Camere di Commercio della Germania  vedono un calo dell'export del 15 per cento e parlano di una "situazione drammatica". Tuttavia si guardano bene dal chiedere al governo di Berlino una posizione piu' mite nei confronti della Russia, perchè in Germania c'è una vera separazione dei ruoli, e alle Camere di Commercio non competono quelli politici.

Sanno infatti - secondo il quotidiano tedesco "Frankfurter Allgemeine Zeitung" - che non esiste alternativa alle sanzioni economiche fino a quando il presidente russo Vladimir Putin non fornira' rassicurazioni credibili in merito alle velleita' espansionistiche della Russia, che però alla prova dei fatti risultano molto più una "fobia" americana che una reale minaccia per l'Europa.

Per questo motivo, secondo il quotidiano tedesco il ministro dell'Economia Sigmar Gabriel invia un segnale sbagliato quando parla di un possibile "crollo della Russia nel caos economico". Gabriel, insomma, sarebbe colpevole di "rompere i ranghi" della politica sanzionatoria dell'Occidente, e secondo il quotidiano dovrebbe limitarsi ad "assegnare correttamente le responsabilita'" della crisi che, sottintende il quotidiano, non sono esclusivamente russe. 

Quindi, se addirittura la paludata Frankfurter Allgemeine Zeitung arriva a scrivere che il fronte favorevole alle sanzioni alla Russia si è  pesantemente incrinato perfino in Germania, questa follia voluta e imposta anche tramite pressioni della Nato dalla Casa Bianca all'Europa potrebbe finire già nella prima metà del 2015.

Redazione Milano.


FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''IL FRONTE FAVOREVOLE ALLA CONTINUAZIONE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA E' INCRINATO''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DALLE PAROLE AI FATTI A TEMPO DI RECORD: IL DECRETO SICUREZZA A FIRMA SALVINI APPROVATO OGGI DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DALLE PAROLE AI FATTI A TEMPO DI RECORD: IL DECRETO SICUREZZA A FIRMA SALVINI APPROVATO OGGI DAL

lunedì 24 settembre 2018
"Sicurezza e Immigrazione, alle 12.38 il Consiglio dei ministri approva all'unanimita'! Sono felice". Con un post su Facebook il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo SALVINI, ha annunciato
Continua
 
DANIMARCA: PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (OMOLOGO DEL PD) SULL'IMMIGRAZIONE SI SCHIERA SU POSIZIONI NAZIONALISTE

DANIMARCA: PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (OMOLOGO DEL PD) SULL'IMMIGRAZIONE SI SCHIERA SU POSIZIONI

lunedì 24 settembre 2018
LONDRA   - Sono passate poche settimane da quando il parlamento danese ha vietato l'uso del burka ma adesso i legislatori danesi vogliono andare oltre con l'obiettivo di porre fine al
Continua
PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA FAMIGERATA ''REGOLA'' DEL 3%

PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA

giovedì 20 settembre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di accuse e critiche al governo italiano da parte di oligarchi ue e dei loro lacché nazionali. La cosa non deve sorprendere: il governo gialloverde
Continua
 
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TENTATIVO DI CORRUZIONE (DOCUMENTATA) DI PARLAMENTARI IN GRECIA PER FAR ELEGGERE PRESIDENTE IL CANDIDATO DEL GOVERNO

TENTATIVO DI CORRUZIONE (DOCUMENTATA) DI PARLAMENTARI IN GRECIA PER FAR ELEGGERE PRESIDENTE IL
Continua

 
ANALISI GRECIA / I CONTI NON MENTONO: LA GRECIA IN BANCAROTTA IN OGNI CASO, SIA COL NUOVO PRESIDENTE, SIA CON SYRIZA.

ANALISI GRECIA / I CONTI NON MENTONO: LA GRECIA IN BANCAROTTA IN OGNI CASO, SIA COL NUOVO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

REGIONE LOMBARDIA - DELIBERA ASSESSORE AL BILANCIO CAPARINI:65

24 settembre - MILANO - Approvata in Giunta regionale la delibera proposta
Continua

35 EURO CADA AFRICANO AL GIORNO SARANNO RIDOTTI (RISPARMIO 1,5

24 settembre - ''I 35 euro a migrante stanziati per l'accoglienza verranno rivisti in
Continua

SALVINI: ''CONSIGLIO MINISTRI APPROVA IL DECRETO SICUREZZA''

24 settembre - ROMA - ''DecretoSicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei Ministri approva
Continua

SALVINI: MANOVRA CORAGGIOSA ED ESPANSIVA. LO CHIEDONO GLI

23 settembre - ''In queste ultime settimane ho avuto modo di fare alcune chiacchierate
Continua

ATTILIO FONTANA: SIAMO IN GRADO DI FARE LE OLIMPIADI 2026 BENE E

22 settembre - ''Noi abbiamo dato la disponibilita' e non abbiamo nessun problema.
Continua

L'OCSE NON DEVE INTROMETTERSI NELLE SCELTE DI UN PAESE SOVRANO QUAL

20 settembre - ''L'Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il
Continua
IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO LA STESSA COSA

IN URSS SE NON ERI COMUNISTA ERI ''PAZZO''. GIUDICI FRANCESI FANNO

20 settembre - PARIGI - Marine Le Pen insorge contro la decisione di una giudice, che
Continua

SALVINI: EUROPA NON DEV'ESSERE PROFITTO SPECULAZIONE PRIVILEGI DI

20 settembre - Il presidente francese Emmanuel Macron ''dal gennaio dell'anno scorso ha
Continua

ENNESIMA PRESA PER I FONDELLI DA PARTE DELLA UE SUI ''MIGRANTI''

20 settembre - SALISBURGO - ''L'importante è che ci sia un'ampia partecipazione al
Continua

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua
Precedenti »