50.688.346
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

TENTATIVO DI CORRUZIONE (DOCUMENTATA) DI PARLAMENTARI IN GRECIA PER FAR ELEGGERE PRESIDENTE IL CANDIDATO DEL GOVERNO

venerdì 19 dicembre 2014

ATENE - Il partito nazionalista greco "Grecia Indipendente" ha denunciato un tentativo di corruzione in occasione del primo voto per l'elezione del Presidente, tenutasi mercoledì e finita con una fumata nera.

Uno dei deputati del partito, Pavlos Hailakis, ha riferito di essere stato avvicinato da "un uomo che svolge un ruolo attivo nella politica del Paese" e che gli avrebbe offerto tre milioni di euro in cambio del suo voto; secondo il leader della formazione, Panos Kammenos, l'anonimo corruttore sarebbe un ex consigliere bancario: l'accaduto sarebbe stato registrato da una telecamera e il video consegnato alla Procura di Atene, che avrebbe aperto un l'inchiesta.

Il governo ellenico da parte sua ha definito la vicenda "teatro di cattiva qualità", affermando che le accuse hanno lo scopo semplicemente di impedire l'elezione di un Presidente e "trascinare il Paese verso le elezioni anticipate". Senza però poter negare che l'episodio è realmente avvenuto: ci sono le prove addirittura televisive.

Quindi, il clima elettorale ora è diventato incandescente. Ricordiamo che in base alla Costituzione ellenica il Presidente - di nomina parlamentare come in Italia e non popolare come negli Stati Uniti - deve ottenere al primo o al secondo turno una maggioranza qualificata di due terzi, mentre nel terzo e ultimo turno questa è di soli tre quinti, pari a 180 voti.

La prossima votazione, sempre quindi con una soglia di 200 preferenze, è in programma il 23 dicembre mentre un eventuale terzo ed ultimo tentativo si svolgerà il 29 dicembre e in caso di ulteriore fallimento la Costituzione prevede un ricorso alle elezioni politiche, probabilmente entro il prossimo febbraio.

Il premier Antonis Samaras ha infatti deciso di anticipare al 17 dicembre il primo turno delle presidenziali per scegliere il successore dell'85enne Carolos Papoulias, designando come candidato conservatore l'ex Commissario Ue e Ministro degli Esteri Stavros Dimas e confidando in un successo che non appare affatto scontato, a maggior ragione dopo la bocciatura al primo scrutinio (in cui Grecia Indipendente ha votato contro).

In caso di elezioni anticipate la favorita è la sinistra radicale di Syriza, data saldamente in testa nei sondaggi e che pur avendo sostanzialmente ammorbidito le proprie posizioni nelle ultime settimane (escludendo un'uscita dall'euro, per esempio) rimane però sempre contraria alle riforme imposte dalla "Troika": ragion per cui i mercati temono, in caso di vittoria elettorale, una clamorosa marcia indietro proprio mentre Atene ha chiesto ed ottenuto una proroga di due mesi del piano di salvataggio, dal quale sarebbe dovuta uscire entro la fine dell'anno. Anche se l'attuale governo greco ha rigettato tutte le "indicazioni" della Troika...

Redazione Milano


TENTATIVO DI CORRUZIONE (DOCUMENTATA) DI PARLAMENTARI IN GRECIA PER FAR ELEGGERE PRESIDENTE IL CANDIDATO DEL GOVERNO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   ELEZIONI   PRESIDENTE   GOVERNO   SAMARAS   CORRUZIONE   PARLAMENTARI   EURO   TROIKA   ATENE   TENTATIVO   QUORUM   PROCURA   INCHIESTA   FILMATO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ECONOMIST DISEGNA UN 2015 SIMILE - IN PEGGIO - ALLA FINE DEGLI ANNI NOVANTA. SE HA RAGIONE, SARA'  ''INDIMENTICABILE''

L'ECONOMIST DISEGNA UN 2015 SIMILE - IN PEGGIO - ALLA FINE DEGLI ANNI NOVANTA. SE HA RAGIONE, SARA'
Continua

 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''IL FRONTE FAVOREVOLE ALLA CONTINUAZIONE DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA E' INCRINATO''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''IL FRONTE FAVOREVOLE ALLA CONTINUAZIONE DELLE SANZIONI ALLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!