50.830.325
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

COL JOBS ACT LE IMPRESE POSSONO GUADAGNARE 15.000 EURO A DIPENDENTE, SE LO ASSUMONO E DOPO 3 ANNI LO LICENZIANO (SCHIFO)

giovedì 18 dicembre 2014

Le imprese potrebbero avere dei benefici ad assumere per poi licenziare, soprattutto se il bonus assunzione diventera' strutturale. Questi benefici potrebbero variare dai 763 euro ai 5mila euro se si licenzia entro il primo anno (a seconda dei mesi di indennizzo); mentre se si licenzia alla fine dei 3 anni i benefici varierebbero dai 12 ai 15mila euro.

E' quanto emerge dalle simulazioni della Uil, che ha calcolato i benefici per l'azienda facendo il saldo tra somme a credito e a debito in caso di assunzione e licenziamento con il nuovo contratto agevolato dalla decontribuzione. Si e' considerato il costo dell'indennizzo pari, a seconda delle simulazioni, a una mensilita' e mezza o a due mensilita' per anno lavorato, calcolando anche l'ipotesi di fissare un'indennita' minima (scalino) di 3 o 4 mensilita' se il licenziamento avviene entro il primo anno. In particolare, se l'indennizzo fosse fissato in una mensilita' e mezza e se il licenziamento avvenisse entro il primo anno, per un reddito di 22mila euro il saldo per l'azienda sarebbe positivo di 5mila euro, che passerebbero a 15mila euro se il licenziamento avvenisse dopo 3 anni.

Prevedendo, invece, l'introduzione di uno scalino di 3 mensilita', il saldo, per un licenziamento dopo il primo anno per un reddito di 22mila euro, scenderebbe a 2.450 euro. Con questo stesso meccanismo, il licenziamento diventerebbe sconveniente per l'azienda nell'ipotesi di redditi superiori ai 40mila euro. Se si prendesse in considerazione un indennizzo di 2 mensilita'/anno, il beneficio per le aziende ad assumere e licenziare dopo un anno un lavoratore con uno stipendio di 22mila euro sarebbe di 4mila euro, che salirebbero a 12mila euro in caso di licenziamento dopo 3 anni. Se la soglia minima dell'indennizzo fosse di 4 mensilita', il beneficio per le aziende scenderebbe a 763 euro.

La convenienza scomparirebbe solo in presenza di redditi superiori ai 30mila euro. 

"Fermo restando che riteniamo inaccettabile il licenziamento illegittimo - ha detto il segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy - sarebbe comunque opportuno che l'azienda non ottenesse alcun vantaggio nel licenziare. Per questo la UiL, al posto di tanti bizantinismi, ritiene che i decreti legislativi dovrebbero prevedere, in caso di licenziamento illegittimo, che al lavoratore, oltre l'indennizzo, debba essere riconosciuto anche l'ammontare degli sgravi contributivi e fiscali goduti dall'azienda nel corso degli anni per quel lavoratore".

Secondo Loy, in questo modo si renderebbe "meno conveniente" licenziare: dopo un anno di lavoro a un dipendente licenziato andrebbero a titolo di risarcimento tra i 10.500 euro e i 15mila euro, a secondo delle ipotesi dell'indennizzo; dopo 3 anni tra i 31.600 euro e i 34mila euro; dopo 5 anni tra i 39mila euro e i 43mila euro. "Come si vede - ha aggiunto Loy - la proposta della Uil e' mirata a evitare che al danno (licenziamento ingiusto) si aggiunga anche la beffa (benefici da parte delle azienda ad assumere e licenziare).

E si premierebbero quelle imprese che, utilizzando i generosi benefici, contribuissero, concretamente, all'aumento del lavoro di qualita'. D'altronde, e' bene ricordare che licenziare in Italia e' possibile (oltre 900.000 lavoratori nel 2013) come certificano i dati del ministero del Lavoro: oggetto della discussione di questi giorni sono solo i casi nei quali un giudice ha stabilito l'illegittimita' di questa scelta aziendale".

Redazione Milano


COL JOBS ACT LE IMPRESE POSSONO GUADAGNARE 15.000 EURO A DIPENDENTE, SE LO ASSUMONO E DOPO 3 ANNI LO LICENZIANO (SCHIFO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

JOBS ACT   UIL   DENUNCIA   LEGGE   INGANNO   LUCRARE   SUI LICENZIAMENTI   ASSURDO   SINDACATO   RENZI   PD   GOVERNO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
 
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CROLLANO I CONSUMI DI BENZINA E GASOLIO, ANCHE A FRONTE DI NUOVE IMMATRICOLAZIONI. L'ITALIA E' FERMA.

CROLLANO I CONSUMI DI BENZINA E GASOLIO, ANCHE A FRONTE DI NUOVE IMMATRICOLAZIONI. L'ITALIA E'
Continua

 
RUSSIA E INDIA SIGLANO UN ACCORDO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI PER TAGLIO E COMMERCIO DEI DIAMANTI RUSSI (BELGIO ROVINATO)

RUSSIA E INDIA SIGLANO UN ACCORDO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI PER TAGLIO E COMMERCIO DEI DIAMANTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!