44.152.443
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ECONOMIST DISEGNA UN 2015 SIMILE - IN PEGGIO - ALLA FINE DEGLI ANNI NOVANTA. SE HA RAGIONE, SARA' ''INDIMENTICABILE''

giovedì 18 dicembre 2014

LONDRA - Attacchi speculativi alla Russia, caduta dei prezzi petroliferi, il dollaro forte,  una nuova corsa all'oro nella Silicon Valley, l'economia statunitense in ripresa, la debolezza della Germania e del Giappone, la svalutazione nei mercati emergenti, dall'Indonesia al Brasile.

Cos'è?

E' il mondo del 2015 o quello della fine degli anni Novanta?

La recente storia economica, secondo il settimanale britannico "The Economist", e' stata talmente dominata dalla crisi finanziaria del 2008-2009 che si e' dimenticato cio' che e' successo nei decenni precedenti.

Riconsiderare gli avvenimenti degli ultimi quindici anni puo' essere istruttivo per decidere che cosa dobbiamo fare e che cosa dobbiamo evitare.

Allora, come adesso, gli Usa erano all'avanguardia di una rivoluzione digitale, il prodotto interno lordo aumentava di oltre il quattro per cento all'anno, la disoccupazione, al quattro per cento, era al minimo trentennale. L'ottimismo statunitense contrastava con l'atmosfera cupa che si respirava altrove, ad esempio in Giappone, in deflazione dal 1997.

La Germania allora era "il malato d'Europa". I mercati emergenti erano in crisi. Alla fine anche per gli Stati Uniti iniziarono i problemi, con l'esplosione della bolla speculativa di internet del 2000.

Inevitabilmente, i confronti col passato sono imperfetti. A fare la grande differenza oggi e' la Cina: un attore secondario nel 1999 diventato ora il numero due dell'economia mondiale, se non il numero uno.

Tuttavia, si possono individuare tre fattori destabilizzanti per l'epoca che potrebbero esserlo ancora oggi. Il primo e' il divario tra gli Usa, che accelerano, e il resto del mondo, che rallenta.

Il secondo e' il preoccupante outlook di due grandi potenze, Germania e Giappone.

Il terzo e' il rischio proveniente dai mercati emergenti, in particolare dalla Russia e da alcuni paesi africani.

Se l'economia mondiale inciampasse di nuovo, ripristinare la stabilita' sarebbe piu' difficile questa volta, perche' il margine di manovra si e' ridotto e lo scenario politico e' cambiato, e non positivamente. 

A tutto questo, si aggiunge la crisi dell'Eurozona epicentrata sul cattivo funzionamento dell'euro, la cui gestione affidata alla Bce senza che abbia i poteri di tutte le altre banche centrali mondiali, non può che produrre instabilità e fragilità sia delle economie europee, sia della stessa valuta, sempre sotto scacco da quanto può accadere anche fosse in uno solo degli Stati che usano l'euro. Come la Grecia, ad esempio, ma non solo. 

Insomma, il 2015, per l'Economist, sarà un anno nel quale è bene avere a portata di mano dei cardiotonici...

Redazione Milano.

Articolo originale in lingua inglese: http://www.economist.com/news/leaders/21636742-world-economy-2015-will-carry-troubling-echoes-late-1990s-past-and-future-tense 


L'ECONOMIST DISEGNA UN 2015 SIMILE - IN PEGGIO - ALLA FINE DEGLI ANNI NOVANTA. SE HA RAGIONE, SARA'  ''INDIMENTICABILE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

THE ECONOMIST   PREVISIONI   2015   MONDO   USA   EUROPA   EURO   STATI EMERGENTI   PETROLIO   RUSSIA   BCE   LONDRA   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1° PERICOLO MIGRANTI ISLAMICI

INCHIESTA / FRANCIA: 82% CONTRO LA UE. GERMANIA: 81% HA PAURA DELLA UE. POLONIA E SVEZIA: 1°

lunedì 20 febbraio 2017
LONDRA - Che l'opposizione all'Unione Europea sia in crescita e' un dato di fatto riconosciuto anche dai parassiti di Bruxelles ma come stanno realmente le cose? Alcuni giorni fa il centro studi
Continua
INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI EUROPEI SENZA EURO

INCHIESTA / ECCO I VERI DATI DI PIL E DISOCCUPAZIONE DEI PAESI DELL'EURO A CONFRONTO CON QUELLI

venerdì 17 febbraio 2017
I media di regime continuano a propagandare il mito che “fuori dall’euro c’è solo miseria, povertà disoccupazione”, unito al mantra che il Regno Unito sta
Continua
 
LA CIA SPIO' MARINE LE PEN SARKOZY HOLLANDE INTROMETTENDOSI NELLE ELEZIONI PRESIDENZIALI DEL 2012 SU ORDINE DI OBAMA

LA CIA SPIO' MARINE LE PEN SARKOZY HOLLANDE INTROMETTENDOSI NELLE ELEZIONI PRESIDENZIALI DEL 2012

venerdì 17 febbraio 2017
WASHINGTON - Tutti i principali partiti politici francesi sono stati spiati dalla Cia durante l'amministrazione Obama, nei sette mesi che hanno portato alle elezioni presidenziali del 2012. Lo ha
Continua
''LA UE E' ANTIDEMOCRATICA ANTI-AMERICANA GONFIA DI BUROCRATI NON ELETTI E GLOBALISTI''(TED MALLOCH, DESIGNATO DA TRUMP)

''LA UE E' ANTIDEMOCRATICA ANTI-AMERICANA GONFIA DI BUROCRATI NON ELETTI E GLOBALISTI''(TED

mercoledì 15 febbraio 2017
BRUXELLES - Per sapere come viene vista la Ue negli Stati Uniti basta ascoltare cosa dice Ted Malloch, designato dal Presidente Trump ad essere il nuovo ambasciatore americano presso l'Unione
Continua
 
LA GRAN BRETAGNA CRESCE PIU' DI TUTTA L'EUROZONA E PIU' DELLA GERMANIA, MA GUAI A DIRLO ALLA GENTE (CENSURA TOTALE)

LA GRAN BRETAGNA CRESCE PIU' DI TUTTA L'EUROZONA E PIU' DELLA GERMANIA, MA GUAI A DIRLO ALLA GENTE

martedì 14 febbraio 2017
LONDRA - Che l'adozione dell'euro sia stato un colossale fallimento e' oramai un dato di fatto che nessuna menzogna da parte dei giornali di regime puo' smentire visto che i dati confermano questa
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL GOVERNO ORBAN DIFENDE LE PICCOLE IMPRESE UNGHERESI: IPERMERCATI E CENTRI COMMERCIALI CHIUSI LA DOMENICA, I NEGOZI NO.

IL GOVERNO ORBAN DIFENDE LE PICCOLE IMPRESE UNGHERESI: IPERMERCATI E CENTRI COMMERCIALI CHIUSI LA
Continua

 
TENTATIVO DI CORRUZIONE (DOCUMENTATA) DI PARLAMENTARI IN GRECIA PER FAR ELEGGERE PRESIDENTE IL CANDIDATO DEL GOVERNO

TENTATIVO DI CORRUZIONE (DOCUMENTATA) DI PARLAMENTARI IN GRECIA PER FAR ELEGGERE PRESIDENTE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!