49.892.278
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ECONOMIST DISEGNA UN 2015 SIMILE - IN PEGGIO - ALLA FINE DEGLI ANNI NOVANTA. SE HA RAGIONE, SARA' ''INDIMENTICABILE''

giovedì 18 dicembre 2014

LONDRA - Attacchi speculativi alla Russia, caduta dei prezzi petroliferi, il dollaro forte,  una nuova corsa all'oro nella Silicon Valley, l'economia statunitense in ripresa, la debolezza della Germania e del Giappone, la svalutazione nei mercati emergenti, dall'Indonesia al Brasile.

Cos'è?

E' il mondo del 2015 o quello della fine degli anni Novanta?

La recente storia economica, secondo il settimanale britannico "The Economist", e' stata talmente dominata dalla crisi finanziaria del 2008-2009 che si e' dimenticato cio' che e' successo nei decenni precedenti.

Riconsiderare gli avvenimenti degli ultimi quindici anni puo' essere istruttivo per decidere che cosa dobbiamo fare e che cosa dobbiamo evitare.

Allora, come adesso, gli Usa erano all'avanguardia di una rivoluzione digitale, il prodotto interno lordo aumentava di oltre il quattro per cento all'anno, la disoccupazione, al quattro per cento, era al minimo trentennale. L'ottimismo statunitense contrastava con l'atmosfera cupa che si respirava altrove, ad esempio in Giappone, in deflazione dal 1997.

La Germania allora era "il malato d'Europa". I mercati emergenti erano in crisi. Alla fine anche per gli Stati Uniti iniziarono i problemi, con l'esplosione della bolla speculativa di internet del 2000.

Inevitabilmente, i confronti col passato sono imperfetti. A fare la grande differenza oggi e' la Cina: un attore secondario nel 1999 diventato ora il numero due dell'economia mondiale, se non il numero uno.

Tuttavia, si possono individuare tre fattori destabilizzanti per l'epoca che potrebbero esserlo ancora oggi. Il primo e' il divario tra gli Usa, che accelerano, e il resto del mondo, che rallenta.

Il secondo e' il preoccupante outlook di due grandi potenze, Germania e Giappone.

Il terzo e' il rischio proveniente dai mercati emergenti, in particolare dalla Russia e da alcuni paesi africani.

Se l'economia mondiale inciampasse di nuovo, ripristinare la stabilita' sarebbe piu' difficile questa volta, perche' il margine di manovra si e' ridotto e lo scenario politico e' cambiato, e non positivamente. 

A tutto questo, si aggiunge la crisi dell'Eurozona epicentrata sul cattivo funzionamento dell'euro, la cui gestione affidata alla Bce senza che abbia i poteri di tutte le altre banche centrali mondiali, non può che produrre instabilità e fragilità sia delle economie europee, sia della stessa valuta, sempre sotto scacco da quanto può accadere anche fosse in uno solo degli Stati che usano l'euro. Come la Grecia, ad esempio, ma non solo. 

Insomma, il 2015, per l'Economist, sarà un anno nel quale è bene avere a portata di mano dei cardiotonici...

Redazione Milano.

Articolo originale in lingua inglese: http://www.economist.com/news/leaders/21636742-world-economy-2015-will-carry-troubling-echoes-late-1990s-past-and-future-tense 


L'ECONOMIST DISEGNA UN 2015 SIMILE - IN PEGGIO - ALLA FINE DEGLI ANNI NOVANTA. SE HA RAGIONE, SARA'  ''INDIMENTICABILE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

THE ECONOMIST   PREVISIONI   2015   MONDO   USA   EUROPA   EURO   STATI EMERGENTI   PETROLIO   RUSSIA   BCE   LONDRA   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA AMERICANA DELLA GIUSTIZIA

LA COMMISSIONE UE AGGREDISCE LA POLONIA E MINACCIA (A VANVERA) SANZIONI! LA ''COLPA''? RIFORMA

mercoledì 19 luglio 2017
"Di fronte al grave attacco contro l'indipendenza della giustizia in Polonia" la Commissione europea oggi ha minacciato di fare un passo senza precedenti verso sanzioni contro il governo nazionalista
Continua
 
THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE AL MONDO (COME RAQQA)

THE SUN, TABLOID BRITANNICO AD ALTISSIMA TIRATURA, SEGNALA NAPOLI TRA LE 10 CITTA' PIU' PERICOLOSE

martedì 18 luglio 2017
LONDON - Naples, the Italian city, is famed throughout the world for its links to organised crime. Mafia hits in Naples are more frequent than elsewhere in the home of Italy’s oldest crime
Continua
''L'EUROZONA E' SUL PUNTO DI IMPLODERE'': ANALISI MICIDIALE DI UN ALTO DIRIGENTE DI BANK OF AMERICA MERRILL LYNCH

''L'EUROZONA E' SUL PUNTO DI IMPLODERE'': ANALISI MICIDIALE DI UN ALTO DIRIGENTE DI BANK OF AMERICA

lunedì 17 luglio 2017
LONDRA - "L'eurozona e' sul punto di implodere nonostante gli sforzi di Germania e Francia di tenerla in vita". A fare questa affermazione non e' uno dei tanti euroscettici che secondo la nostra
Continua
 
IL NEW YORK TIMES RICONOSCE I SUCCESSI DI DONALD TRUMP CON UN ECCEZIONALE EDITORIALE IN PRIMA PAGINA (ADDIO CLINTON)

IL NEW YORK TIMES RICONOSCE I SUCCESSI DI DONALD TRUMP CON UN ECCEZIONALE EDITORIALE IN PRIMA

venerdì 14 luglio 2017
WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sarà di ritorno dalla sua visita ufficiale in Francia, dove su invito del suo omologo Emmanuel Macron ha assistito alla parata
Continua
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''STATO DEI CONTI E FINANZE PUBBLICHE DELL'ITALIA NON ESCLUDONO IL COLLASSO NEL 2018''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''STATO DEI CONTI E FINANZE PUBBLICHE DELL'ITALIA NON ESCLUDONO IL

martedì 11 luglio 2017
BERLINO - "Tra  gli stati europei che hanno partecipato al vertice del G-20, l'Italia e' il Paese con le peggiori prospettive di crescita. Il suo rapporto debito Pil e' il piu' alto dopo quello
Continua
 
REPORTAGE ECONOMICO SULL'UNGHERIA / ECCO COME APRIRE UNA SOCIETA', QUALI ADEMPIMENTI E QUALI VANTAGGI (FLAT TAX 9%)

REPORTAGE ECONOMICO SULL'UNGHERIA / ECCO COME APRIRE UNA SOCIETA', QUALI ADEMPIMENTI E QUALI

lunedì 10 luglio 2017
BUDAPEST - Molti imprenditori italiani stanno cercando il modo di non finire stritolati dalla macchina infernale fatta di burocrazia - tasse - disservizi - lentezze folli dello stato italiano.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL GOVERNO ORBAN DIFENDE LE PICCOLE IMPRESE UNGHERESI: IPERMERCATI E CENTRI COMMERCIALI CHIUSI LA DOMENICA, I NEGOZI NO.

IL GOVERNO ORBAN DIFENDE LE PICCOLE IMPRESE UNGHERESI: IPERMERCATI E CENTRI COMMERCIALI CHIUSI LA
Continua

 
TENTATIVO DI CORRUZIONE (DOCUMENTATA) DI PARLAMENTARI IN GRECIA PER FAR ELEGGERE PRESIDENTE IL CANDIDATO DEL GOVERNO

TENTATIVO DI CORRUZIONE (DOCUMENTATA) DI PARLAMENTARI IN GRECIA PER FAR ELEGGERE PRESIDENTE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ROMA CON L'ACQUA RAZIONATA E' UNA CAPITALE DA PAESE DEL TERZO MONDO

24 luglio - ''La Raggi e Zingaretti se ne vadano, altrimenti sia il Governo a
Continua

CALDEROLI: CHAPEAU A MACRON! A NOI GLI IMMIGRATI ALLA FRANCIA IL

24 luglio - ''Chapeau a Macron! Nel giro di un paio di mesi il presidente francese
Continua

SVIZZERA:ARMATO DI MOTOSEGA FERISCE CINQUE PERSONE DENTRO UN

24 luglio - Cinque persone ferite, due delle quali in modo grave: questo il primo
Continua

IN ALASKA E' MORTO A 20 ANNI D'ETA' UN GATTO. DOV'E' LA NOTIZIA?

24 luglio - TELKEETNA - ALASKA - Il sindaco onorario di Talkeetna, piccola cittadina
Continua

PERFINO ELSA FORNERO SBUGIARDA BOERI: ''I MIGRANTI NON RISOLVONO I

24 luglio - ''È vero che i migranti danno un contributo positivo ai conti del
Continua

SALVINI: DALLA PARTE DELL'AGENTE SOSPESO CHE HA CRITICATO LA

22 luglio - ROMA - ''Io sto con questo poliziotto! Altro che sospensione, merita in
Continua

SALVINI: BERLUSCONI GUARDI BENE CHI IMBARCA, AD ESEMPIO FLAVIO TOSI

21 luglio - ''I movimenti poco prima delle elezioni sono sempre un po’ sospetti''.
Continua

FORTE TERREMOTO A KOS, ISOLA GRECA VICINO ALLA TIRCHIA: 2 MORTI E

21 luglio - Un forte terremoto ha colpito questa notte l'isola greca di Kos, nel
Continua

LA POLONIA RESISTE ALL'AGGRESSIONE DELLA UE: APPROVA RIFORMA DELLA

20 luglio - VARSAVIA - Il Parlamento polacco ha approvato poco fa la riforma della
Continua

MACRON HA DECISO DI TAGLIARE I FONDI ALLE ORGANIZZAZIONI IN DIFESA

20 luglio - PARIGI - Sembra esser confermato in Francia l'allarme lanciato dalle
Continua
Precedenti »