43.267.189
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
++++++ La Commissione Ue ha inviato all'Italia la lettera con la richiesta di aggiustamento dei conti ++++++

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / A RENZI ANDREBBE IL NOBEL PER L'ECONOMIA: HA DIMOSTRATO L'ESATTEZZA DELLA CURVA DI LAFFER

mercoledì 17 dicembre 2014

“L’Accademia di Oslo è lieta di annunciare i nomi dei premi nobel per l’economia 2016: Mario Monti, Enrico Letta e soprattutto Matteo Renzi, per aver contribuito con le loro politiche economiche a dimostrare la fondatezza della curva di Laffer”

Fantascienza? Sì, perché per quanto decaduto come prestigio, il premio Nobel è ancora una cosa seria, per cui difficilmente gli ultimi tre presidenti del consiglio italiano potranno ambire a tale riconoscimento.

Tuttavia, al di là della battuta iniziale, è indubbio che la loro azione di politica economica abbia dimostrato senza alcuna ombra di dubbio che la teoria sviluppata da Arthur Laffer, sia assolutamente corretta. Ricordiamo, in sintesi, che la cosiddetta “curva di Laffer” indica il fatto che alzare la pressione fiscale oltre un certo livello, provoca l’effetto opposto a quello desiderato, ovvero un calo del gettito fiscale e l’innesco di una spirale recessiva.

Prendiamo gli ultimi 3 anni di andamento del PIL e di entrate fiscali, soffermandoci in particolare sulle imposte dirette, ovvero 2012, 2013 e 2014 (fino a settembre).

Ricordiamo che Monti, Letta e Renzi hanno fatto una sventagliata di aumenti della pressione fiscale come raramente è capitato di vedere in qualsiasi paese occidentale dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Non parliamo, ovviamente solo delle aliquote irpef, ma delle imposte sulla casa, dell’aumento delle accise, dell’IVA e del taglio delle detrazioni e deduzioni fiscali (che consistono, de facto, in un aumento della pressione fiscale anch’esse)

Bene, qual’è stato il risultato di queste azioni che, nella mente di chi le ha partorite, avrebbe dovuto portare al risanamento dei conti?

Eccolo, in sintesi:

PIL 2012: -2,4%, pressione fiscale salita al 44%, gettito irpef +1,1% (ricordiamo però che le imposte si calcolano sul reddito dell’anno precedente), ires + 1,9%

PIL 2013: -1,9%, pressione fiscale al 44,5%, gettito irpef -1,1%, gettito ires +9,3% (qui c’è un trucco: l’aumento è dovuto al fatto che il secondo acconto venne portato dal 100% al 102,5% e addirittura al 130% per gli enti creditizi e finanziari. Senza questo escamotage sarebbe stato negativo anche il saldo ires)

PIL 2014: -0,9% (stimato), pressione fiscale 44%, gettito irpef -0,2%, gettito ires - 17,4%

Appare quindi chiaro che il gettito fiscale, al di là di qualche trucchetto da giocoliere più che da economista come quello dell’aumento del secondo acconto ires portato al 102,5%, sia in flessione nonostante tutti gli aumenti messi in atto dai governi.

Quello che deve far riflettere è il crollo dell’ires, l’imposta sul reddito delle società: esso è dovuto al fatto che per arginare la contrazione dei consumi legata all’aumento della pressione fiscale, le aziende stanno riducendo i margini di guadagno sui prodotti pur di riuscire a collocarli. Questo, tuttavia, comporta la necessità di riorganizzazioni, tagli dei costi e quindi del personale, che producono un aumento della disoccupazione con conseguente ulteriore calo dei consumi e del relativo fatturato nonché guadagno per le aziende.

Da segnalare che nonostante questo disperato tentativo, le piccole e medie realtà stanno chiudendo: chi può appende gli attrezzi al chiodo e chiude l’attività, stufo di ricevere solo bastonate sulla schiena da uno stato ingordo ed incapace di porre un freno serio ai suoi sprechi.

La riprova? Le entrate contributive dell’INAIL sono calate nel 2014 del 13,1% rispetto allo scorso anno. Questo significa un’autentica moria di lavoratori e quindi di attività, che avrà naturalmente ripercussioni sulle entrate tributarie del 2015.

Che dire di fronte a questi numeri? Appare evidente come l’aumento folle della pressione fiscale in Italia abbia sfiancato un paese che è sempre stato rinomato per la voglia di intraprendere e di “fare”. D’altra parte è ovvio: se la maggior parte del reddito frutto del mio lavoro viene prelevata da uno stato che in cambio mi offre servizi inefficienti e scadenti, scandali a ripetizione, ruberie di ogni genere, perché dovrei impegnarmi a fare di più? Semmai cercherò di lavorare il minimo indispensabile per sopravvivere e, se sono nelle condizioni di potermelo permettere, anche di chiudere tutto quanto e mandare il fisco a quel paese.

Non occorre un genio od una laurea specialistica in scienza delle finanze per capire che quando un limone è troppo spremuto, non dà più nulla: sarebbe sufficiente la casalinga di Voghera per spiegarlo.

In fondo, la colpa di Laffer è proprio questa, quella di aver dato una spiegazione troppo semplice e quindi inadatta a far riempire la bocca di termini esotici ai cattedratici universitari.

Ma l’illustre economista americano può sorridere compiaciuto: per quanto snobbato dai teorici, c’hanno pensato i “pratici” ultimi tre premier (tutti non eletti) italiani a dimostrare sul campo la validità delle sue idee.

E visto che Laffer ha ragione, forse sarebbe il caso di nominarlo primo ministro. Tra tanti primi ministri non eletti, almeno sarebbe uno competente e capace di risollevare le sorti dell’Italico stivale.

Laffer premier, sarebbe anche orecchiabile, oltre che auspicabile.

Fonte dati: MEF e ISTAT

Luca Campolongo

consulenza@sosimprese.info

www.sosimprese.info

 


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / A RENZI ANDREBBE IL NOBEL PER L'ECONOMIA: HA DIMOSTRATO L'ESATTEZZA DELLA CURVA DI LAFFER


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CURVA   LAFFER   ECONOMIA   NOBEL   ITALIA   RENZI   GOVERNO   AUMENTO   TASSE   DIMINUZIONE   GETTITO   FISCALE   CRISI   USCITA   LIMITE   PIL   SVENTAGLIATA   MONTI   LETTA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua
 
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL TEMPIO INTELLETTUALE DELLA SINISTRA ITALIANA - ''MICROMEGA''-  DECRETA LA FINE DELL'EURO E INDICA COME SALVARE L'ITALIA

IL TEMPIO INTELLETTUALE DELLA SINISTRA ITALIANA - ''MICROMEGA''- DECRETA LA FINE DELL'EURO E
Continua

 
GRANDE INCHIESTA DI GUARDIA DI FINANZA E PROCURA DI ROMA: SCOPERTO RICICLAGGIO CINESE IN ITALIA DA UN MILIARDO DI EURO

GRANDE INCHIESTA DI GUARDIA DI FINANZA E PROCURA DI ROMA: SCOPERTO RICICLAGGIO CINESE IN ITALIA DA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua

SETTE CLANDESTINI INDIVIDUATI AD ASTI SU UN TRENO PROVENIENTE DALLA

16 gennaio - ASTI - Sette uomini, cinque algerini e due marocchini, sono stati
Continua
Precedenti »