52.870.197
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CON IL DEBITO PUBBLICO CHE CONTINUA A CRESCERE, LA PROBABILITA' DI BANCAROTTA DELL'ITALIA E' DEL 23,64% (ENTRO 10 ANNI)

lunedì 15 dicembre 2014

Il debito pubblico italiano torna a salire, ad ottobre, a 2.157,5 miliardi, piu' 23,5 su settembre. Non si riesce dunque a mettere l'indebitamento sotto controllo e questo e' un guaio serio per il governo che ha per ora evitato l'apertura di una procedura d'infrazione da Bruxelles; ma solo fino a marzo quando la Commissione esaminera' lo stato di avanzamento delle riforme. In sostanza, il dato certifica il fallimento della politica economica del governo Renzi, incapace di contenere  - almeno - la spesa pubblica.

Il fatto poi di essere in compagnia della Francia non puo' essere ne' un alibi ne' un paravento. La scarsa propensione riformista (dove alla parola riforme corrispondono tagli alle pensioni, alla sanità, agli stipendi) di Parigi e' - fortunatamente - nota, pero' i francesi sono messi di gran lunga meglio sotto il profilo della fiducia che i mercati continuano ad accordare ai loro titoli pubblici (anche la' il debito ha superato i 2 mila miliardi di euro, ma in rapporto al Pil e' al 92% contro il 132 dell'Italia), e questo per una serie di motivi: lo spread italiano oscilla intorno a 140 punti, quello francese e' di 27; gli interessi che il Tesoro paga sui decennali sono qui il 2,04%, comunque ai minimi, a Parigi lo 0,9.

Il rating assegnato all'Italia e' in area B (ad eccezione dell'agenzia canadese DRBS che ci assegna A-low), quello della Francia, benche' declassato, inalbera come minimo doppie A.

Diciamo che il buon trattamento riservato da mesi all'Italia sui mercati e' dovuto piu' alle iniziative e agli annunci della Banca centrale europea che non ai meriti del Paese. E, forse, se Mario Draghi mettera' in atto a gennaio l'acquisto di titoli pubblici, il costo del debito diminuira' ancora. Ma non calera' l'enorme stock del debito stesso. C'e' poi un altro indicatore, spesso trascurato, che inquadra la percezione dell'Italia da parte degli operatori internazionale.

Si tratta dei Cds, Credit default swaps, certificati assicurativi per chi investe sui titoli pubblici dei vari paesi. In pratica, sono polizze anti-default, totale o parziale. Sono quotate su un mercato particolare e rilevate soprattutto da Markit, agenzia di brokeraggio, il cui dato e' noto anche come "indice della paura". Infatti piu' elevato e' il prezzo dei Cds, maggiore e' l'eventualita' di default.

Ebbene, in questo momento i Cds italiani sono di 35 punti su un anno, di 118 su cinque, di 194 su dieci. Il che equivale a una probabilita' di default rispettivamente dello 0,55%, dell'8,17, del 23,64.

La Spagna ha queste percentuali: 0,35 su un anno, 5,69 su cinque, 16,3 su dieci.

La Francia lo 0,12, il 2,25, l'8,91.

Il paese considerato piu' sicuro non e' la Germania (percentuali di default dello 0,02, dello 0,08, del 2,49) ma gli Stati Uniti: rischio dello 0,1 su un anno, dello 0,06 su cinque, dello 0,47 su dieci anni.

Il motivo e' semplice: la Federal Reserve, la banca centrale americana, ha molti piu' strumenti di difesa della Bce. 

Negli anni piu' duri della crisi europea il Cds italiani erano ancora piu' cari: nel 2009 toccarono quota 200, nel 2011 i 450 punti. Ma, appunto, non si era aperto l'ombrello della Bce.

E nonostante il calo dei Cds, il fatto che i mercati ci assegnino, sia pure in via teorica, poco meno delle probabilita' di default da qui a dieci anni del Brasile (29,49%) o del Portogallo (29,71) non e' precisamente una medaglia.

Per inciso: il paese tra i maggiori piu' a rischio default e' in questo momento la Grecia (13,09% di probabilita' a un anno, 47,16 a cinque, 67,84 a dieci), seguito dalla Russia: 6,45% a un anno, 27,52 a cinque, 43,75 a dieci.

Entrambi hanno gia' visto il default negli ultimi anni, segno che l'indice della paura non e' cosi' teorico.

Redazione Milano.


CON IL DEBITO PUBBLICO CHE CONTINUA A CRESCERE, LA PROBABILITA' DI BANCAROTTA DELL'ITALIA  E' DEL 23,64% (ENTRO 10 ANNI)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DEFAULT   ITALIA   DEBITO PUBBLICO   RENZI   GOVERNO   INCAPACE   CDS   MARKIT   FRANCIA   GERMANIA   STATI UNITI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua
''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER, INVENTORE DELLA FLAT TAX

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER,

mercoledì 11 ottobre 2017
“Sono molto preoccupato per l’unione europea. Francamente quando hai tutti quei paesi gestiti da un governo non eletto, finisci col rimetterci in termini di competizione, oltre che a
Continua
 
IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO DELL'AUSTRIA!'' MA E' UNA CALUNNIA

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO

mercoledì 11 ottobre 2017
LONDRA - Il prossimo governo austriaco potrebbe avere al suo interno una componente di "estrema destra", quella che il quotidiano laburista britannico The Guardian oggi, in un articolo in prima
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GRAN BRETAGNA ATTIRA GLI INVESTIMENTI, ALTRO CHE IL JOBS ACT DI RENZI: MAGNATE LANCIA IL MERCATO DI CAMDEN IN BORSA!

LA GRAN BRETAGNA ATTIRA GLI INVESTIMENTI, ALTRO CHE IL JOBS ACT DI RENZI: MAGNATE LANCIA IL MERCATO
Continua

 
LA GRECIA A MARZO 2015 FINIRA' I SOLDI PER PAGARE STIPENDI, PENSIONI E SERVIZI. SE CI SARANNO ELEZIONI, SARA' DEFAULT.

LA GRECIA A MARZO 2015 FINIRA' I SOLDI PER PAGARE STIPENDI, PENSIONI E SERVIZI. SE CI SARANNO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!