50.032.438
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TUTTI GLI EDITORI (ESTERI, OVVIAMENTE) DICONO IN CORO: ''LA CARTA STAMPATA E' FINITA, IL PRESENTE E' GIA' DIGITALE''

venerdì 5 dicembre 2014

Quale sara' il futuro dei media e soprattutto dove reperire nuove risorse economiche? A rispondere sono i piu' grandi colossi dell'informazione americana, dalla CBS al New York Times, oggi a Roma per il convegno 'The state and future of Media', organizzato dal Centro Studi Americani.

"Questi forse sono i tempi piu' turbolenti della storia della carta stampata - racconta il direttore del The Wall Street Journal, Gerard Baker -. Negli Stati Uniti gli introiti pubblicitari sui giornali sono calati del 65% in 10 anni. E non torneranno indietro, andranno sempre piu' verso i media digitali. Per questo e' fondamentale trovare risorse alternative. Noi, ad esempio, abbiamo creato un nuovo modello di abbonamento digitale e pensiamo che proprio il digitale nei prossimi 10 anni sostituira' la carta stampata".

Alla CBS News, racconta l'amministratore delegato Jeff Fager, "un tempo si diceva che stampavamo quattrini. Oggi non siamo al verde, ma abbiamo dovuto rivedere alcune cose. La nostra filosofia e' rendere interessante cio' che e' importante, senza quei sondaggi per capire cosa piace al pubblico. Cosi' abbiamo raccontato la 'Guerra e fame' in Siria e abbiamo fatto 18,5 milioni di spettatori. Pero' abbiamo iniziato anche a confezionare formule per i display mobili o per lo streaming, cosi' si puo' vedere il servizio anche tornando a casa in treno".

Ma come attirare i giovani, sempre piu' bombardati dalla rete?

"A fare la differenza - risponde Baker - sara' sempre piu' la qualita', l'accuratezza e i valori, che fanno dire che del mio giornale ci si puo' fidare". "Le grandi piattaforme come Google - aggiunge Fager - se le lasciamo agire come ripetitori delle nostre notizie, facendoci estorcere anche introiti, non sono nostri alleati. Sta a noi fare in modo che il contenuto sia disposizione solo di chi paga". Con il digitale, pero', a cambiare non e' solo la fruizione delle notizie.

"Oggi il giornalista - spiega il CEO di Bloomberg, Justin Smith - non e' piu' solo produttore, ma anche distributore. Il suo lavoro si divide tra un 60% di tempo per titolo e articolo e un 40% per confezionarlo, promuoverlo ed estenderlo alla piu' ampia rete possibile. Questo e' marketing". E allora, esorta, "gli editori devono entrare nel 'gioco dei dati'" raccolti da social e piattaforme.

"Devono - dice - capire il comportamento degli utenti, indirizzare loro i contenuti o non saranno mai in grado di concorrere nel mercato pubblicitario. Serve puntare sulla qualita' dei dati". Persino una fonte storica come il New York Times conferma che la direzione del futuro e' questa.

"Nel 2012 - dice l'editorialista David Carr - abbiamo avuto piu' soldi dai consumatori che dalla pubblicita'. E ora il 50% degli introiti arriva dalle App mobile. Non lo abbiamo deciso noi, ma il mondo".

Quindi, guai "a esser schiavo di Facebook: ognuno deve trovare la sua strada al consumatore - esorta Ed O'Keefe, vicepresidente della CNN Money and Politics - Noi abbiamo smesso di pensarci un'azienda televisiva, per essere un'azienda digitale. Perche' il futuro e' mobile e social. Se non ci sei, e' il fallimento".

E l'Italia, ancora alle prese con il dibattito sui finanziamenti all'editoria e gli Over the top che prosciugano il mercato? "Colpisce l'apertura americana ai media - commenta il presidente di Confindustria Radio Tv, Rodolfo De Laurentiis -, pero' credo che anche nel nostro paese progressivamente si andra' nella loro direzione".

"Bisogna avere il coraggio di pensare in modo diverso - aggiunge l'editore Urbano Cairo -, cercare di essere media company in senso completo: tu hai i contenuti ed e' il consumatore che decide come prenderli. Meglio attrezzarsi, prima che altri ci cannibalizzino". 

Sempre che non sia troppo tardi. Ma la morale della favola è una sola: la carta stampata è in coma, i giornali digitali stanno crescendo. (Chissà se Salvini troverà il tempo per leggere questo articolo...)

Redazione Milano.


TUTTI GLI EDITORI (ESTERI, OVVIAMENTE) DICONO IN CORO: ''LA CARTA STAMPATA E' FINITA, IL PRESENTE E' GIA' DIGITALE''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO DOMINGO (ZERO TASSE!)

DOVE ANDARE ALL'ESTERO DA PENSIONATI E VIVERE FELICI: CANADA, PORTOGALLO, CANARIE, BRASILE, SANTO

venerdì 28 luglio 2017
Mentre il ducaconte renziloni - al secolo Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio targato Pd dell'Italia  - prende scoppole a destra ed a manca, soprattutto dal neopresidente francese, a
Continua
 
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL CENSIS DIVULGA DATI ESPLOSIVI: LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE, LA BCE E LA COMMISSIONE!

IL CENSIS DIVULGA DATI ESPLOSIVI: LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE, LA BCE
Continua

 
L'UNICA VERA SOLUZIONE PER ROMA NON SONO ''SOLO'' LE ELEZIONI: BISOGNA LASCIARLA FALLIRE. HA UN DEBITO INSOSTENIBILE.

L'UNICA VERA SOLUZIONE PER ROMA NON SONO ''SOLO'' LE ELEZIONI: BISOGNA LASCIARLA FALLIRE. HA UN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!