56.224.966
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL NEW YORK TIMES ACCUSA L'EUROPA DI ''RISENTIMENTO'' CONTRO GOOGLE (CHE FALSIFICA DATI E INDIRIZZA GLI UTENTI DOVE VUOLE)

mercoledì 3 dicembre 2014

Il braccio di ferro Europa-Stati Uniti-Google non si ferma e assume sempre piu' i contorni di un vero e proprio "scontro culturale". Ed economico. La risoluzione recentemente approvata dal Parlamento Europeo (con 384 voti a favore, 174 contrari e 56 astensioni) "per la difesa dei diritti dei consumatori nel mercato digitale" chiede in sostanza di separare i motori di ricerca dagli altri servizi commerciali. Il provvedimento non e' vincolante per la Commissione Europea: come altre risoluzioni approvate ogni anno, potrebbe avere piu' la funzione di puntare i riflettori e attirare l'attenzione delle autorita' e dell'opinione pubblica su temi ritenuti degni di approfondimento. "Potrebbe", perche' in realta' questa iniziativa sembra segnalare qualcosa di ben piu' profondo e articolato e mette in evidenza un attrito che e' insieme di natura culturale, economica e politica.

Il New York Times, quando ha dato la notizia qualche giorno fa, ha parlato apertamente di "risentimento" da parte dell'Europa nei confronti del gigante tecnologico di Mountain View. Non e' un caso che il NYT, che ha messo insieme i pezzi del puzzle, metta il voto in questione sullo sfondo della norma Ue sul diritto all'oblio a seguito della sentenza pronunciata il 13 maggio scorso dalla Corte di Giustizia europea. Una sentenza che garantisce il diritto a vedere cancellati dai risultati dei motori di ricerca i link a notizie su una persona ritenute "inadeguate o non piu' pertinenti", dando ai cittadini europei la possibilita' di "essere dimenticati" (una norma che, per inciso, oltre a Google riguarda anche altre realta' come Microsoft e Yahoo).

Come fanno notare dal magazine specialistico Windows IT Pro, secondo le leggi europee soltanto la Commissione Europea ha il potere legale di "spezzettare" una societa' come si intenderebbe fare con Google. E fino ad ora non mai fatto nulla del genere. Ma con questo endorsement, un "passo senza precedenti", il Parlamento Europeo, che fino a questo momento "non ha mai tentato di influenzare le attivita' antitrust della Commissione", sta lanciando un forte segnale secondo cui "i lawmakers europei sono stanchi di starsene nelle retrovie mentre un gigante tecnologico americano maltratta le imprese europee meno grandi di lui".

La Commissione - prosegue il magazine - "ha gia' deciso che Google ha illegalmente abusato del proprio monopolio di ricerca in Europa, danneggiando sia la concorrenza che i consumatori", manipolando all'uopo i propri risultati di ricerca. Il danno e' piu' ovvio per la concorrenza, ma anche i consumatori hanno a disposizione meno possibilita' di scelta e vengono di fatto "dirottati" verso servizi Google che potrebbero essere "meno rilevanti" di quei servizi che i risultati di ricerca nascondono. 

Se il "suggerimento" del Parlamento Europeo dovesse concretizzarsi in norma, Google si troverebbe nella necessita' di spaccarsi in due societa' per poter operare nei paesi Ue, una per le ricerche e un'altra per la pubblicita', costretto in pratica a una ristrutturazione radicale a livello di gestione e business model. Secondo gli esperti citati dal New York Times, nonostante le premesse non siano delle piu' rassicuranti, una tale "spaccatura" di Google in Europa "non si verifichera' mai", ma il "livello di attivita' politica che si sta dedicando" alla societa' di Mountain View la dice lunga sulla "crescente antipatia nei confronti della 'dominazione tecnologica' statunitense nell'Unione Europea ("l'Europa si sente colonizzata, l'America e' la colonizzatrice", ha sintetizzato Federico Rampini su la Repubblica).

Certo, non sono da escludere sanzioni (anche molto sostanziose) ne' variazioni piu' o meno importanti nell'attivita' di Google, come d'altra parte e' gia' accaduto per Microsoft e Intel. Tuttavia, secondo Mario Mariniello del think-tank Bruegel (Brussels European and Global Economic Laboratory), "spezzare" Google sarebbe, oltre che un fatto "senza precedenti", anche "estremamente improbabile", soprattutto in assenza di danni "massicci e comprovati" per i consumatori.

Inoltre - sottolinea Mariniello - considerato che l'Antitrust americana non ha mai trovato ragioni per censurare Google nonostante il suo potere su ambo le sponde dell'Atlantico, "e' difficile immaginare come l'Europa possa riuscirci da sola, e quali potrebbero essere le basi per fare qualcosa di cosi' completamente diverso rispetto alle autorita' statunitensi".

Già, diverso.

Ad esempio potrebbe finalmente provare a ribellarsi e finire di essere una colonia americana, almeno per questo giogo chiamato Google. 

Redazione Milano. 


IL NEW YORK TIMES ACCUSA L'EUROPA DI ''RISENTIMENTO'' CONTRO GOOGLE (CHE FALSIFICA DATI E INDIRIZZA GLI UTENTI DOVE VUOLE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL VERMINAIO SCOPERCHIATO A ROMA TRAVOLGE TUTTO E TUTTI: DESTRA, SINISTRA, PUBBLICA AMMINISTRAZIONE... E COSA NOSTRA.

IL VERMINAIO SCOPERCHIATO A ROMA TRAVOLGE TUTTO E TUTTI: DESTRA, SINISTRA, PUBBLICA
Continua

 
LA CAMPAGNA ELETTORALE DI IGNAZIO MARINO PER DIVENTARE SINDACO DI ROMA FINANZIATA DAI CLAN DI MAFIA SOTTO INCHIESTA.

LA CAMPAGNA ELETTORALE DI IGNAZIO MARINO PER DIVENTARE SINDACO DI ROMA FINANZIATA DAI CLAN DI MAFIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »