49.990.856
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

WALL STREET JOURNAL: INIZIATA LA CORSA AL RIMPATRIO DELL'ORO, L'OLANDA LO FA IN QUESTI GIORNI DOMENICA LA SVIZZERA VOTA

venerdì 28 novembre 2014

La crisi finanziaria del 2008 e i suoi postumi hanno risvegliato, specie in Europa, l'interesse "nello strumento monetario di un'era ormai passata: l'oro". A scriverlo e' il "Wall Street Journal".

In alcuni paesi, primo tra tutti la Svizzera, le banche centrali sono addirittura sotto pressione da parte dei cittadini, che chiedono loro di incrementare il loro capitale di oro fisico o di riportare in patria le quote che detengono all'estero, per la maggior parte negli Usa e nel Regno Unito.

Da decenni, l'oro non gioca un ruolo di rilievo nella politica monetaria globale, e i banchieri centrali sperano che le cose continuino per lo stesso verso, anche se alcuni "hanno usato il nobile metallo come esca simbolica per provare a ricostruire la fiducia dei cittadini, minata da anni di politiche monetarie espansive".

La banca centrale tedesca ha destato scalpore lo scorso anno, annunciando il rientro di parte delle riserve auree detenute negli Usa e a Parigi a seguito di una campagna mediatica promossa dai quotidiani "Frankfurter Allgemaine Zeitung" e dal "Bild".

La Bundesbank sostiene di aver assunto una decisione indipendente, ma il suo presidente, scrive il quotidiano Usa, "e' lo stesso Jens Weidmann che siede al Consiglio direttivo della Bce e si e' opposto a tante misure di stimolo dell'istituto".

La Banca centrale olandese, anch'essa parte della Bce, ha seguito l'esempio quella tedesca, annunciando che rimpatriera' il suo oro dagli Usa, anche se nel 2012 il presidente aveva assicurato che non ce n'era alcun bisogno e che l'oro era "assolutamente al sicuro a Manhattan"; la settimana scorsa, pero', il presidente ha dichiarato che l'operazione potrebbe "avere effetti positivi sulla fiducia pubblica".

Swiss National Bank (Snb) potrebbe addirittura essere costretta a raddoppiare le proprie riserve di oro fisico e vedersi negata la possibilita' di venderlo da una iniziativa referendaria, battezzata "Salvate l'oro degli svizzeri" dai suoi promotori.

I sondaggi (attendibili o interessati?) suggeriscono che i cittadini del paese alpino diranno "no" alla proposta, che pero' e' emblematica di una tendenza diffusa. La stagnazione economica e il rischio deflazione alimentando la nostalgia degli europei per l'oro, nonostante la brusca flessione della sua quotazione negli ultimi due anni.

Per il presidente di Snb (Banca nazionale svizzera) Thomas Jordan, il referendum e' "inutile e pericoloso", perche' "stante l'attuale ordine monetario, non esiste alcun legame tra stabilita' dei prezzi e quota di oro fisico a bilancio dell'Snb".

L'ex direttore della Federal Reserve Usa, Ben Bernanke, ha espresso concetti simili in diverse occasioni: "Molta gente detiene l'oro come margine contro l'inflazione, ma le fluttuazioni dei prezzi dell'oro, in realta', non predicono l'inflazione poi tanto bene. Nessuno comprende davvero i prezzi dell'oro, e nemmeno io fingero' di farlo", ha dichiarato Bernanke durante una audizione al Congresso Usa lo scorso anno.

Stati Uniti ed Europa hanno sperimentato diversi regimi di gold e silver standard per gran parte del Diciannovesimo secolo, ma quel periodo, scrive il "Wall Street Journal", non e' stato certo privo di volatilita' finanziaria, anzi: "boom e burst finanziari si sono alternati per gran parte dell'Ottocento, riflettendo in parte l'andamento delle attivita' estrattive".

La decisione di abbandonare il gold standard e' giunta progressivamente nel Novecento, e l'attuò Nixon, "di fronte alle crescenti esigenze di flessibilita' da parte delle banche centrali". "La forza del gold standard e' la sua piu' grande debolezza, perche' l'offerta di denaro flat e' vincolata all'offerta d'oro, e non puo' essere aggiustata in risposta alle condizioni economiche contingenti", ha dichiarato Bernanke.

Il suo, pero', non e' certo un parere disinteressato: contrariamente a tante altre banche centrali, la Fed non detiene alcuna riserva aurea: il Gold Reserve Act, promulgato nel 1934, nel pieno della Grande recessione, ha costretto la Fed a trasferire la proprieta' del suo oro al dipartimento del Tesoro Usa.

Lo sapevate? 

Redazione Milano. 


WALL STREET JOURNAL: INIZIATA LA CORSA AL RIMPATRIO DELL'ORO, L'OLANDA LO FA IN QUESTI GIORNI DOMENICA LA SVIZZERA VOTA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ANNUCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA DEGLI HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA DEGLI HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALLARME BUNDESBANK SU BANCHE TEDESCHE: ''ESPOSTE CON MUTUI AL 100%. SE LA CRISI S'AGGRAVA, RISCHI STRUTTURALI'' (DEFAULT)

ALLARME BUNDESBANK SU BANCHE TEDESCHE: ''ESPOSTE CON MUTUI AL 100%. SE LA CRISI S'AGGRAVA, RISCHI
Continua

 
IL PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA KRUGMAN: ''LA CRISI DELL'ECONOMIA EUROPEA E' COLPA DELLA GERMANIA, NON DI ITALIA O GRECIA''

IL PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA KRUGMAN: ''LA CRISI DELL'ECONOMIA EUROPEA E' COLPA DELLA GERMANIA,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!