72.794.674
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COME SARA' IL 2015 PER L'ITALIA. UN ANNO CHE PASSERA' SENZA DUBBIO ALLA STORIA.

giovedì 27 novembre 2014

Manca ormai poco più di un mese a fine anno, ma per l’economia e la politica è già tempo di bilanci.

Bilanci tutt’altro che rosei, anzi, di un nero profondissimo, dovuto anche alle previsioni totalmente sballate messe in campo dal premier non eletto e dal suo degno sodale alle finanze. 

Infatti i due avevano previsto una crescita del pil dello 0,8% (assolutamente insufficiente, tra l’altro per una riduzione della disoccupazione, dato che per crescite del pil inferiori al 2% è statisticamente dimostrato che non vengono creati nuovi posti di lavoro), che potrebbe essere vero se al posto del “+” davanti alla cifra si mettesse un bel “-“. 

In realtà, a fine anno ci si assesterà ad un -0,3%, ma questo è il frutto del nuovo metodo di calcolo del Pil introdotto dalla UE, che sovrastima i dati di quasi il 2% rispetto ai vecchi parametri. Lascio ad ognuno la valutazione di quello che sarebbero stati i dati a parametri invariati. Per la cronaca, nel nuovo conteggio è inserita anche la prostituzione ed altre attività illecite.

Ovviamente il rapporto debito/pil  è salito (uno dei pochi dati con segno positivo ottenuti da questo governo, peccato che il segno corretto dovrebbe essere quello negativo, ovvero una riduzione della massa debitoria), toccando vette inimmaginabili anche durante il tanto vituperato governo Berlusconi, quello fatto cadere dalla speculazione internazionale e prontamente sostituito dall’esecutivo del salvatore della patria professor Monti. Nel 2011, infatti, il debito pubblico italiano era stato pari al 120,1% del PIL; ora, dopo le prodigiose opere di risanamento dei governi Monti, Letta e Renzi, è arrivato a toccare l’incredibile percentuale del 133,8%

Se questo terzetto fosse stato a capo di un’azienda, sarebbe stato licenziato in tronco e portato in tribunale per un’azione di responsabilità.

Ovviamente, con queste premesse, l’economia reale, quella della casalinga di Voghera, non poteva certo andare meglio, difatti il commercio al dettaglio (dati istat a fine settembre), ha messo a segno un ulteriore calo dello 0,3% rispetto al già disastroso 2013. 

Il fatto drammatico è che i consumi alimentari sono calati con una velocità ancora più impressionante: -1,3%. Gli italiani, in soldoni, stanno mangiando meno per fronteggiare la vagonata di tasse e tagli messa in atto dagli ultimi tre governi per ossequiare i ricatti della ue e della sua azionista di maggioranza, la Germania. Il tutto in barba a quello strano concetto ormai desueto che si chiama sovranità nazionale.

La produzione industriale, come era prevedibile dato il calo dei consumi, è crollata del 3% a settembre, mantenendo il trend negativo di tutto il 2014.

E questo, nonostante la conclamata deflazione, con prezzi alla produzione in calo dll’1,7% ed al consumo dello 0,2%.

Se questa è la ripresa promessa dall’ex sindaco di Firenze, c’è da preoccuparsi alquanto. Soprattutto perché nella finanziaria appena approvata, ci sono fior di aumenti nascosti, a partire da quello dell’IVA, che potrebbe farla lievitare fino al 25,5% per effetto delle cosiddette clausole di salvaguardia.

Questo, quindi, è il bilancio del 2014. Cosa ci aspetta per il 2015?

Ce lo dice chiaramente Moody’s quando dichiara che per il 2015 l’Italia dovrà rifinanziarsi per un importo pari a circa il 29% del PIL (tra titoli in scadenza e nuove emissioni).

Con l’economia reale in stato comatoso ed il rapporto debito pubblico in costante aumento, la conclusione di Moody’s (e di qualsiasi persona dotata di buon senso), è che nemmeno un intervento pesante della BCE potrà sostenere i titoli di stato italiani a tassi così bassi.

Tradotto, questo significherà nuove tasse e tagli ai servizi primari nel tentativo di far vedere che il governo è “virtuoso” e vuole obbedire ai dettati della troika (quella che per sua stessa ammissione ha sbagliato tutto in Grecia, ma che ora non sa cosa fare perché la teoria non fornisce spiegazioni), facendo affondare ancora di più l’economia, ed esplodere la disoccupazione, fino all’ineluttabile conseguenza del default.

Alternative? Sì, ci sarebbe e si chiama uscita dalla moneta unica e dalla ue. 

Tuttavia dubitiamo che il premier dal selfie facile e dalla loquace parlata abbia la volontà e soprattutto la capacità per prendere in mano realmente le redini del paese e compiere i passi necessari.

In fondo, lui le elezioni mica le ha vinte, e men che meno ha da rendere conto del suo operato agli italiani. In conclusione, se il 2014 è stato un anno nero, il 2015 potrebbero esserlo molto di più.

Luca Campolongo


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COME SARA' IL 2015 PER L'ITALIA. UN ANNO CHE PASSERA' SENZA DUBBIO ALLA STORIA.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GIORGIA MELONI IN PARLAMENTO: ''PERCHE' DOBBIAMO USARE I SOLDI ITALIANI PER SALVARE LE BANCHE TEDESCHE? CONTE, RISPONDA!''

GIORGIA MELONI IN PARLAMENTO: ''PERCHE' DOBBIAMO USARE I SOLDI ITALIANI PER SALVARE LE BANCHE

mercoledì 11 dicembre 2019
"Si sta creando un cappio per indurre una crisi? Per l'incapacità dei nostri di difendere gli interessi nazionali". Lo chiede Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia intervenendo in Aula
Continua
 
LE IENE SBUGIARDANO CONTE E MOSTRANO CARTE INOPPUGNABILI, ADESSO PER L'AVVOCATO ''DEL POPOLO'' SONO VERI GUAI

LE IENE SBUGIARDANO CONTE E MOSTRANO CARTE INOPPUGNABILI, ADESSO PER L'AVVOCATO ''DEL POPOLO'' SONO

martedì 10 dicembre 2019
Il sito web de 'Le IENE', con Antonino Monteleone e Marco Occhipinti, torna sul caso del concorso universitario del 2002 che ha fatto diventare Giuseppe Conte professore ordinario di diritto privato
Continua
ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI, CONSOLIDAMENTO INEVITABILE''

ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI,

martedì 10 dicembre 2019
BERLINO - Nubi di tempesta finanziaria si stanno addensando sulle banche tedesche. Per le banche della Germania, il consolidamento - ovvero una forte ricapitalizzazione - e' "inevitabile" perche' si
Continua
 
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
 
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TRICHET CHE GUIDO' LA BCE E ''NON VIDE'' I FALLIMENTI DI BANCHE USA OGGI DICE: ''ERAVAMO PREOCCUPATI PER L'ITALIA NEL 2011''

TRICHET CHE GUIDO' LA BCE E ''NON VIDE'' I FALLIMENTI DI BANCHE USA OGGI DICE: ''ERAVAMO
Continua

 
SONDAGGIO DATAMEDIA: GIU' RENZI, SU LA NUOVA LEGA DI SALVINI, CHE RAGGIUNGE L'11,2% NAZIONALE CON TENDENZA A CRESCERE

SONDAGGIO DATAMEDIA: GIU' RENZI, SU LA NUOVA LEGA DI SALVINI, CHE RAGGIUNGE L'11,2% NAZIONALE CON
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

14 DEPUTATI M5S DISERTANO LA VOTAZIONE ALLA CAMERA SUL MES (SONO

11 dicembre - Quattordici deputati M5S non hanno partecipato al voto alla camera sul
Continua

IL COMITATO VITTIME SALVA BANCHE ORGANIZZA UN FLASH MOB CONTRO IL

11 dicembre - ROMA - Flash mob dell'associazione 'Vittime del salva banche' davanti
Continua

BORGHI: ''CONTE TRADITORE, NON DOVEVA FIRMARE IL TRATTATO MES''.

11 dicembre - ROMA - AULA DEL PARLAMENTO - ''Il mandato che Conte aveva ricevuto da
Continua

DI MAIO: MES SOLO SE ASSIEME A UNIONE BANCARIA E GARANZIA UE SU

11 dicembre - ''Non possiamo mettere i soldi in banca degli italiani, per usare una
Continua

FORZA ITALIA: AL GOVERNO PD-M5S PIACCIONO LE SERRANDE ABBASSATE.

10 dicembre - Il deputato e capogruppo di Forza Italia in commissione Bilancio Andrea
Continua

CALDEROLI: ''GOVERNO CANCELLA CEDOLARE SECCA PER NEGOZI. MIGLIAIA

10 dicembre - ''Questo Governo fa davvero più danni della grandine. L'assurda
Continua

SALVINI: SULL'ILVA IL GOVERNO E' RIUSCITO A PEGGIORARE LA

10 dicembre - ''Sull'Ilva il governo e' riuscito a peggiorare una situazione gia'
Continua

SONDAGGI IN GRAN BRETAGNA CONCORDANO: TORY IN AMPIO VANTAGGIO,

9 dicembre - LONDRA - Tutti i principali quotidiani pubblicano sondaggi sul voto di
Continua

GENTILONI: ''PER IL 2020 NON E' PREVEDIBILE CHE IL PIL

9 dicembre - In Eurozona ''non ci sono al momento attendibili previsioni sulla
Continua

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua
Precedenti »