67.139.590
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DOMENICA SI VOTA IN MOLDAVIA: POTREBBERO VINCERE PARTITI FILORUSSI ANTI-UE E LA TRANSNISTRIA PRONTA A DIVENTARE RUSSIA

martedì 25 novembre 2014

CHISINAU (REPUBBLICA DI MOLDAVIA-TRANSNISTRIA) - Le autorità di Chisinau assicurano che non c'è possibilità di fare marcia indietro rispetto al corso pro-europeo. Ma i sondaggi in vista delle elezioni legislative in Moldova, domenica 30 novembre, segnalano un Paese diviso, con un'opinione pubblica fortemente tentata di tornare a guardare verso Est, alla Russia. L'ex sorella maggiore sovietica a sua volta segue da vicino gli sviluppi nella piccola e povera repubblica incuneata tra Ucraina e Romania e ha già mandato segnali eloquenti, come l'embargo sulle importazioni di vino, carne, frutta e verdura.

La svolta filo-europea c'è stata nel 2009, con l'arrivo al potere dell'Alleanza per l'Integrazione europea. Ma da allora questo cartello di tre partiti uniti nel nome dell'avvicinamento all'Ue non è riuscito a cambiare radicalmente il quadro, come promesso: la corruzione resta endemica in questa repubblica dell'ex Urss che conta in tutto 3,5 milioni di abitanti e la classe dirigente continua a segnalarsi per litigi e divisioni che portano all'impasse su ogni questione.

La povertà resta diffusissima e il salario medio si aggira sull'equivalente di 300 dollari al mese. Fattori che contribuiscono ad alimentare una certa nostalgia per l'epoca sovietica, evocata come periodo di stabilità, malgrado i problemi. Tutti fattori che si pongono come incognite rispetto al voto di domenica prossima, con il dubbio che la sinistra possa prendersi una rivincita e cambiare radicalmente il quadro.

I seggi in palio alle legislative sono 101. L'Alleanza filo-europea può sperare di ottenere di nuovo la maggioranza o anche rassegnarsi ad un accordo di coalizione con il partito comunista, forza rivale ma cautamente in equilibrio nel rivendicare un corso di integrazione con l'Ue e forti legami economici con Mosca. Sarebbe tutta un'altra storia, invece, se il Partito socialista dovesse ottenere un ottimo risultato: nel suo programma figura l'ingresso della Moldova nell'Unione doganale, a guida russa, che al momento include Kazakistan e Bielorussia e che Mosca vede come la base per l'Unione economica eurasiatica che ufficialmente nascerà dal 1 gennaio 2015.

Mentre Chisinau ha già ratificato l'Accordo di associazione con l'Ue, lo stesso che è stato il pomo della discordia tra Mosca e Bruxelles all'origine della crisi ucraina e che è incompatibile con le regole del blocco commerciale russo. 

In base ai sondaggi, sono cinque i partiti che dovrebbero entrare in parlamento a Chisinau: le tre formazioni al governo ora (Partito Liberal Democratico, Partito Riformista Liberale e Partito Democratico), il Partito comunista dato attorno al 23%, Parus del businessman Renato Usatii in ascesa, certamente sopra il 6% necessario per entrare nell'assemblea.

Quest'ultimo, sceso in campo pochi mesi fa, è accusato dai filo-Ue di essere una creatura del Cremlino, incaricata di assicurare un contrappeso ai pro-europei (oppure una fase di instabilità politica che permetta di manovrare). I Socialisti sono dati in bilico sul quorum del 6%, mentre il Movimento anti-Mafia - pur molto popolare tra i giovani - resterebbe di gran lunga sotto l'asticella.

Il leader dei socialisti, Igor Dodon, ha incontrato di recente Vladimir Putin. E proprio il leader dei socialisti, Igor Dodon fa notare che un ulteriore allontamento da Mosca potrebbe avere pessime conseguenze in termini di contratto sul gas. C'è inoltre la regione della Transnistria (grande un terzo della Moldavia) che resta de facto sotto tutela russa e che, alla bisogna, potrebbe diventare la leva per un nuovo braccio di ferro con l'Occidente.

Questa minuscola, autoproclamata repubblica situata "oltre il fiume Nistro" (il significato di Transnistria, ndr.) è stata teatro di una vera guerra nel 1992. E sulla scia degli eventi in Crimea lo scorso marzo ha chiesto l'annessione alla Russia.

Insomma, domenica prossima potrebbero cambiare tante cose, in Moldavia e anche nella Ue, se in Moldavia - come pare dai sondaggi - vinceranno i partiti che vogliono l'alleanza con Mosca ancichè con Bruxelles. 

Redazione Milano

 


DOMENICA SI VOTA IN MOLDAVIA: POTREBBERO VINCERE PARTITI FILORUSSI ANTI-UE E LA TRANSNISTRIA PRONTA A DIVENTARE RUSSIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MOLDAVIA   ELEZIONI   CONTRO LA UE   TRANSNISTRIA   FILO RUSSI   PARTITI   CHISINAU   RIBELLIONE   DODON   OCCIDENTE   BRUXELLES   UE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua
LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL 96% DA GENNAIO 2018

LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL

mercoledì 13 febbraio 2019
La pacchia sembra davvero finita, per chi lucra "sull'accoglienza" degli africani in Italia e per chi organizzava le orde dalla Libia, complici le navi Ong, alleate delle mafie degli
Continua
 
SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI SU 10 NE HANNO PAURA

SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI

mercoledì 13 febbraio 2019
La solitudine sgomenta, e la sua ombra si fa sentire ancor di più quando si avvicina la festa - per altro commerciale - degli innamorati. Tre italiani su dieci, infatti, hanno paura di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
9 MILIONI DI EURO ''RUSSI'' AL FRONT NATIONAL. MARINE LE PEN: ''PRESTITO REGOLARE, ISCRITTO A BILANCIO E SARA' RESO''

9 MILIONI DI EURO ''RUSSI'' AL FRONT NATIONAL. MARINE LE PEN: ''PRESTITO REGOLARE, ISCRITTO A
Continua

 
LA UE ''LEGIFERA'' SUI... ''GUANTI DA CUCINA E DA FORNO'' IMPONENDO TEST COSTOSISSIMI E INUTILI. LA GRAN BRETAGNA SI RIBELLA

LA UE ''LEGIFERA'' SUI... ''GUANTI DA CUCINA E DA FORNO'' IMPONENDO TEST COSTOSISSIMI E INUTILI. LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!