55.129.104
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

9 MILIONI DI EURO ''RUSSI'' AL FRONT NATIONAL. MARINE LE PEN: ''PRESTITO REGOLARE, ISCRITTO A BILANCIO E SARA' RESO''

martedì 25 novembre 2014

PARIGI - Nove milioni di euro prestati a Marine Le Pen da Vladimir Putin, attraverso la First Czech Russian Bank, fondata nell'ex Cecoslovacchia ma ormai basata a Mosca e di proprietà di Roman Yakubovich Popov, magnate vicino al Cremlino. La leader del Front National, con il vento in poppa dei sondaggi e in ottima posizione per le future presidenziali francesi, non ha affatto smentito, anzi ha rilanciato: si tratta, ha detto, di "un'operazione regolare, trasparente e cristallina", rispettosa delle leggi francesi sul finanziamento dei privati ai partiti, soldi ovviamente dichiarati in bilancio e che verranno restituiti. "Dopo che" ha aggiunto "nessuna banca francese ha voluto farci credito".

Su questo argomento in Francia si e' scatenata una bagarre dei media di sinistra, che mettono in collegamento la linea anti-euro e anti-Europa della Le Pen con i denari di Putin, che notoriamente con l'Europa ha il dente avvelenato, dopo le stupide sanzioni. Ma e' anche vero che l'antieuropeismo del Front National e' storico, il prestito e' recente. Resta il fatto che con i partiti ovunque a caccia di soldi, in Europa come in Italia, con le leggi sui finanziamenti pubblici che ovunque tendono - giustamente - a farsi restrittivi, una Russia che decida di aiutare chi si oppone a Bruxelles e alla moneta unica puo' preludere a sviluppi clamorosi.

La Lega, alleata del Front National nell'Europarlamento, e' subito entrata nel mirino della stessa "confraternita" di media di sinistra. Il segretario Matteo Salvini non ha mai fatto nulla per nascondere la propria ammirazione verso Putin, come dimostra sia il recente viaggio in Crimea, sia i colloqui con Putin in persona avvenuti a Milano in occasione della presenza del presidente russo al Vertice Asem. E sul tema del finanziamento "russo" a Marine Le Pen il segretario del Carroccio ha dichiarato: "Invidio la Le Pen, ma io di quattrini ne vedo girare pochi. Pero' qualsiasi contributo trasparente lo accetto volentieri". 

Certo è che il mondo sembra sia sia capovolto. Durante la Guerra fredda, erano i dirigenti del Pci a tornare da Mosca con la valigia carica di rubli, mentre il dipartimento di Stato americano, e anche la Cia, appoggiavano a suon di milioni di dollari all'anno gli esponenti della Dc e dei partitelli alleati dei democristiani. E, quanto alla Francia, e' pur vero che Nicolas Sarkozy e' accusato di avere avuto finanziamenti illegali dalla Libia di Gheddafi (finiti i quali sarebbe scattata la ritorsione armata), nonche' dai business con Algeria e Tunisia. Resta il fatto che l'Urss aveva l'interesse a finanziare in Occidente i partiti anti-atlantici comunisti e socialisti, Putin finanzia invece i movimenti di destra anti euro e anti Ue.

Putin vorrebbe così facendo destabilizzare l'Unione Europea? Non ce n'è bisogno, arriva tardi.

L'Europa si sta già destabilizzando da sola. La sua politica estera a dir poco ambigua, se non inesistente; quella economica ancora peggio. Angela Merkel e la Germania sono state per anni le migliori amiche di Putin, piu' o meno come Silvio Berlusconi, salvo farsi promotrici dell'allargamento ad Est - compresa la Nato - e ora cavalcare le sanzioni.

Quanto ai problemi economici interni della Ue e dell'euro, non c'e' neppure bisogno di parlarne: siamo sulla soglia di una catastrofe, le condizioni economiche complessive della Ue sono da spavento.

In altri termini, la disaffezione verso la politica dei cittadini europei (non solo italiani), e ancor di piu' la ribellione montante degli stessi europei verso l'Unione europea e la moneta che la rappresenta, sono già prossime al culmine.

Ribellione che va dalla Francia alla Gran Bretagna, dall'Italia alla Germania, senza scordare l'Austria, la Polonia, il Belgio, i Paesi scandinavi e per ultima la Spagna, dove il nuovo partito "Podemos" nato neppure un anno fa è già in testa ai sondaggi. E vuole la fine della Ue e la "rinegoziazione" degli interessi sui titoli di stato spagnoli. Quello che i banchieri europei chiamano: default.

Redazione Milano.


9 MILIONI DI EURO ''RUSSI'' AL FRONT NATIONAL. MARINE LE PEN: ''PRESTITO REGOLARE, ISCRITTO A BILANCIO E SARA' RESO''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SEI MINISTRI DEL GOVERNO CAMERON PRONTI A VOTARE L'USCITA DALLA UE, MENTRE L'UKIP RISULTA IL PIU' AMATO DAI LAVORATORI!

SEI MINISTRI DEL GOVERNO CAMERON PRONTI A VOTARE L'USCITA DALLA UE, MENTRE L'UKIP RISULTA IL PIU'
Continua

 
DOMENICA SI VOTA IN MOLDAVIA: POTREBBERO VINCERE PARTITI FILORUSSI ANTI-UE E LA TRANSNISTRIA PRONTA A DIVENTARE RUSSIA

DOMENICA SI VOTA IN MOLDAVIA: POTREBBERO VINCERE PARTITI FILORUSSI ANTI-UE E LA TRANSNISTRIA PRONTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!