47.453.505
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LE ELEZIONI REGIONALI DI DOMENICA SCORSA, VISTE DALLA SVIZZERA... (RARAMENTE, UN'ANALISI COSI' CENTRATA E VERITIERA)

martedì 25 novembre 2014

LUGANO - Scrive "Ticino Live" il più seguito dei quotidiani online della Svizzera italiana:

"Tra le due regioni ove si è votato, quella che maggiormente rappresenta il sentire degli italiani è l’Emilia Romagna. La Calabria, infatti, rappresenta un episodio tipicamente locale, legato al disincanto verso la persona di Scopelliti. Le riflessioni essenziali da fare sono perciò le seguenti.

• La sinistra renziana, anche se vincitrice nelle percentuali, esce in realtà sconfitta. Avendo ottenuto il 48% in Emilia su un elettorato ridotto al 36 % del totale, ottiene in realtà il 18 % circa, ossia più che un dimezzamento rispetto alle precedenti consultazioni europee e amministrative.

• Forza Italia è ridotta al 4% dell’elettorato iscritto, e ciò annuncia la sua prossima scomparsa.

• Su Alfano stendiamo un velo pietoso . Egli non rappresenta nessun tipo di destra , né vecchia né nuova, ma solamente un comodo supporto per la sinistra di governo.

• Il vero dato nuovo è l’avanzata di Salvini. Il successo emiliano della Lega non va sottovalutato, proprio perché si verifica in una delle regioni più rosse d’Italia. Se a Bologna ha ottenuto il 24% , quanto avrebbe realizzato a Milano, Venezia, Torino e Genova?

Da tutto ciò dobbiamo trarre le seguenti conclusioni.

La sinistra versa in una profonda crisi di credibilità, in quanto molti suoi elettori, che non sono scemi, hanno compreso perfettamente lo sporco gioco di Renzi e il suo blaterare a vuoto, come del resto aveva fatto per tutti i 5 anni del sindacato fiorentino. Il suo ruolo di imbonitore, ad esclusivo beneficio dei poteri forti che lo hanno installato a Palazzo Chigi a tutela dei propri interessi e dello status quo, comincia a vacillare visibilmente, mentre la sua stella si sta rapidamente appannando.

Quanto alla destra, essa è di fatto scomparsa, come volevasi dimostrare. Ciò dipende in gran parte dal discredito in cui è caduto il suo già carismatico leader Silvio Berlusconi, dovuto non certo alle avventure galanti per cui è stato processato e neppure alle ipotetiche truffe fiscali, ma ai suoi cedimenti ai ricatti dei poteri forti, nel 2011, e alla sua ambigua, oscillante politica verso Renzi. La destra, privata del suo capo, è dunque allo sbando, e non ritroverà la sua credibilità finché non riuscirà a dotarsi di un nuovo leader e di un programma adeguato alle emergenze presenti e future. Soltanto allora potrà ritrovare quell’unità, in assenza della quale le speranze di vittoria appaiono nulle.

Ciò che più preoccupa, tuttavia, è che il Cavaliere coltivi ancora il sogno di una ridiscesa in campo, e speri di essere lui a ricompattare la destra, mentre la sua perdurante presenza in realtà la blocca. Egli non si è ancora reso conto di non trovarsi più all’isola d’Elba, ma ormai da tempo sul romitaggio di Sant’Elena, piccola isola vicina al Capo di Buona Speranza, dalla quale, però, a dispetto del nome, non c’è prospettiva di ritorno.

Infine, eleviamo senza rimpianti una prece per Grillo, il cui movimento si è mostrato ancor più fasullo di quello di Guglielmo Giannini.

Questi i miei commenti al voto, che non fanno che confermare le mie previsioni di sempre. Esorto perciò tutti gli uomini e le donne di destra a tener conto di tale importantissima indicazione, e a cercare le necessarie alternative senza indugio, se non vogliono soggiacere per decenni alla tirannia di una sinistra di governo sempre più ostaggio della mafia globale.

Carlo Vivaldi Forti


LE ELEZIONI REGIONALI DI DOMENICA SCORSA, VISTE DALLA SVIZZERA... (RARAMENTE, UN'ANALISI COSI' CENTRATA E VERITIERA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA MERKEL DOPO IL FLOP DEL G7 DI TAORMINA PUNTA A UNA UE ANCORA PIU' ''TEDESCA'' E VUOLE LA GUIDA DELLA BCE DOPO DRAGHI

LA MERKEL DOPO IL FLOP DEL G7 DI TAORMINA PUNTA A UNA UE ANCORA PIU' ''TEDESCA'' E VUOLE LA GUIDA

lunedì 29 maggio 2017
BERLINO - La politica tentata dalla cancelliera tedesca Angela Merkel nei confronti del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il vertice del G7 tenutosi a Taormina, non ha avuto
Continua
 
SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA VUOLE USCIRE DALLA UE (E IL 79% E' CONTRO L'EURO)

SONDAGGIO: LA MAGGIORANZA DEI CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA VUOLE USCIRE DALLA UE (E IL 79% E'

lunedì 29 maggio 2017
Nonostante la stampa di regime controllata  dalle oligarchie Ue continui a ripetere fino alla nausea - specialmrnte in Italia - che l'euro e' stato un grande successo, la realta' e' che chi ne
Continua
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO DEBITO-PIL AL 2,4%)

GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO

mercoledì 24 maggio 2017
LONDRA - In diverse occasioni abbiamo parlato di miracolo economico ungherese perche', al contrario delle nazioni dell'area euro, l'Ungheria ha ridotto le tasse e le bollette di luce, acqua, gas e
Continua
 
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL DIRITTO DI FARLO?)

BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL

mercoledì 24 maggio 2017
FRANCOFORTE - Ormai, la Bce si comporta non più come una banca, ma come fosse a capo della Ue con il diritto di veto e critica su stati, governi, elezioni. Questa sua invadenza ormai non ha
Continua
 
IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN CONCERTO

IL KAMIKAZE ISLAMICO DI MANCHESTER HA UCCISO IN NOME DI ALLAH BAMBINI INNOCENTI ANDATI A SENTIRE UN

martedì 23 maggio 2017
LONDRA - Un "attacco codardo contro persone innocenti e giovani indifesi". Cosi' la premier britannica Theresa May ha definito l'attentato kamikaze di ieri sera alla Manchester Arena, che ha
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INDUSTRIALI BRITANNICI SVELANO: ''REGOLAMENTI E NORMATIVE DELLA UE FAVORISCONO LE INDUSTRIE TEDESCHE A DANNO DELLE ALTRE''

INDUSTRIALI BRITANNICI SVELANO: ''REGOLAMENTI E NORMATIVE DELLA UE FAVORISCONO LE INDUSTRIE
Continua

 
NEL SILENZIO OMERTOSO DELL'INFORMAZIONE, IL BELGIO SI RIBELLA AI DIKTAT DELLA COMMISSIONE UE: SCIOPERI GENERALI A CATENA

NEL SILENZIO OMERTOSO DELL'INFORMAZIONE, IL BELGIO SI RIBELLA AI DIKTAT DELLA COMMISSIONE UE:
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!