65.368.223
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LE ELEZIONI REGIONALI DI DOMENICA SCORSA, VISTE DALLA SVIZZERA... (RARAMENTE, UN'ANALISI COSI' CENTRATA E VERITIERA)

martedì 25 novembre 2014

LUGANO - Scrive "Ticino Live" il più seguito dei quotidiani online della Svizzera italiana:

"Tra le due regioni ove si è votato, quella che maggiormente rappresenta il sentire degli italiani è l’Emilia Romagna. La Calabria, infatti, rappresenta un episodio tipicamente locale, legato al disincanto verso la persona di Scopelliti. Le riflessioni essenziali da fare sono perciò le seguenti.

• La sinistra renziana, anche se vincitrice nelle percentuali, esce in realtà sconfitta. Avendo ottenuto il 48% in Emilia su un elettorato ridotto al 36 % del totale, ottiene in realtà il 18 % circa, ossia più che un dimezzamento rispetto alle precedenti consultazioni europee e amministrative.

• Forza Italia è ridotta al 4% dell’elettorato iscritto, e ciò annuncia la sua prossima scomparsa.

• Su Alfano stendiamo un velo pietoso . Egli non rappresenta nessun tipo di destra , né vecchia né nuova, ma solamente un comodo supporto per la sinistra di governo.

• Il vero dato nuovo è l’avanzata di Salvini. Il successo emiliano della Lega non va sottovalutato, proprio perché si verifica in una delle regioni più rosse d’Italia. Se a Bologna ha ottenuto il 24% , quanto avrebbe realizzato a Milano, Venezia, Torino e Genova?

Da tutto ciò dobbiamo trarre le seguenti conclusioni.

La sinistra versa in una profonda crisi di credibilità, in quanto molti suoi elettori, che non sono scemi, hanno compreso perfettamente lo sporco gioco di Renzi e il suo blaterare a vuoto, come del resto aveva fatto per tutti i 5 anni del sindacato fiorentino. Il suo ruolo di imbonitore, ad esclusivo beneficio dei poteri forti che lo hanno installato a Palazzo Chigi a tutela dei propri interessi e dello status quo, comincia a vacillare visibilmente, mentre la sua stella si sta rapidamente appannando.

Quanto alla destra, essa è di fatto scomparsa, come volevasi dimostrare. Ciò dipende in gran parte dal discredito in cui è caduto il suo già carismatico leader Silvio Berlusconi, dovuto non certo alle avventure galanti per cui è stato processato e neppure alle ipotetiche truffe fiscali, ma ai suoi cedimenti ai ricatti dei poteri forti, nel 2011, e alla sua ambigua, oscillante politica verso Renzi. La destra, privata del suo capo, è dunque allo sbando, e non ritroverà la sua credibilità finché non riuscirà a dotarsi di un nuovo leader e di un programma adeguato alle emergenze presenti e future. Soltanto allora potrà ritrovare quell’unità, in assenza della quale le speranze di vittoria appaiono nulle.

Ciò che più preoccupa, tuttavia, è che il Cavaliere coltivi ancora il sogno di una ridiscesa in campo, e speri di essere lui a ricompattare la destra, mentre la sua perdurante presenza in realtà la blocca. Egli non si è ancora reso conto di non trovarsi più all’isola d’Elba, ma ormai da tempo sul romitaggio di Sant’Elena, piccola isola vicina al Capo di Buona Speranza, dalla quale, però, a dispetto del nome, non c’è prospettiva di ritorno.

Infine, eleviamo senza rimpianti una prece per Grillo, il cui movimento si è mostrato ancor più fasullo di quello di Guglielmo Giannini.

Questi i miei commenti al voto, che non fanno che confermare le mie previsioni di sempre. Esorto perciò tutti gli uomini e le donne di destra a tener conto di tale importantissima indicazione, e a cercare le necessarie alternative senza indugio, se non vogliono soggiacere per decenni alla tirannia di una sinistra di governo sempre più ostaggio della mafia globale.

Carlo Vivaldi Forti


LE ELEZIONI REGIONALI DI DOMENICA SCORSA, VISTE DALLA SVIZZERA... (RARAMENTE, UN'ANALISI COSI' CENTRATA E VERITIERA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA SPACCIO PROSTITUZIONE

CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA

lunedì 10 dicembre 2018
Due organizzazioni criminali sono state smantellate dai carabinieri della Compagnia di Carbonia a conclusione di una vasta operazione, ribattezzata 'Arruga', contro l'immigrazione clandestina e lo
Continua
 
LA STRAGE DEL ''LANTERNA AZZURRA CLUB'' PROVOCATA DA UNA BANDA DI RAPINATORI? E' L'IPOTESI PRINCIPALE DEGLI INVESTIGATORI

LA STRAGE DEL ''LANTERNA AZZURRA CLUB'' PROVOCATA DA UNA BANDA DI RAPINATORI? E' L'IPOTESI

lunedì 10 dicembre 2018
Chi e' perche' ha scatenato il panico all'interno del locale, qual era la sostanza che ha reso l'aria irrespirabile, quante erano effettivamente le presenze all'interno della sala dove si sarebbe
Continua
L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD APPOGGIARLO ALLE ELEZIONI''

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD

lunedì 10 dicembre 2018
PARIGI - L'economista francese Jean-Paul Fitoussi, non fatica a trovare in una intervista a "Il Fatto Quotidiano" pubblicata oggi un aggettivo per definire il presidente Emmanuel Macron: "Imbecille".
Continua
 
RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA CROCE ROSSA!

RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA

giovedì 6 dicembre 2018
LUCCA - Africani spacciavano, come nulla fosse, addirittura dentro una struttura della Croce Rossa. Gli agenti della questura di Lucca hanno effettuato questa mattina un'operazione contro lo spaccio
Continua
IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON DEVE PIU' ACCADERE

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON

mercoledì 5 dicembre 2018
ROMA -  Il governo italiano è pronto a dare l'alt all'operazione Sophia. Il piano operativo lanciato dall'Unione europea all'indomani dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 con lo scopo
Continua
 
MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI VOGLIONO CHE SE NE VADA

MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI

martedì 4 dicembre 2018
PARIGI - Macron ha perso, ma i gilet gialli non hanno ancora vinto, dato che ormai chedono a viso aperto le dimissioni del presidente della Repubblica. Sei mesi di sospensione dell'aumento delle
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INDUSTRIALI BRITANNICI SVELANO: ''REGOLAMENTI E NORMATIVE DELLA UE FAVORISCONO LE INDUSTRIE TEDESCHE A DANNO DELLE ALTRE''

INDUSTRIALI BRITANNICI SVELANO: ''REGOLAMENTI E NORMATIVE DELLA UE FAVORISCONO LE INDUSTRIE
Continua

 
NEL SILENZIO OMERTOSO DELL'INFORMAZIONE, IL BELGIO SI RIBELLA AI DIKTAT DELLA COMMISSIONE UE: SCIOPERI GENERALI A CATENA

NEL SILENZIO OMERTOSO DELL'INFORMAZIONE, IL BELGIO SI RIBELLA AI DIKTAT DELLA COMMISSIONE UE:
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!