61.574.816
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LE ELEZIONI REGIONALI DI DOMENICA SCORSA, VISTE DALLA SVIZZERA... (RARAMENTE, UN'ANALISI COSI' CENTRATA E VERITIERA)

martedì 25 novembre 2014

LUGANO - Scrive "Ticino Live" il più seguito dei quotidiani online della Svizzera italiana:

"Tra le due regioni ove si è votato, quella che maggiormente rappresenta il sentire degli italiani è l’Emilia Romagna. La Calabria, infatti, rappresenta un episodio tipicamente locale, legato al disincanto verso la persona di Scopelliti. Le riflessioni essenziali da fare sono perciò le seguenti.

• La sinistra renziana, anche se vincitrice nelle percentuali, esce in realtà sconfitta. Avendo ottenuto il 48% in Emilia su un elettorato ridotto al 36 % del totale, ottiene in realtà il 18 % circa, ossia più che un dimezzamento rispetto alle precedenti consultazioni europee e amministrative.

• Forza Italia è ridotta al 4% dell’elettorato iscritto, e ciò annuncia la sua prossima scomparsa.

• Su Alfano stendiamo un velo pietoso . Egli non rappresenta nessun tipo di destra , né vecchia né nuova, ma solamente un comodo supporto per la sinistra di governo.

• Il vero dato nuovo è l’avanzata di Salvini. Il successo emiliano della Lega non va sottovalutato, proprio perché si verifica in una delle regioni più rosse d’Italia. Se a Bologna ha ottenuto il 24% , quanto avrebbe realizzato a Milano, Venezia, Torino e Genova?

Da tutto ciò dobbiamo trarre le seguenti conclusioni.

La sinistra versa in una profonda crisi di credibilità, in quanto molti suoi elettori, che non sono scemi, hanno compreso perfettamente lo sporco gioco di Renzi e il suo blaterare a vuoto, come del resto aveva fatto per tutti i 5 anni del sindacato fiorentino. Il suo ruolo di imbonitore, ad esclusivo beneficio dei poteri forti che lo hanno installato a Palazzo Chigi a tutela dei propri interessi e dello status quo, comincia a vacillare visibilmente, mentre la sua stella si sta rapidamente appannando.

Quanto alla destra, essa è di fatto scomparsa, come volevasi dimostrare. Ciò dipende in gran parte dal discredito in cui è caduto il suo già carismatico leader Silvio Berlusconi, dovuto non certo alle avventure galanti per cui è stato processato e neppure alle ipotetiche truffe fiscali, ma ai suoi cedimenti ai ricatti dei poteri forti, nel 2011, e alla sua ambigua, oscillante politica verso Renzi. La destra, privata del suo capo, è dunque allo sbando, e non ritroverà la sua credibilità finché non riuscirà a dotarsi di un nuovo leader e di un programma adeguato alle emergenze presenti e future. Soltanto allora potrà ritrovare quell’unità, in assenza della quale le speranze di vittoria appaiono nulle.

Ciò che più preoccupa, tuttavia, è che il Cavaliere coltivi ancora il sogno di una ridiscesa in campo, e speri di essere lui a ricompattare la destra, mentre la sua perdurante presenza in realtà la blocca. Egli non si è ancora reso conto di non trovarsi più all’isola d’Elba, ma ormai da tempo sul romitaggio di Sant’Elena, piccola isola vicina al Capo di Buona Speranza, dalla quale, però, a dispetto del nome, non c’è prospettiva di ritorno.

Infine, eleviamo senza rimpianti una prece per Grillo, il cui movimento si è mostrato ancor più fasullo di quello di Guglielmo Giannini.

Questi i miei commenti al voto, che non fanno che confermare le mie previsioni di sempre. Esorto perciò tutti gli uomini e le donne di destra a tener conto di tale importantissima indicazione, e a cercare le necessarie alternative senza indugio, se non vogliono soggiacere per decenni alla tirannia di una sinistra di governo sempre più ostaggio della mafia globale.

Carlo Vivaldi Forti


LE ELEZIONI REGIONALI DI DOMENICA SCORSA, VISTE DALLA SVIZZERA... (RARAMENTE, UN'ANALISI COSI' CENTRATA E VERITIERA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INDUSTRIALI BRITANNICI SVELANO: ''REGOLAMENTI E NORMATIVE DELLA UE FAVORISCONO LE INDUSTRIE TEDESCHE A DANNO DELLE ALTRE''

INDUSTRIALI BRITANNICI SVELANO: ''REGOLAMENTI E NORMATIVE DELLA UE FAVORISCONO LE INDUSTRIE
Continua

 
NEL SILENZIO OMERTOSO DELL'INFORMAZIONE, IL BELGIO SI RIBELLA AI DIKTAT DELLA COMMISSIONE UE: SCIOPERI GENERALI A CATENA

NEL SILENZIO OMERTOSO DELL'INFORMAZIONE, IL BELGIO SI RIBELLA AI DIKTAT DELLA COMMISSIONE UE:
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!