50.718.168
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SVELATO IL ''PIANO'' DELLA COMMISSIONE JUNCKER PER LA FRANCIA: COMMISSARIAMENTO DEL GOVERNO E AGGRESSIONE COME ALLA GRECIA

venerdì 21 novembre 2014

PARIGI - Per ottenere un nuovo rinvio del suo rientro del deficit e per ottenere una parte dei 300 miliardi di euro (sempre che esistano e non siano la presa in giro che già appaiono essere) previsti dal piano Juncker per il rilancio degli investimenti in Europa, la Francia dovra' seguire un preciso calendario di riforme strutturali, la cui lista e' contenuta nel documento adottato dal Consiglio europeo nello scorso luglio, tre pagine fitte di "raccomandazioni" per il biennio 2014-2015.

In pratica la Commissione europea intende comportarsi con la Francia come ha fatto con la Grecia: una specie di commissariamento con diktat esecutivi, in stile occupazione.

La Ue dunque si prepara a mettere la Francia sotto tutela.

Il primo atto sara' il lunedi' 25 novembre, quando riprenderanno le trattative tra il ministero francese delle Finanze e la Commissione europea sui conti pubblici della Francia, che proseguiranno fino alla riunione plenaria dei commissari il 28 novembre.

Nonostante le fughe pilotate di voci, la squadra di Juncker non ha voglia - anzi, non ha più l'autorevolezza per colpa dello screditatissimo Juncker - di comminare la sanzione dello 0,2 per cento del Pil (nel caso della Francia, ben 4 miliardi di euro) che e' prevista dai trattati europei ma non e' mai stata applicata.

Tuttavia, per ottenere che gli obbiettivi di bilancio vengano rinviati al 2017 o al 2018, il governo francese deve pagare un prezzo, sempre che in Francia non scoppi la rivolta popolare: portare avanti le "riforme" ovvero le imposizioni dei corrotti oligarchi di Bruxelles sotto "la supervisione della Commissione". Questo, le canaglie di Bruxelles intendono fare alla Francia.

Il secondo atto andra' in scena mercoledi' 28 novembre a Strasburgo, quando Jean-Claude Juncker sollevera' il velo sul suo piano di 300 miliardi di investimenti europei per rilanciare la crescita, anche qui: sempre che la mozione delle opposizioni che chiedono la dimissioni del Re degli evasori fiscali non abbia successo. E in ogni caso, già la discussione che avrà luogo in Parlamento a Strasburgo aumenterà il discredito di questo inconcepibile personaggio invischiato in affari sporchi e patti segreti con multinazionali mondiali d'ogni genere. 

In ogni caso, al riguardo di questi fantomatici 300 miliardi, un principio sembra acquisito: la manna sara' distribuita in funzione "dell'entusiasmo riformatore" mostrato da ciascuna delle 28 capitali.

La lista delle riforme imposta a Parigi comprende: riduzione del costo del lavoro (taglio delgi stipendi); ammorbidimento della rigidita' del mercato del lavoro (libertà di licienziamento indiscriminato); riduzione delle spese per la sicurezza sociale ed in particolare per la sanita' (taglio di ospedali, assitenza malati), compresa la spesa farmaceutica (taglio delle medicine per i malati poveri); misure supplementari per riportare il pareggio entro il 2020 il sistema pensionistico (taglio delle pensioni); accorpamento delle amministrazioni locali (centralizzazione del potere); soppressione delle restrizioni all'accesso alle professioni regolamentate (eliminazione dei controlli di qualità sulle profesisoni) ed all'apertura di nuovi esercizi commerciali (ipermercati per tutti e ovunque); facilitare la concorrenza nel settore della distribuzione del gas e dell'elettricita' (privatizzazioni dei serivzi primari con aumento dei costi per i cittadini).

In pratica, una macelleria sociale, economica, politica e perfino istituzionale degna di un colpo di stato o di una occupazione manu militari come quella fatta dalle truppe naziste durante la seconda guerra mondiale. 

A Bruxelles devono essersi scordati della Rivoluzione Francese. 

max parisi


SVELATO IL ''PIANO'' DELLA COMMISSIONE JUNCKER PER LA FRANCIA: COMMISSARIAMENTO DEL GOVERNO E AGGRESSIONE COME ALLA GRECIA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NEL SILENZIO PIU' ASSOLUTO DEI MEZZI DI INFORMAZIONE, ENORME VITTORIA DEGLI ANTI-EURO ALLE ELEZIONI IN POLONIA

NEL SILENZIO PIU' ASSOLUTO DEI MEZZI DI INFORMAZIONE, ENORME VITTORIA DEGLI ANTI-EURO ALLE ELEZIONI
Continua

 
ISLANDA: FINISCONO IN GALERA I BANKSTERS RESPONSABILI DEI DISSESTI NEL 2008 (INVECE I PADRINI POLITICI DI MPS GOVERNANO)

ISLANDA: FINISCONO IN GALERA I BANKSTERS RESPONSABILI DEI DISSESTI NEL 2008 (INVECE I PADRINI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!