55.052.648
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

POLETTI, MINISTRO DEL LAVORO CHE NON HA MAI LAVORATO IN VITA SUA DECIDE DI NON ANDARE AL CONGRESSO UIL (CODARDO, SCAPPA)

mercoledì 19 novembre 2014

Il prossimo leader della Uil, Carmelo Barbagallo, attuale segretario generale aggiunto che sara' eletto venerdi' dal congresso come successore di Luigi Angeletti, modifica la linea politica della confederazione, portandola a decidere lo sciopero generale, insieme con la Cgil, per il 12 dicembre.

La Cisl pero' si smarca, perché secondo il suo segretario generale Annamaria Furlan in questo momento "non serve bloccare il Paese". Tuttavia, il sindacato guidato da Furlan si mobilitera' il 1 dicembre, anche se solo nel settore pubblico, per sostenere la vertenza per il rinnovo del contratto degli statali fermo da sei anni.

Il cambio di strategia della Uil rappresenta una novita' che ha colto di sorpresa il Governo, inducendo il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, a rinunciare al suo intervento al congresso, sebbene fosse programmato da tempo.

Dopo aver ascoltato la relazione del segretario generale uscente Luigi Angeletti, considerato il "mutato contesto" dovuto alla decisione di Cgil e Uil di scioperare contro il Governo su legge di stabilita', Jobs act e contratti pubblici, Poletti ha dato forfait inviando un messaggio alla confederazione, accolto dai fischi della platea congressuale.

"Evidentemente non aveva nulla da dire", ha ironizzato Barbagallo. "Ho l'impressione che in questo Governo nessun ministro abbia la liberta' di parlare", ha aggiunto. La replica di Poletti non si e' fatta attendere: "Mi aspetterei rispetto e garbo dai massimi dirigenti Uil".

Che qualcosa stia cambiando nel sindacato, almeno nelle alleanze, e' risultato evidente anche nell'ultima relazione da segretario generale di Angeletti. Il premier Matteo Renzi "e' un mago nell'annunciare i progetti", ha affermato, ma "nell'affrontare il presente sta mostrando ancora tutti i suoi limiti. Sarebbe fuori dalla realta' chi si ostinasse a governare il Paese con un tweet".

L'opposizione sociale alle misure del Governo dunque cresce. Un dato che probabilmente a Palazzo Chigi non sfugge, nonostante si continuino a mostrare una certa sicurezza e un passo spedito nell'approvazione di provvedimenti finora soltanto annunciati.

Il responsabile economico del Pd, Filippo Taddei, ha giudicato un "errore" lo sciopero generale deciso da Cgil e Uil. "Era un errore ieri e resta un errore oggi", ha detto Taddei. Le imprese, per il momento restano alla finestra, forti di una legge di stabilita' che le premia sul versante dell'Irap e di un Jobs act che potrebbe concedere loro procedure piu' facili per i licenziamenti, alla faccia del fatto che Renzi invece lo descriva come una spinta all'occupazione.

"Con i bassi livelli di attivita' dell'industria che abbiamo adesso forse lo sciopero generale e' un vantaggio", ha commentato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, senza neppure rendersi conto che così decreta la resa di Confindustria alla crisi smentendo il governo su le mirabolanti possibilità di ripresa che sarebbero dietro l'angolo.

Redazione Milano.


POLETTI, MINISTRO DEL LAVORO CHE NON HA MAI LAVORATO IN VITA SUA DECIDE DI NON ANDARE AL CONGRESSO UIL (CODARDO, SCAPPA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

POLETTI   MINISTRO   CONIGLIO   CODARDO   FUGA   CONGRESSO   UIL SCIOPERO GENERALE   ANGELETTI   BARBAGALLO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SALVINI: ''VOGLIO VINCERE CON IL 51% IO CREDO CI SIA UNA MAGGIORANZA ALTERNATIVA A RENZI, IN ITALIA. VOGLIO CHE VINCA''

SALVINI: ''VOGLIO VINCERE CON IL 51% IO CREDO CI SIA UNA MAGGIORANZA ALTERNATIVA A RENZI, IN
Continua

 
''IL TESSUTO SOCIALE ITALIANO SI STA SFALDANDO E HA EROSO SIGNIFICATIVAMENTE IL CONSENSO PER RENZI'' (CHICAGO TRIBUNE)

''IL TESSUTO SOCIALE ITALIANO SI STA SFALDANDO E HA EROSO SIGNIFICATIVAMENTE IL CONSENSO PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!