43.419.256
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SI SALDA IL FRONTE EUROSCETTICO SULLA MOZIONE DI SFIDUCIA A JUNCKER. NON PASSERA', MA ACCELERERA' IL CROLLO DELLA UE.

mercoledì 19 novembre 2014

BRUXELLES - Il neo presidente della Commissione europea, il lussemburghese Jean-Claude Juncker, e' riuscito ad unificare tutte le famiglie degli euroscettici presenti al Parlamento europeo di Strasburgo: dopo la rivelazione dello scandalo noto come "Luxleaks", sugli accordi fiscali di favore accordati dal Lussemburgo a molte grandi multinazionali, il gruppo parlamentare "Europa della liberta' e della democrazia diretta" (Efdd), diretto dal leader euroscettico britannico Nigel Farage (Ukip), ha annunciato di aver depositato una mozione di sfiducia nei confronti di Juncker, di cui chiede le dimissioni.

Tra i 76 parlamentari europei che hanno firmato la mozione figurano, oltre agli europarlamentari della Lega Nord capitanati da Matteo Salvini, anche i membri del Movimento 5 stelle (M5s) dell'ex comico italiano Beppe Grillo e persino quelli del Front national (Fn) francese: evidentemente il disprezzo nei confronti di Juncker e dell'establishment Ue che egli rappresenta e' piu' forte dell'avversione reciproca che i leader dell'Ukip britannico e dell'Fn francese nutrono l'uno nei confronti dell'altra.

Prima delle elezioni europee del maggio scorso infatti Farage aveva detto che Marine Le Pen "ha l'antisemitismo iscritto nel suo Dna"; e dopo il voto i due si sono fatti la guerra per riuscire ciascuno a formare un gruppo parlamentare euroscettico ai danni dell'altra, sottraendosi reciprocamente alleati e sostenitori.

Alla fine solo Farage ce l'ha fatta, con il sostegno di Grillo e di un gruppo di partiti euroscettici di vari altri paesi, ma adesso grazie al disprezzo per Juncker i rancori sembrano passati. Hanno prevalso le ragioni che uniscono su quelle - pur evidenti - che dividono.

Di fatto, però, la mozione di censura che sara' messa ai voti la prossima settimana a Strasburgo non ha alcuna chance di passare: nonostante che l'enorme scandalo Luxleaks abbia fatto a pezzi la credibilita' di Juncker, nessuno dei partiti pro-europei finora ne ha chiesto la testa, nel miope timore di indebolire ancora di piu' la Commissione. E al Parlamento essi dispongono di una maggioranza confortevole.

Ma la mozione e' il primo colpo sferrato dagli euroscettici, avversari sia dell'euro che della Ue. E sebbene perderanno nella votazione a Strasburgo, questa sconfitta sarà la classica "vittoria di Pirro" per i socialisti e i popolari che formano la maggioranza: scaverà una fossa ancora più profonda tra l'istituzione "Ue" e i cittadini europei.

Difendere l'indifendibile Re degli evasori fiscali Juncker getta il suo discredito direttamente addosso a tutta la Commissione europea, al Gruppo socialista e al Gruppo del Ppe. E offre un'arma politica formidabile contro la Ue a partiti nazionali schierati contro l'euro e la Ue e che presto saranno chiamati alle urne, ad iniziare da Gran Bretagna e Spagna nella prima parte del 2015.

max parisi


SI SALDA IL FRONTE EUROSCETTICO SULLA MOZIONE DI SFIDUCIA A JUNCKER. NON PASSERA', MA ACCELERERA' IL CROLLO DELLA UE.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PRESIDENTE (DI DESTRA) ROMENO JOHANNIS: ''VOGLIAMO GOVERNARE NOI. LA SINISTRA, IL PSD, VA RIPULITA DALLA CORRUZIONE''

IL PRESIDENTE (DI DESTRA) ROMENO JOHANNIS: ''VOGLIAMO GOVERNARE NOI. LA SINISTRA, IL PSD, VA
Continua

 
IL GOVERNO GRECO RESPINGE TUTTE LE ''INDICAZIONI'' DELLA TROIKA! SCONTRO FRONTALE CON L'OLIGARCHIA DI BRUXELLES (ADDIO UE)

IL GOVERNO GRECO RESPINGE TUTTE LE ''INDICAZIONI'' DELLA TROIKA! SCONTRO FRONTALE CON L'OLIGARCHIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!