89.289.207
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA DESTRA ''TEDESCA'' VINCE IN ROMANIA: KLAUS JOHANNIS E' IL NUOVO PRESIDENTE, SCONFITTO VICTOR PONTA, APPOGGIATO DA RENZI

lunedì 17 novembre 2014

BUCAREST - Klaus Iohannis, leader liberale, sindaco di Sibiu, rappresentante della minoranza tedesca in Romania, è il nuovo presidente del Paese. Una vittoria a sorpresa dopo che anche i sondaggi degli ultimi giorni davano per vincente il premier socialdemocratico Victor Ponta, affossato dal caso del voto "negato" alla diaspora.

Quando è stato scrutinato il 76,5% delle schede il sindaco tedescofono di Sibiu ha ottenuto il 54,8% delle preferenze contro il 45% di Ponta che ha dilapidato in due settimane più di 10 punti percentuale di vantaggio (il primo turno si era chiuso con il primo ministro al 40% contro il 30% dello sfidante). Una vittoria storica per l'ex professore di fisica che rappresenta la minoranza tedesca nel Paese e che in solo due settimane è riuscito a recuperare uno svantaggio enorme.

A pesare sulla disastrosa performance di Ponta la gestione del voto all'estero. La comunità romena che vive fuori dai confini, infatti, ha votato in massa per Iohannis e anche in Romania il sentimento di solidarietà per la diaspora a cui era stato negato il voto nel primo turno ha avuto un peso enorme: migliaia di persone sono scese in piazza anche ieri per chiedere che venisse prolungato il termine di voto per l'estero, dove moltissimi romeni sono stati in coda ore per esprimere il proprio voto.

La disfatta di Ponta è stata chiara prima di tutti proprio al premier che poco dopo i primi exit poll, che davano un testa a testa e a spoglio appena iniziato, ha chiamato Iohannis per congratularsi per la vittoria, ma ribadendo che non si dimetterà da capo del governo. "Ringrazio tutti i romeni che hanno votato - ha detto Ponta - il popolo ha sempre ragione. Ho chiamato i Iohannis per congratularmi per la vittoria. Mi dispiace di aver fallito ma non mi arrendo". Il neo presidente ha risposto via Facebook con poche parole: "Ho vinto" e subito dopo si è recato tra la folla festante in piazza dell'Università a Bucarest.

Ma la situazione sia in Romania sia nelle vastissime comunità romene in Europa non è affatto tranquilla. File lunghe chilometri fin dalle prime ore dell'alba nei principali seggi elettorali all'estero per le presidenziali romene, lunghe attese spesso sotto la pioggia e alla fine anche i lacrimogeni della polizia a Torino e Parigi: è stata questa la situazione in cui circa 360mila romeni aventi diritto hanno espresso il proprio voto per eleggere il nuovo presidente, decretando direttamente e soprattutto indirettamente la vittoria del liberale tedescofono Klaus Iohannis.

Il totale dei votanti della diaspora, che conta più di tre milioni di persone, è stato più del doppio del primo turno quando erano andati alle urne 150mila romeni L'affluenza più alta è stata registrata in Italia (dove erano stati approntati 51 seggi, ma ne erano stati chiesti quasi 70), in Spagna, Moldova, Gran Bretagna, Germania e Francia.

Fin dalle prime ore del mattino a Roma, Torino, Parigi, Londra, Monaco e Stoccarda migliaia si erano messi in fila per votare, dopo aver affrontato anche lunghi viaggi. Quando nel pomeriggio è stato chiaro che entro le 21 (ora locale di ogni seggio) molti non sarebbero riusciti a votare è scoppiata la protesta sia all'estero che in Romania. A Bucarest e nelle principali città migliaia di romeni sono scesi in piazza chiedendo le dimissioni del premier Ponta e che venisse esteso l'orario di voto: possibilità questa, esaminata dal ministero degli Esteri e dall'Ufficio elettorale centrale ma bocciata.

La situazione è degenerata a Torino dove erano state in coda 5.000 persone e dove le proteste sono state sedate con l'uso di lacrimogeni, come a Parigi. "Victor Ponta ha fatto alcuni errori - ha spiegato l'analista del think tank Cespri, Sergiu Miscoiu, riferendosi alle polemiche del primo turno che hanno portato anche alle dimissioni del ministro degli Esteri Titus Corlatean - il principale è stato ostracizzare la diaspora. Il risultato è stato, non tanto il voto dei romeni all'estero, ma la solidarietà della Romania".

Molto probabile che nei prossimi giorni nuove imponenti manifestazioni di piazza in Romania costringano lo sconfitto Ponta a dimettersi, data la sua arronganza nel voler rimanere capo del governo nonostante la concente sconfitta subita. Da annotare che il premier italiano Renzi era andato personalmente in Romania venerdì scorso - prima id recarsi in Australia al G20 per "sorreggere" il candidato Ponta...

Redazione Milano. 

Redazione Milano


LA DESTRA ''TEDESCA'' VINCE IN ROMANIA: KLAUS JOHANNIS E' IL NUOVO PRESIDENTE, SCONFITTO VICTOR PONTA, APPOGGIATO DA RENZI




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua
AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO TUTTI BENE.

AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO

domenica 27 dicembre 2020
MILANO - Sono partite dall'ospedale milanese di Niguarda, dove sono arrivate poco prima delle 8 del mattino, le prime fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia. Sono sono state suddivise e
Continua
 
INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!  (FUCILATA DI ASSOIMPREDIL)

INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!

giovedì 24 settembre 2020
MILANO - "L'invito rivolto dall'Assessore Maran al Consiglio Comunale di Milano a fare la guerra santa contro la Regione Lombardia, approvando provvedimenti che blocchino gli effetti della legge
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ATENE: LAGER PER BAMBINI MALATI DI AUTISMO. IL MINISTRO DEL WELFARE GRECO: ''COLPA DEI TAGLI DELLA TROIKA ALLA SANITA'''

ATENE: LAGER PER BAMBINI MALATI DI AUTISMO. IL MINISTRO DEL WELFARE GRECO: ''COLPA DEI TAGLI DELLA
Continua

 
DECINE DI MIGLIAIA DI GRECI IN CORTEO AD ATENE CONTRO IL GOVERNO NELL'ANNIVERSARIO DELLA RIVOLTA CONTRO I ''COLONNELLI''

DECINE DI MIGLIAIA DI GRECI IN CORTEO AD ATENE CONTRO IL GOVERNO NELL'ANNIVERSARIO DELLA RIVOLTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua

PIU' EUROPA INTIMA A CONTE DI VERIFICARE SUBITO SE HA ANCORA

14 gennaio - ''La crisi deve essere immediatamente parlamentarizzata: Conte vada
Continua

GERMANIA CON I CONTI IN ROSSO: DISAVANZO PUBBLICO CHIZZA AL 4,8%

14 gennaio - BERLINO - Con la crisi pandemica e le relative contromisure, nel 2020 la
Continua

FONTANA: LOMBARDIA PRIMA PER NUMERO VACCINATI E SOMMINISTRAZIONI

13 gennaio - MILANO - Lombardia ha superato le 100.000 vaccinazioni Anti Covid. Con
Continua
ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

13 gennaio - VARESE - ''Finalmente sono tornato. Ringrazio il prof. Paolo Ferroli e
Continua

MATTEO SALVINI: ''SIAMO DISGUSTATI DA CONTE E RENZI, DAI LORO

13 gennaio - ''Siamo disgustati. Da settimane l'Italia è in balia dei capricci di
Continua

ROBERTO MARONI DIMESSO DAL BESTA DOPO L'INTERVENTO: CONDIZIONI

12 gennaio - MILANO - L'ex governatore della Lombardia, ed ex ministro dell'Interno,
Continua

FINANCIAL TIMES PREMIA PROGETTI DI REGIONE LOMBARDIA. MIGLIORI AL

12 gennaio - fDi Intelligence - servizio del Financial Times, il quotidiano di
Continua

TOTI: PARLAMENTARI DI CAMBIAMO NON DARANNO MAI VOTI A QUESTO GOVERNO

12 gennaio - ''In queste condizioni, i parlamentari di Cambiamo non daranno una mano
Continua
Precedenti »