48.433.402
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SINDACO DI ROMA MARINO: ''NON ME NE VADO E TOR SAPIENZA E' COLPA DI ALFANO E COL LA PANDA ENTRO IN CENTRO COME MI PARE''

domenica 16 novembre 2014

ROMA - La nota arroganza del sindaco di Roma Ignazio Marino emerge trionfante anche questa volta, si spera l'ultima della sua vergognosa parabola politica quale alfiere del Pd alla guida del Comune di Roma. Era dai tempi di Nerone che non si assisteva a un tale sfascio.

Sentite che ha dichiarato, il signor sindaco piddino: "Le voci di un voto a marzo per il Campidoglio sono totalmente inesistenti. Fanno parte di quel cicaleccio di cui si alimenta la politica che non e' abituata a rimboccarsi le maniche".

E non è una voce "di sen fuggita". Sono parole messe nero su bianco  dal Messaggero che l'ha intervistato.

Marino accusa: "Il caso Tor Sapienza e' il risultato di 12 anni di gestione sbagliata del progetto di accoglienza elaborato dal Viminale. Questa situazione non si e' creata in un giorno, ma dal 2002 a ora. All'epoca c'erano un premier e un ministro dell'Interno, oggi ce ne sono altri". Peccato che spetti al sindaco stabilire se e dove "accogliere" le orde di extracomunitari rovesciate in Italia dall'operazione Mare Nostrum decisa da Renzi, segretario del partito a cui Marino è iscritto e che lo ha fatto eleggere.

I sindaci della Lega, ad esempio, si sono rifiutati di mettere a disposizione strutture, spazi e soprattutto soldi per questa folle iniziativa, partendo dal principio sacrosanto per il quale prima in Italia vengono gli italiani. Quindi, Marino è complice di Renzi e responsabile in prima persona del disastro di Tor Sapienza. Abbia il coraggio delle sue azioni e non si mostri vigliacco.

Intervistato anche dalla Stampa, Marino sottolinea che "non e' esclusiva responsabilita' dei sindaci il fatto che i luoghi d'accoglienza si siano concentrati li'. Si tratta di decisioni prese di concerto con il programma del servizio protezione rifugiati del ministero dell'Interno. In base ai dati del ministero dell'Interno - aggiunge - il Lazio, con 5 milioni di abitanti, la meta' della Lombardia, e' la regione che accoglie oltre un quinto di tutti i rifugiati del Paese. Di questi, l'87,5 % insiste su Roma. Non e' che ci sia tanto da discutere. Abbiamo mobilitato risorse che prima non esistevano. E noi non facciamo manifestazioni coi saluti fascisti".

Marino avrebbe potuto dire una parola, una sola parola e nulla di tutto ciò sarebbe accaduto: no. Ma non l'ha detta, da bravo scherano del Pd. Ora non si lamenti se i romani lo insultano per strada.

Ancora, Marino sottolinea di non accettare "aut aut" sulla richiesta di rimpasto della sua giunta da parte del Pd. Sul caso della Panda, si difende: "Il precedente sindaco ha ancora l'auto a disposizione del ministero degli Interni e 4 uomini per la sua sicurezza, io non ho nessuno, ho rinunciato ad avere la macchina, non voglio scorte, ne' sotto casa ne' da nessuna parte. Credo che almeno il passaggio in Panda nel centro storico lo possa fare". 

No, sindaco, lei non lo può fare. Lei deve dare l'esempio, non sfruttare il ruolo. Dia retta ai serpenti del suo partito: si dimetta. E sparisca.

max parisi


SINDACO DI ROMA MARINO: ''NON ME NE VADO E TOR SAPIENZA E' COLPA DI ALFANO E COL LA PANDA ENTRO IN CENTRO COME MI PARE''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
 
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
I POTERI FORTI EUROPEI VOGLIONO STRANGOLARE DI TASSE GLI ITALIANI: L'OCSE ''CONSIGLIA'' UNA PATRIMONIALE SULLA PRIMA CASA

I POTERI FORTI EUROPEI VOGLIONO STRANGOLARE DI TASSE GLI ITALIANI: L'OCSE ''CONSIGLIA'' UNA

mercoledì 7 giugno 2017
PARIGI -  I poteri forti vogliono che gli italiani siano strangolati da nuove onerose tasse. L'Ocse taglia le stime sull'Italia e "consiglia" il governo Pd di rimettere l'Imu sulla prima casa.
Continua
 
LES ECHOS: ''ITALIA RISCHIA DI FINIRE COME LA REPUBBLICA DI WEIMAR'' E IL TIMES: ''L'ITALIA FARA' CROLLARE LA UE''.

LES ECHOS: ''ITALIA RISCHIA DI FINIRE COME LA REPUBBLICA DI WEIMAR'' E IL TIMES: ''L'ITALIA FARA'

martedì 6 giugno 2017
PARIGI - La coalizione di governo in Italia e' sull'orlo di una crisi di nervi: lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos" in un lungo  documentato reportage  pubblicato oggi in
Continua
GIORNALI ECONOMICI FRANCESI: DUE BANCHE ITALIANE A UN SOLO PASSO DAL FALLIMENTO (IL BAIL IN SCATTERA' IL 30 GIUGNO)

GIORNALI ECONOMICI FRANCESI: DUE BANCHE ITALIANE A UN SOLO PASSO DAL FALLIMENTO (IL BAIL IN

giovedì 1 giugno 2017
PARIGI - Si fa sempre piu' stretta la porta per il salvataggio delle banche venete in difficolta': lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos" oggi in prima pagina in una analisi in cui il
Continua
 
STAMPA FRANCESE: LEGGE ELETTORALE SBAGLIATA, MA IL PD VUOLE VOTARE PRIMA DELLA ''MANOVRA GRECA'' CHE IMPORRA' LA UE

STAMPA FRANCESE: LEGGE ELETTORALE SBAGLIATA, MA IL PD VUOLE VOTARE PRIMA DELLA ''MANOVRA GRECA''

martedì 30 maggio 2017
"Non c'e' tre senza quattro" potrebbe essere il precetto elettorale di questo anno 2017 in Europa: e' la previsione del quotidiano economico francese "Les Echos", secondo cui dopo la Francia, la Gran
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''PER LA LIGURIA E' UNA CATASTROFE'' DICHIARA IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE CIVILE. MAI ACCADUTO A MEMORIA D'UOMO.

''PER LA LIGURIA E' UNA CATASTROFE'' DICHIARA IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE CIVILE. MAI ACCADUTO
Continua

 
''L'ITALIA SI STA DIRIGENDO VERSO L'USCITA DALL'AREA DELL'EURO. ENTRO UN PAIO D'ANNI NE SARA' FUORI'' (THE GUARDIAN)

''L'ITALIA SI STA DIRIGENDO VERSO L'USCITA DALL'AREA DELL'EURO. ENTRO UN PAIO D'ANNI NE SARA'
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!