50.672.530
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CINQUE ANNI PRIMA DELL'EVENTUALE ADOZIONE DELL'EURO, I CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA FIRMANO PER UN REFERENDUM CONTRO!

sabato 15 novembre 2014

PRAGA - Anche nella Repubblica Ceca cresce a dismisura il numero di coloro che sono contrari all'adozione dell'euro tant'e' che 40mila persone hanno firmato un referendum per chiedere al governo di non adottare la moneta unica, e si noti che questa raccolta firme avviene non sei mesi,ma sei anni prima che vi sia l'eventualità che l'euro diventi la valuta dei Cechi. Ma andiamo con ordine.

Questa petizione e' stata lanciata da Jan Zahradil, parlamentare europeo del Civic Democratic party, il quale ha spiegato in un dibattito tenuto al Senato ceco che molti imprenditori sono contrari all'adozione dell'euro e sottolineato come molte cose siano cambiate da quando e' stato introdotto il meccanismo europeo di stabilita' e il fiscal compact.

Il Civic Democratic party ha iniziato la raccolta di firme durante la campagna elettorale per le elezioni europee lo scorso Maggio e ora la petizione da loro presentata verra' dibattuta al senato anche se pochi credono che possa portare a dei cambiamenti visto che sia i partiti di governo che quelli d'opposizione (ad eccezione del Civic Democratic party) sono determinati a introdurre l'euro nel 2020, sempre che nel 2020 vi sia ancora in circolazione l'euro in Europa, ovviamente.

Tale attitudine "pro euro" pero' non riflette la volonta' popolare, visto che in un sondaggio fatto lo scorso maggio il 75% dei cittadini cechi ha dichiarato di essere contrario all'adozione della moneta unica ed e' alquanto improbabile che molti di essi abbiano cambiato idea negli ultimi tempi.

Indubbiamente, questa petizione fara' sentire il suo peso nei mesi a venire dato che tutti coloro che vorranno adottare l'euro dovranno fare i conti con questa maggioranza silenziosa che potrebbe reagire in modo violento, specie se dovra' subire misure lacrime e sangue imposte dalla UE. I cechi sono capaci di fare rivoluzioni, e l'hanno già dimostrato.

Nei prossimi anni tante cose potranno cambiare e da parte nostra ci auguriamo che l'euro possa sparire molto prima del 2020 e per questo invitiamo anche gli italiani a firmare la petizione per far uscire l'Italia dalla moneta unica, e votare, quando finalmente sarà data loro la possibilità di farlo per rinnovare il Parlamento, con fierezza e determinazione i partiti anti euro e le coalizioni - se ve ne saranno - che abbiano nel programma di governo l'uscita dell'Italia dall'euro, esattamente come farà Marine Le Pen non appena vincerà le elezioni in Francia.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.

Nota.

Inizialmente la Repubblica Ceca aveva l'intenzione di adottare l'euro come moneta nazionale nel 2010. In seguito la data fu posticipata al 2012 per il forte deficit del Paese. Nel 2007 il Ministro delle Finanze della Repubblica Ceca  posticipò la data al 2012-3. La data è slittata poi ulteriormente al 2015 con il governo guidato dal premier Mirek Topolanek, mentre già il Governatore della Banca centrale Zdeněk Tůma parlava del 2019 come data più realistica. Con la crisi del debito sovrano europeo la maggioranza degli esponenti politici si sono portati su una linea attendista. Ad ottobre 2011 il Primo ministro Petr Nečas dichiarò le condizioni che governano l'eurozona erano significativamente cambiate da quando fu ratificato il trattato di adesione, per cui riteneva che i cechi dovessero essere nelle condizioni di confermare tramite un referendum l'accesso all'eurozona, referendum a cui il partito di coalizione di maggioranza, il TOP 09, dissentiva sull'opportunità di indizione. Miloš Zeman, eletto Presidente della Repubblica Ceca nel gennaio 2013, pur supportando l'adesione dell'euro, ha invocato comunque un referendum per la decisione. Inoltre, poco dopo essersi insediato nel marzo 2103, Zeman ha ipotizzato che la Repubblica Ceca non sarà pronta per l'adesione per come minimo 5 anni.

Fonte: Wikipedia. 


CINQUE ANNI PRIMA DELL'EVENTUALE ADOZIONE DELL'EURO, I CITTADINI DELLA REPUBBLICA CECA FIRMANO PER UN REFERENDUM CONTRO!




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''E' UNA BEFFA CHE DOMANI JUNCKER SIA AL G20 DEDICATO PROPRIO ALL'EVASIONE FISCALE. RENZI NE CHIEDA LE DIMISSIONI'' (M5S)

''E' UNA BEFFA CHE DOMANI JUNCKER SIA AL G20 DEDICATO PROPRIO ALL'EVASIONE FISCALE. RENZI NE CHIEDA
Continua

 
ATENE: LAGER PER BAMBINI MALATI DI AUTISMO. IL MINISTRO DEL WELFARE GRECO: ''COLPA DEI TAGLI DELLA TROIKA ALLA SANITA'''

ATENE: LAGER PER BAMBINI MALATI DI AUTISMO. IL MINISTRO DEL WELFARE GRECO: ''COLPA DEI TAGLI DELLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!