43.240.121
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''C'E' UNA CONCRETA POSSIBILITA' CHE LA GRAN BRETAGNA LASCI LA UE'' A DIRLO E' JOHN MAJOR, CHE FU SUPER EUROPEISTA!

venerdì 14 novembre 2014

LONDRA - C'e' una concreta possibilita' che il Regno Unito lasci l'Unione Europea e i paesi partner possono impedirlo solo con significative - quanto improbabili - concessioni. Lo ha dichiarato l'ex premier John Major in un discorso tenuto a Berlino, nel 25 anniversario della caduta del Muro, pubblicato integralmente dal quotidiano "The Telegraph" di Londra.

Ricordando "l'arbitraria e brutale divisione dell'Europa" sanata dalla riunificazione della Germania, l'esponente conservatore avverte che oggi un grande paese, il suo, potrebbe lasciare l'Ue.La Gran Bretagna non e' stata un partner facile, dice. C'e' sempre stata "una minoranza dissenziente" - spiega - che e' cresciuta man mano che la cooperazione si e' spostata dall'economia alla politica, arrivando a un punto critico.

"Per la prima volta c'e' la concreta possibilita' che l'elettorato voti per lasciare l'Ue", afferma l'ex primo ministro, un tempo europeista ultra convinto, che stima la probabilita' di uscita al momento appena sotto il cinquanta per cento. La percentuale, a suo parere, potrebbe salire se la promessa rinegoziazione dei termini dell'appartenenza, prima di un referendum da tenersi nel 2017, non andasse a buon fine. Da annotare a margine che tutti gli ultimi sondaggi sono concordanti, al riguardo: si andasse al voto ora sull'appartenenza della Gran Bretagna alla Ue, i no vincerebbero con ampio margine, sopra il 57%.

Major chiede ai partner europei di rendersi conto che "siamo vicini a una rottura che non e' nell'interesse di nessuno". La frustrazione britannica, assicura, non e' uno scherzo e non e' piu' di nicchia; la preoccupazione sull'emarginazione britannica al di fuori dell'area dell'euro e' condivisa anche da voci rispettabili.

Major - riferisce il Telegraph - appoggia la scelta del primo ministro, David Cameron, di offrire la possibilita' di un referendum "dentro-fuori" perche' in democrazia "non si puo' ignorare l'opinione pubblica" e perche' "le dispute europee hanno distorto la politica britannica" ed e' tempo di "impostare le relazioni future una volta per tutte", e "cio' puo' essere fatto solo se l'appartenenza viene confermata dall'elettorato".

La nuova Commissione, prosegue Major, deve affrontare gravi problemi, a cominciare dalla crescita stentata e dalla disoccupazione. Per questo "abbiamo bisogno di riforme in Europa", nel senso della competitivita', della sussidiarieta' e della legittimazione democratica. "La liberta' di circolazione dei cittadini - afferma - e' un principio fondamentale dell'Unione e cosi' deve restare" e la posizione britannica al riguardo, una posizione che avrebbe qualunque altro paese sottoposto alla stessa pressione migratoria, "e' tanto convincente quanto fraintesa". E' una questione di numeri: mentre altrove in Europa la popolazione decresce, nel Regno Unito e' aumentata del sette per cento in un decennio.

"Spero - continua - che i nostri partner europei comprenderanno il nostro dilemma e ci aiuteranno a trovare una soluzione", nella consapevolezza che negare questo aiuto alimentera' l'euroscetticismo. In caso di divorzio dall'Unione Europea il Regno Unito avrebbe forse una voce piu' debole nel mondo, ma non diventerebbe "una potenza ridimensionata", nè perderebbe investimenti perche' sarebbe meno attraente fuori dal mercato unico. Anzi, esserne fuori attirerebbe capitali in fuga dalla gabbia dell'euro e della Ue.  E d'altra parte, l'Europa perderebbe la sua seconda economia - che ora dati alla mano è diventata la prima -  e uno dei due paesi con una significativa capacita' militare, anche nucleare.

C'e' da auspicarsi - conclude Major - la fine della retorica su "un'unione sempre piu' stretta" e un approccio pragmatico per attuare le riforme necessarie. Riforme che però dovrebbero essere affidate all'anatra zoppa Juncker, la cui credibilità e immagine perfino personale è ampiamente screditata.

Redazione Milano


''C'E' UNA CONCRETA POSSIBILITA' CHE LA GRAN BRETAGNA LASCI LA UE'' A DIRLO E' JOHN MAJOR, CHE FU SUPER EUROPEISTA!


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MAJOR   EUROPEISTA   CAMERON   ANTI UE   VIA DALLA UE   REFERENDUM   TORY   CONSERVATORI   LONDRA   THE TELEGRAPH    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
 
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua
 
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e
Continua
WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street
Continua
 
DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA BIANCA (TENETEVI FORTE)

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA

lunedì 16 gennaio 2017
La Brexit "una gran cosa" e con la Gran Bretagna Donald Trump vuole firmare un accordo commerciale vantaggioso per entrambi i Paesi, mentre l'Ue perderà altri pezzi e questo principalmente a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
OBAMA AGGREDISCE L'UNGHERIA DI ORBAN CON FALSI DOSSIER DI ''CORRUZIONE'' VENDETTA CONTRO LEGGI ANTI-SPECULAZIONE BANCARIA

OBAMA AGGREDISCE L'UNGHERIA DI ORBAN CON FALSI DOSSIER DI ''CORRUZIONE'' VENDETTA CONTRO LEGGI
Continua

 
''E' UNA BEFFA CHE DOMANI JUNCKER SIA AL G20 DEDICATO PROPRIO ALL'EVASIONE FISCALE. RENZI NE CHIEDA LE DIMISSIONI'' (M5S)

''E' UNA BEFFA CHE DOMANI JUNCKER SIA AL G20 DEDICATO PROPRIO ALL'EVASIONE FISCALE. RENZI NE CHIEDA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!