54.121.692
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''LA GERMANIA STA COSTRUENDO UN ALTRO MURO DI BERLINO, QUESTA VOLTA ADDIRITTURA PEGGIORE: ECONOMICO'' (WASHINGTON POST)

giovedì 13 novembre 2014

WASHINGTON - L'opinionista ed editorialista della "Washington Post", Charles Lane, rivolge un duro attacco alla Germania, che accusa di destabilizzare l'economia globale con le sue politiche e pratiche commerciali.

La caduta del Muro di Berlino - scrive - e' una giusta ragione d'orgoglio per i tedeschi, che a 25 anni dalla riunificazione hanno conseguito pace, stabilita' e benessere economico, oltre a un importante peso diplomatico, come dimostrato dalla crisi ucraina.

Negli Stati Uniti la Germania gode di una enorme popolarita', pari addirittura al 67 per cento, stando al piu' recente sondaggio dell'Istituto di ricerca Pew. Eppure, proprio Berlino sembra decisa a rovinare tutto con la sua ossessiva dedizione "alla produttivita' e al rigore fiscale", che ha fatto la fortuna del paese ma esercita una forza "sempre piu' destabilizzante sull'economia globale".

L'oggetto degli strali di Lane e' l'ormai ben noto surplus della bilancia commerciale tedesca, che nel 2013 ha raggiunto la colossale cifra di 276 miliardi di dollari, addirittura piu' della Cina.

"Le esportazioni tedesche sommergono l'Europa e il globo, e negano quote di mercato ai paesi depressi e indebitati dell'Unione Europea che ne hanno disperatamente bisogno".

Il vantaggio competitivo tedesco e' frutto di innegabili meriti interni, ma anche di una moneta unica che favorisce unicamente la corazzata industriale germanica: "la deflazione affligge i 18 paesi dell'eurozona, e la risposta di Berlino e' la solita predica sulle riforme strutturali e l'equilibrio di bilancio".

Ma non e' tutto: secondo Lane, "l'unica cosa peggiore dell'austerita' che la Germania predica ai suoi vicini e' quella che impone a se' stessa": la prima economia europea "potrebbe crescere di piu' se solo stimolasse la domanda interna con sgravi fiscali, salari maggiori e maggior spesa destinata alla difesa e alle infrastrutture", anche a spese "della promessa di Merkel di conseguire l'equilibrio di bilancio entro il 2015".

Alle sollecitazioni degli Stati Uniti e del Fondo monetario internazionale, pero', la replica tedesca e' sempre la stessa: "Nein".

Allentare la politica del rigore - spiega l'opinionista - andrebbe contro l'etica maturata in Germania dopo la Seconda guerra mondiale, che "valuta il risparmio alla stregua di un valore in se'". La Germania "e' il caso di quel paese che ha appreso in maniera eccessiva la lezione impartitagli dalla storia".

Per la prima economia economica, uscita distrutta dalla guerra, il ruolo di "paese orientato ai bisogni economici e politici altrui" rappresenta piu' di un "modello di successo": e' "una definizione di virtu' che ha finalmente consentito a quella nazione travagliata di conquistare un equilibrio non soltanto finanziario, ma anche morale": eppure, proprio come in passato, il paese sembra incapace di comprendere quando "il modello inizia a produrre risultati negativi".

I tanti tedeschi come Michael Miebach, scienziato politico paladino della linea del rigore fiscale in Germania e nell'intera eurozona, "sono incapaci di comprendere che la disastrosa situazione economica europea non si risolve col moralismo, ma col pragmatismo".

Un paese che ha trasformato l'orrendo Muro di Berlino in un simbolo di progresso, "non puo' non essere in grado di riconoscere che sta conducendo l'Europa a un vicolo cieco economico e politico. Ne sta costruendo un altro, di muro. Forse addirittura peggiore".


''LA GERMANIA STA COSTRUENDO UN ALTRO MURO DI BERLINO, QUESTA VOLTA ADDIRITTURA PEGGIORE: ECONOMICO'' (WASHINGTON POST)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BERLINO   MURO   ECONOMICO   GERMANIA   EUROPA   EURO   WASHINGTON POST   ECONOMIA   ZONA EURO   ESPORTAZIONI   RIGORE   FOLLIA   TEDESCHI   STORIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
 
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ENTRO VENERDI' 16 NOVEMBRE LA UE DEVE PAGARE 28 MILIARDI DI EURO DI FATTURE ARRETRATE DEL 2014, MA NON HA SOLDI IN CASSA

ENTRO VENERDI' 16 NOVEMBRE LA UE DEVE PAGARE 28 MILIARDI DI EURO DI FATTURE ARRETRATE DEL 2014, MA
Continua

 
LA VENDETTA FRANCESE: MOSCOVICI - COMMISSARIO AFFARI ECONOMICI - PREPARA LA CADUTA DEL SEGRETO BANCARIO IN LUSSEMBURGO!

LA VENDETTA FRANCESE: MOSCOVICI - COMMISSARIO AFFARI ECONOMICI - PREPARA LA CADUTA DEL SEGRETO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!