42.330.960
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FOLLIA DEL GOVERNO: AUMENTO ACCISE SULLE BEVANDE ALCOLICHE DEL 30% (CONSEGUENZE: 6.700 LICENZIAMENTI E CROLLO VENDITE)

martedì 11 novembre 2014

AssoDistil e Federvini si mobilitano contro le tasse sugli alcolici e lanciano l'allarme sugli effetti nefasti del previsto aumento delle accise sui loro prodotti. Ad essere colpiti - scrivono - sono i prodotti simbolo del Made in Italy e i territori legati alle produzioni di eccellenza.

"L'aumento delle accise 'si beve' il territorio e le aziende che producono bevande alcoliche", affermano gli imprenditori del settore, gia' colpiti duramente da tre incrementi della fiscalita' sull'alcol a partire dall'ottobre 2013.

Il comparto, gia' in sofferenza per la crisi dei consumi, ora vede in pericolo anche le sue produzioni d'eccellenza, come grappa, amari, limoncello, aperitivi e altri prodotti simbolo del Made in Italy. "Ecco perche', contro il quarto aumento dell'accisa dal prossimo 1 gennaio 2015, AssoDistil, l'associazione nazionale dei distillatori, e Federvini la federazione italiana industriali produttori, esportatori e importatori di vini, acqueviti, liquori, sciroppi, aceto ed affini - hanno deciso di mobilitarsi, organizzando una serie di incontri sul territorio".

"Secondo i dati dell'Osservatorio congiunturale Format - afferma Antonio Emaldi, presidente di AssoDistil - relativi al terzo trimestre dell'anno, le aziende attribuiscono il calo del fatturato, nell'80% dei casi, alla crescita delle accise, cioè delle tasse imposte dallo Stato.

Il clima di sfiducia e' generalizzato. La situazione del comparto e' tutt'altro che rosea. Spiega infatti Emaldi che "secondo i dati Format, la meta' delle imprese del settore denuncia un pesante deterioramento della liquidita' aziendale. In questi giorni, in Parlamento si sta scrivendo la Legge di Stabilita': lanciamo un appello perche' questo balzello, l'ennesimo, sulle aziende del settore sia scongiurato".

"Con gli incrementi di accisa sugli spiriti che raggiungeranno quota +30% a gennaio 2015 - osserva Sandro Boscaini, presidente di Federvini - l'impatto di questa manovra sul fronte occupazionale comporterebbe il taglio di oltre 6.700 posti di lavoro, indebolendo gravemente un settore produttivo che esprime alcune eccellenze regionali molto famose nel mondo: dalla grappa al limoncello, dagli amari alla sambuca, dal nocino di Modena al mirto di Sardegna".

Lo scenario, disegnato da una ricerca di Trade Lab per conto della Federazione, sottolinea l'impatto negativo che la serie di aumenti delle accise - ricordiamo: vuol dire tasse -  ha prodotto sulle zone vocate per tradizione ai distillati e liquori. "Veri distretti di qualita'", precisa Boscaini: "Pensiamo al Piemonte, alla Lombardia, al Veneto e al Friuli Venezia Giulia".

Così agendo, il governo è due volte miope: la prima, perchè non vede che l'aumento delle tasse sugli alcolici crea disoccupazione in uno dei rari settori produttivi ancora funzionanti in Italia, la seconda perchè aumentando le tasse diminuiscono le vendite e quindi gli incassi dell'IVA oltre che di queste idiote accise. Vale sempre la regola della "curva di Laffer": superato un certo limite, più lo Stato aumenta la tassazione, meno incassa.

E questo limite, con aumenti del 30% (!) dal 1° di gennaio 2015, sarà ampiamente superato.


FOLLIA DEL GOVERNO: AUMENTO ACCISE SULLE BEVANDE ALCOLICHE DEL 30% (CONSEGUENZE: 6.700 LICENZIAMENTI E CROLLO VENDITE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA D'ORA. E' BREXIT BOOM

CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA

mercoledì 7 dicembre 2016
LONDRA - La verità detta con tre parole è: mai così bene. A sentire i sostenitori della UE la vittoria del Brexit avrebbe causato alla Gran Bretagna poverta' e recessione ma
Continua
 
NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN GRANDE AFFARE PER L'ITALIA

NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN

martedì 6 dicembre 2016
Ricordate le previsioni degli analisti “qualificati” prima del referendum qualora avesse vinto  il NO? Crollo della borsa, spread alle stelle, siccità, carestia, morte dei
Continua
L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE ELETTORALE MAGGIORITARIA

L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE

lunedì 5 dicembre 2016
Abbiamo cercato al telefono Roberto Maroni, Governatore della Lombardia e figura di primissimo piano della Lega, per chiedergli qual è la sua idea, la sua proposta, per la nuova legge
Continua
 
DIMISSIONI? SOLO DI FACCIATA: LA CERCHIA RENZIANA DEL PD CONFERMA CHE IL CAPO VUOLE RESTARE AL POTERE, DIMISSIONI BUFALA

DIMISSIONI? SOLO DI FACCIATA: LA CERCHIA RENZIANA DEL PD CONFERMA CHE IL CAPO VUOLE RESTARE AL

lunedì 5 dicembre 2016
ROMA -  Da stentare a crederci, eppure è quanto rilanciano le agenzie:"Resta in campo e dara' battaglia. Di fatto questo referendum si e' trasformato in una vera e propria elezione
Continua
IL PARLAMENTO SLOVACCO APPROVA A LARGHISSIMA MAGGIORANZA UNA LEGGE CHE DI FATTO VIETA L'ISLAM E LE SUE ORGANIZZAZIONI

IL PARLAMENTO SLOVACCO APPROVA A LARGHISSIMA MAGGIORANZA UNA LEGGE CHE DI FATTO VIETA L'ISLAM E LE

lunedì 5 dicembre 2016
LONDRA - Alcuni mesi fa la Slovacchia ha attratto molte critiche per aver rifiutato di accettare rifugiati di religioni musulmane ma se qualcuno pensa che il governo abbia fatto dietrofront si
Continua
 
LA VITTORIA DEL NO CONSEGNA ALLE FORZE CHE L'HANNO OTTENUTA L'ONORE DI CAMBIARE L'ITALIA, NON LA COSTITUZIONE! CORAGGIO!

LA VITTORIA DEL NO CONSEGNA ALLE FORZE CHE L'HANNO OTTENUTA L'ONORE DI CAMBIARE L'ITALIA, NON LA

lunedì 5 dicembre 2016
E' l'alba di una nuova stagione per l'Italia. E non è l'inverno, che arriva. Noi di questo giornale abbiamo combattuto contro l'arroganza, l'ignoranza, e la stupidità di un ormai ex
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CONGRESSO DEL PARTITO SOCIALISTA FRANCESE A MARZO 2015, IL DUO HOLLANDE-VALLS SUL ''PATIBOLO'': DIMISSIONI E ELEZIONI

CONGRESSO DEL PARTITO SOCIALISTA FRANCESE A MARZO 2015, IL DUO HOLLANDE-VALLS SUL ''PATIBOLO'':
Continua

 
L'INTERVISTA / MATTEO SALVINI A TUTTO CAMPO. COSA PENSA IL LEADER DELLA NUOVA LEGA CHE VUOLE SALVARE L'ITALIA

L'INTERVISTA / MATTEO SALVINI A TUTTO CAMPO. COSA PENSA IL LEADER DELLA NUOVA LEGA CHE VUOLE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SALVINI: ''IL FANTASMA DI GENTILONI COME PREMIER?''

10 dicembre - MILANO - ''Il fantasma Gentiloni come Premier? Uno che ha ingoiato ogni
Continua

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua
Precedenti »