54.051.516
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA VA MALE SCRIVE LA BCE E I TRATTATI UE VANNO ''RISCRITTI'' AGGIUNGONO I CENTRI STUDI TEDESCHI (UE AL CAPOLINEA)

martedì 11 novembre 2014

BERLINO - Secondo le valutazioni della Banca centrale europea, l'economia tedesca "non e' ancora riuscita a riprendersi dalla fase di debolezza dell'inizio dell'estate".

Nel secondo trimestre dell'anno il Pil di Berlino e' calato dello 0,2 per cento rispetto al trimestre precedente.

"Una situazione che non sembra essere cambiata significativamente nel terzo trimestre", ha dichiarato il direttore della Bce, Yves Mersch, ieri, durante una conferenza di Volksbank a Herrenberg.

"La Germania non e' piu' un'eccezione", ha aggiunto Mersch.

E se la Germania sconta una preoccupante debolezza, la situazione generale dell'intera Eurozona appare critica.

Il tasso di inflazione e' estremamente basso, e per questo la Bce ha deciso di tagliare il tasso guida e di acquistare titoli bancari per sostenere il credito, ma non esclude di adottare misure piu' drastiche, gia' richieste con insistenza dagli investitori.

Intanto il direttore dell'Istituto di macroeconomia e ricerca economica (Imk) vicino ai sindacati, Gustav Horn, si e' detto a favore dell'abolizione del tetto al debito pari al 60 per cento del Pil, stabilito dal Trattato di Maastricht.

Horn si spinge cosi' oltre le posizioni espresse dal presidente del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, la quale aveva chiesto di innalzare il tetto massimo di questo valore all'effettivo stato debitorio che attualmente nell'eurozona e' al 94 per cento. D'altra parte, l'attendibilità dell'Fmi è prossima allo zero, cosa che lo stesso Fondo riconosce, avendo ammesso recentemente di "avere sbagliato tutte le previsioni del 2014".

"La situazione attuale rivela l'eccessiva rigidita' dei regolamenti che dettano la politica economica" dell'area euro, ha dichiarato Horn al quotidiano economico tedesco "Handelsblatt".

La determinazione di valori percentuali imposti in via arbitraria rischia di non tenere conto della realta' e di togliere credibilita' alle decisioni economiche, sostiene il direttore dell'Istituto tedesco. 

Resta il fatto che se nel 2015 dovesse continuare questo trend negativo in Germania, l'intera Zona euro cadrebbe nettamente in recessione. Infatti, la cosiddetta "locomotva tedesca" vale da sola tra un quinto e un quarto dell'intera Europa dell'euro. E' solo la Germania a bilanciare il disastro economico in atto in Francia, Italia, Grecia, Portogallo, Austria, perfino Finlandia, senza scordare Olanda e Belgio. 

E' sotto gli occhi di tutti il fallimento dell'euro come valuta unica d'Europa e il conteporaneo fallimento delle politiche economiche della Ue, incapaci di risollevare le sorti del Vecchio Continente. Politiche economiche affidate a eurocrati espressione dell'oligarchi finanziaria che domina l'Europa. 

max parisi


LA GERMANIA VA MALE SCRIVE LA BCE E I TRATTATI UE VANNO ''RISCRITTI'' AGGIUNGONO I CENTRI STUDI TEDESCHI (UE AL CAPOLINEA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
 
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RESA DEI CONTI BRUXELLES-RENZI: IN ARRIVO RICHIESTA DI COMMISSARIAMENTO DELL'ITALIA E AVVISO DI ''PERICOLO'' SUI BTP.

RESA DEI CONTI BRUXELLES-RENZI: IN ARRIVO RICHIESTA DI COMMISSARIAMENTO DELL'ITALIA E AVVISO DI
Continua

 
CONGRESSO DEL PARTITO SOCIALISTA FRANCESE A MARZO 2015, IL DUO HOLLANDE-VALLS SUL ''PATIBOLO'': DIMISSIONI E ELEZIONI

CONGRESSO DEL PARTITO SOCIALISTA FRANCESE A MARZO 2015, IL DUO HOLLANDE-VALLS SUL ''PATIBOLO'':
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!