50.665.226
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA VA MALE SCRIVE LA BCE E I TRATTATI UE VANNO ''RISCRITTI'' AGGIUNGONO I CENTRI STUDI TEDESCHI (UE AL CAPOLINEA)

martedì 11 novembre 2014

BERLINO - Secondo le valutazioni della Banca centrale europea, l'economia tedesca "non e' ancora riuscita a riprendersi dalla fase di debolezza dell'inizio dell'estate".

Nel secondo trimestre dell'anno il Pil di Berlino e' calato dello 0,2 per cento rispetto al trimestre precedente.

"Una situazione che non sembra essere cambiata significativamente nel terzo trimestre", ha dichiarato il direttore della Bce, Yves Mersch, ieri, durante una conferenza di Volksbank a Herrenberg.

"La Germania non e' piu' un'eccezione", ha aggiunto Mersch.

E se la Germania sconta una preoccupante debolezza, la situazione generale dell'intera Eurozona appare critica.

Il tasso di inflazione e' estremamente basso, e per questo la Bce ha deciso di tagliare il tasso guida e di acquistare titoli bancari per sostenere il credito, ma non esclude di adottare misure piu' drastiche, gia' richieste con insistenza dagli investitori.

Intanto il direttore dell'Istituto di macroeconomia e ricerca economica (Imk) vicino ai sindacati, Gustav Horn, si e' detto a favore dell'abolizione del tetto al debito pari al 60 per cento del Pil, stabilito dal Trattato di Maastricht.

Horn si spinge cosi' oltre le posizioni espresse dal presidente del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, la quale aveva chiesto di innalzare il tetto massimo di questo valore all'effettivo stato debitorio che attualmente nell'eurozona e' al 94 per cento. D'altra parte, l'attendibilità dell'Fmi è prossima allo zero, cosa che lo stesso Fondo riconosce, avendo ammesso recentemente di "avere sbagliato tutte le previsioni del 2014".

"La situazione attuale rivela l'eccessiva rigidita' dei regolamenti che dettano la politica economica" dell'area euro, ha dichiarato Horn al quotidiano economico tedesco "Handelsblatt".

La determinazione di valori percentuali imposti in via arbitraria rischia di non tenere conto della realta' e di togliere credibilita' alle decisioni economiche, sostiene il direttore dell'Istituto tedesco. 

Resta il fatto che se nel 2015 dovesse continuare questo trend negativo in Germania, l'intera Zona euro cadrebbe nettamente in recessione. Infatti, la cosiddetta "locomotva tedesca" vale da sola tra un quinto e un quarto dell'intera Europa dell'euro. E' solo la Germania a bilanciare il disastro economico in atto in Francia, Italia, Grecia, Portogallo, Austria, perfino Finlandia, senza scordare Olanda e Belgio. 

E' sotto gli occhi di tutti il fallimento dell'euro come valuta unica d'Europa e il conteporaneo fallimento delle politiche economiche della Ue, incapaci di risollevare le sorti del Vecchio Continente. Politiche economiche affidate a eurocrati espressione dell'oligarchi finanziaria che domina l'Europa. 

max parisi


LA GERMANIA VA MALE SCRIVE LA BCE E I TRATTATI UE VANNO ''RISCRITTI'' AGGIUNGONO I CENTRI STUDI TEDESCHI (UE AL CAPOLINEA)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RESA DEI CONTI BRUXELLES-RENZI: IN ARRIVO RICHIESTA DI COMMISSARIAMENTO DELL'ITALIA E AVVISO DI ''PERICOLO'' SUI BTP.

RESA DEI CONTI BRUXELLES-RENZI: IN ARRIVO RICHIESTA DI COMMISSARIAMENTO DELL'ITALIA E AVVISO DI
Continua

 
CONGRESSO DEL PARTITO SOCIALISTA FRANCESE A MARZO 2015, IL DUO HOLLANDE-VALLS SUL ''PATIBOLO'': DIMISSIONI E ELEZIONI

CONGRESSO DEL PARTITO SOCIALISTA FRANCESE A MARZO 2015, IL DUO HOLLANDE-VALLS SUL ''PATIBOLO'':
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!