48.358.573
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL TRATTATO TRANSATLANTICO E' UNA TRAPPOLA INFERNALE CHE SCHIAVIZZERA' L'EUROPA E DISTRUGGERA' LE PRODUZIONI LOCALI.

lunedì 10 novembre 2014

Il Trattato transatlantico, ideato dagli Stati Uniti e accettato dall’Unione europea, porterà dapprima a definire le norme mondiali per i prodotti industriali. Poi queste norme saranno estese ad altri accordi commerciali. Ma è tutto a favore delle mutinazionali americane.

Il progetto del Trattato transatlantico è in elaborazione da almeno 20 anni, ma dal 2009 ha subìto una netta accelerazione, in un contesto di sconvolgimenti economici e geopolitici a livello mondiale, con l’avanzare della Cina e di altri paesi emergenti.

Dalla fine della Seconda guerra mondiale, gli Stati hanno cercato di regolamentare il commercio internazionale. Per garantire uguaglianza di trattamento, l’accordo internazionale GATT – Accordo generale sulle tariffe ed il commercio – ha attuato principi di reciprocità, trasparenza e diffusione della clausola della nazione più favorita.

Questa clausola vuole che quando un paese concede un favore, soprattutto tariffario, a un altro paese, lo deve concedere a tutti i paesi con cui fa affari. Inoltre i produttori stranieri devono eguire le stesse regole dei produttori nazionali. Lo scopo del GATT era quello di sviluppare un quadro per favorire il multilateralismo.

Però dietro i principi di fondo e di forma, il multilateralismo non si è mai verificato.

Quasi sempre i paesi ricchi stabiliscono le trattande dei negoziati e fanno in modo di uscire vincenti da ogni trattativa. Hanno sempre accettato di liberalizzare i settori che necessitavano di tecnologie (che erano i soli ad avere) e hanno rifiutato di aprire i settori dove rischiavano di subire concorrenza (agricoltura e tessili).

Questo multilateralismo di facciata era stato perturbato dall’entrata della Cina nell’Organizzazione mondiale del commercio, nel 2001.

Mentre la maggior parte dei dirigenti americani e europei pensavano che le esportazioni dei loro paesi avrebbero invaso la Cina, si assisteva alla delocalizzazione delle aziende dei paesi occidentali verso la Cina, dove la manodopera era a minor costo.

Altri paesi emergenti, come Brasile e India, si introducono nel commercio internazionale e americani e europei non riescono più a imporsi. Nel commercio mondiale la parte relativa agli scambi nord-nord si indebolisce, mentre cresce il peso dei paesi emergenti.

E’ in questo contesto che gli Stati Uniti cercano di avvicinarsi alla Cina, ma un’intesa sulle norme di produzione sembra impossibile, perchè i processi di produzione sono troppo diversi.

Inoltre la Cina è un rivale economico e militare. Dunque, per arginare la potenza cinese gli Stati Uniti sviluppano una diplomazia commerciale, il cui scopo è promuovere trattati con i paesi del Pacifico e dell’Europa, cioè per dominare sia l'Europa che gli Stati del Pacifico.

Le multinazionali americane non erano interessate a firmare un trattato con i paesi del Pacifico prima di quello con i paesi europei.

I paesi del Pacifico hanno norme di produzione e di consumo meno vincolanti rispetto alle norme americane. Un successo nei negoziati transpacifici avrebbe portato le aziende americane ad adattare le proprie norme a quelle dei paesi del Pacifico e a subirne i costi di riorganizzazione.

Si doveva dunque iniziare dall’Europa, dal trattato transatlantico, perchè le norme di consumo e produzione fra Stati Uniti e Europa sarebbero sfociate in direttive mondiali.

In questo modo gli Stati Uniti potranno negoziare con i paesi del Pacifico senza dover ridurre la propria regolamentazione, né modificare le tecniche di produzione.

Se non vorranno essere escluse dal mercato europeo e americano, le grandi aziende dei paesi industrializzati del Pacifico saranno obbligate a adattare le proprie tecniche e regole a quelle degli Stati Uniti e dell’Europa. In questo modo il Trattato transatlantico modificherà le norme commerciali a livello globale, ma tutto a vantaggio dei colossi americani. 

Fonte notizia: La Tribune.fr - che ringraziamo 


IL TRATTATO TRANSATLANTICO E' UNA TRAPPOLA INFERNALE CHE SCHIAVIZZERA' L'EUROPA E DISTRUGGERA' LE PRODUZIONI LOCALI.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL QUOTIDIANO LE MONDE SVELA I GIOCHI SPORCHI DI HOLLANDE CONTRO SARKOZY: IL PRESIDENTE FRANCESE PRONTO A DIMETTERSI?

IL QUOTIDIANO LE MONDE SVELA I GIOCHI SPORCHI DI HOLLANDE CONTRO SARKOZY: IL PRESIDENTE FRANCESE
Continua

 
DOMANI AL PARLAMENTO UE DIBATTITO STRAORDINARIO SU JUNCKER E LE SUE RESPONSABILITA' DI ''RE DELL'EVASIONE FISCALE''

DOMANI AL PARLAMENTO UE DIBATTITO STRAORDINARIO SU JUNCKER E LE SUE RESPONSABILITA' DI ''RE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!