60.966.472
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL TRATTATO TRANSATLANTICO E' UNA TRAPPOLA INFERNALE CHE SCHIAVIZZERA' L'EUROPA E DISTRUGGERA' LE PRODUZIONI LOCALI.

lunedì 10 novembre 2014

Il Trattato transatlantico, ideato dagli Stati Uniti e accettato dall’Unione europea, porterà dapprima a definire le norme mondiali per i prodotti industriali. Poi queste norme saranno estese ad altri accordi commerciali. Ma è tutto a favore delle mutinazionali americane.

Il progetto del Trattato transatlantico è in elaborazione da almeno 20 anni, ma dal 2009 ha subìto una netta accelerazione, in un contesto di sconvolgimenti economici e geopolitici a livello mondiale, con l’avanzare della Cina e di altri paesi emergenti.

Dalla fine della Seconda guerra mondiale, gli Stati hanno cercato di regolamentare il commercio internazionale. Per garantire uguaglianza di trattamento, l’accordo internazionale GATT – Accordo generale sulle tariffe ed il commercio – ha attuato principi di reciprocità, trasparenza e diffusione della clausola della nazione più favorita.

Questa clausola vuole che quando un paese concede un favore, soprattutto tariffario, a un altro paese, lo deve concedere a tutti i paesi con cui fa affari. Inoltre i produttori stranieri devono eguire le stesse regole dei produttori nazionali. Lo scopo del GATT era quello di sviluppare un quadro per favorire il multilateralismo.

Però dietro i principi di fondo e di forma, il multilateralismo non si è mai verificato.

Quasi sempre i paesi ricchi stabiliscono le trattande dei negoziati e fanno in modo di uscire vincenti da ogni trattativa. Hanno sempre accettato di liberalizzare i settori che necessitavano di tecnologie (che erano i soli ad avere) e hanno rifiutato di aprire i settori dove rischiavano di subire concorrenza (agricoltura e tessili).

Questo multilateralismo di facciata era stato perturbato dall’entrata della Cina nell’Organizzazione mondiale del commercio, nel 2001.

Mentre la maggior parte dei dirigenti americani e europei pensavano che le esportazioni dei loro paesi avrebbero invaso la Cina, si assisteva alla delocalizzazione delle aziende dei paesi occidentali verso la Cina, dove la manodopera era a minor costo.

Altri paesi emergenti, come Brasile e India, si introducono nel commercio internazionale e americani e europei non riescono più a imporsi. Nel commercio mondiale la parte relativa agli scambi nord-nord si indebolisce, mentre cresce il peso dei paesi emergenti.

E’ in questo contesto che gli Stati Uniti cercano di avvicinarsi alla Cina, ma un’intesa sulle norme di produzione sembra impossibile, perchè i processi di produzione sono troppo diversi.

Inoltre la Cina è un rivale economico e militare. Dunque, per arginare la potenza cinese gli Stati Uniti sviluppano una diplomazia commerciale, il cui scopo è promuovere trattati con i paesi del Pacifico e dell’Europa, cioè per dominare sia l'Europa che gli Stati del Pacifico.

Le multinazionali americane non erano interessate a firmare un trattato con i paesi del Pacifico prima di quello con i paesi europei.

I paesi del Pacifico hanno norme di produzione e di consumo meno vincolanti rispetto alle norme americane. Un successo nei negoziati transpacifici avrebbe portato le aziende americane ad adattare le proprie norme a quelle dei paesi del Pacifico e a subirne i costi di riorganizzazione.

Si doveva dunque iniziare dall’Europa, dal trattato transatlantico, perchè le norme di consumo e produzione fra Stati Uniti e Europa sarebbero sfociate in direttive mondiali.

In questo modo gli Stati Uniti potranno negoziare con i paesi del Pacifico senza dover ridurre la propria regolamentazione, né modificare le tecniche di produzione.

Se non vorranno essere escluse dal mercato europeo e americano, le grandi aziende dei paesi industrializzati del Pacifico saranno obbligate a adattare le proprie tecniche e regole a quelle degli Stati Uniti e dell’Europa. In questo modo il Trattato transatlantico modificherà le norme commerciali a livello globale, ma tutto a vantaggio dei colossi americani. 

Fonte notizia: La Tribune.fr - che ringraziamo 


IL TRATTATO TRANSATLANTICO E' UNA TRAPPOLA INFERNALE CHE SCHIAVIZZERA' L'EUROPA E DISTRUGGERA' LE PRODUZIONI LOCALI.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL QUOTIDIANO LE MONDE SVELA I GIOCHI SPORCHI DI HOLLANDE CONTRO SARKOZY: IL PRESIDENTE FRANCESE PRONTO A DIMETTERSI?

IL QUOTIDIANO LE MONDE SVELA I GIOCHI SPORCHI DI HOLLANDE CONTRO SARKOZY: IL PRESIDENTE FRANCESE
Continua

 
DOMANI AL PARLAMENTO UE DIBATTITO STRAORDINARIO SU JUNCKER E LE SUE RESPONSABILITA' DI ''RE DELL'EVASIONE FISCALE''

DOMANI AL PARLAMENTO UE DIBATTITO STRAORDINARIO SU JUNCKER E LE SUE RESPONSABILITA' DI ''RE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!