89.322.750
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MARINE LE PEN CHIEDE LE DIMISSIONI IMMEDIATE DI JUNCKER, IL RE DELL'EVASIONE FISCALE, MA ANCHE IL GRUPPO SOCIALISTA.

venerdì 7 novembre 2014

BRUXELLES - Scoppia col fragore di una bomba ad alto potenziale il caso 'LuxLeaks' e, dopo le scintille con Renzi e Cameron, e' Jean Claude Juncker a ritrovarsi al centro della polemica, e che polemica.

Ha guidato per 18 anni consecutivi dal 1995 al 2013 il Lussemburgo, la cassaforte d'Europa.

Da presidente della nuova Commissione europea "dell'ultima chance" aveva detto di essere "un tipo che non trema davanti ai primi ministri".

Oggi viene chiamato in Parlamento da socialisti e lib-dem, gli alleati dei popolari nella grande coalizione europea, a garantire che lottera' contro l'elusione fiscale che proprio il suo Paese sotto la sua guida ha promosso per decenni.

La sua "credibilita' e' in gioco", tuona il capogruppo S&D, Gianni Pittella.

E mentre Marine Le Pen ne chiede le dimissioni, il M5S parla di "scandalo" che e' "prova dell'ennesima contraddizione di questa Ue" che "si fa guidare da un personaggio che ha avuto come scopo politico quello di far guadagnare il suo Paese sulle spalle degli altri partner europei".

Il nuovo portavoce della Commissione, il greco Margaritis Schinas, assicura che l'esecutivo trattera' la questione come un caso di "aiuti di stato".

Quelli, che solo nel 2013 hanno fatto aprire inchieste per una ventina di miliardi di valore: per l'auto in Germania, per il cinema in Francia e cosi' via. Ed anche i soldi delle tasse, per la Commissione, sono una merce.

In gioco non solo gravi reati, ma scelte politiche: in tutta Europa i governi sono costretti a tagliare i bilanci, ridurre le pensioni, eliminare servizi pubblici e alzare le tasse, mentre centinaia di 'big player' riescono a pagare aliquote irrisorie di guadagni miliardari.

Il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, definisce "inaccettabile" che continui la "concorrenza fiscale al ribasso" tra i paesi europei e chiede una "armonizzazione fiscale almeno nell'Eurozona". Schinas sottolinea che uno dei punti centrali del programma di Juncker, ribadito tanto in campagna elettorale quanto davanti al Parlamento europeo prima di ottenere la fiducia a luglio, e' appunto la lotta all'evasione, all'elusione e alla frode fiscale. Praticamente, una presa in giro colossale.

E mentre garantisce che il lussemburghese Juncker "e' sereno", assicura che il nuovo Commissario per la concorrenza, la liberale danese Margrethe Vestager, "andra' fino in fondo" nella sua inchiesta, proseguendo il lavoro di Joaquin Almunia, che nei mesi scorsi aveva gia' messo nel mirino Irlanda e Olanda, oltre al Granducato.

Sullo sfondo, la cosiddetta "ingegneria fiscale": raffinati e normalmente impenetrabili schemi che permettono alle multinazionali, ma anche ai grandi ricchi del mondo, di ridurre a percentuali irrisorie le tasse sui loro guadagni. "Accade in modo perfettamente legale e in linea con le convenzioni internazionali", afferma il ministro delle Finanze lussemburghese arrivando all'Eurogruppo.

Salvo poi aggiustare il tiro definendo "non accettabile che una data impresa possa avvalersi" degli accordi legali per "sottrarsi di fatto ad ogni imposizione".

Pero' lo si fa decenni in tutti i paesi in odore di paradiso fiscale. Anzi, in puzza di stati canaglia.

"Il segreto di Pulcinella" per qualsiasi consulente finanziario.

Il lavoro del Consorzio di giornalismo investigativo Icij, basato a Washington, con il contributo di oltre 80 giornalisti di una trentina di media (in Italia il settimanale L'Espresso) ha messo nero su bianco il sistema. Alla base di tutto, 548 'ruling', accordi segreti conclusi in Lussemburgo da Price Waterhouse Coopers (Pwc), una delle 'big four' mondiale della consulenza, per garantire la perfetta legalita' di centinaia di costruzioni fiscali.

Nei dossier di quella che e' probabilmente solo la punta dell'iceberg rivelato dallo Icij, multinazionali come Amazon, Ikea, Apple, Heinz, Pepsi o Aig, banche (tra cui le italiane Intesa San Paolo, Unicredit, Marche, Sella), aziende di stato (come Finmeccanica) e famiglie italiane potenti...

Inevitabile che tutto questo si scarichi in termini politici su chi ha tenuto le redini del Granducato per 18 anni: premier fra il 1995 e il 2013, ministro delle finanze dal 1989 al 2009, presidente dell'Eurogruppo dal 2005 al 2013.

Gia' la sua posizione di primo attore all'Eurogruppo avrebbe dovuto essere messa in discussione proprio per le posizioni del Lussemburgo sugli affari fiscali, ma nessuno ha mai sollevato il minimo problema!

Per anni il Lussemburgo e' stato fra i paesi (ultimamente in tandem solo con l'Austria) che hanno rallentato e perfino preso in ostaggio la gran parte degli altri Stati membri sulla controversa tassazione delle rendite da risparmio dei cittadini non residenti, in stretta alleanza con i cinque paesi terzi (Svizzera, Liechtestein, Monaco, San Marino e Andorra).

il Lussemburgo a guida Juncker ha rallentato la marcia verso lo scambio automatico delle informazioni fiscali tra amministrazioni, sempre aggrappato alla difesa sempre piu' indifendibile di parti sostanziali del segreto bancario.

Sarebbe sbagliato sottovalutare - come ha fatto oggi il ministro Padoan che ha difeso l'operato di Juncker - l'impatto politico di 'LuxLeaks' sui vertici della Ue.

Juncker e' presidente della Commissione da sabato scorso, il colpo di immagine e alla sua figura e' fortissimo.

L'esecutivo europeo e' per definizione il 'guardiano' della regole e la fiducia nei suoi confronti deve essere totale.

Difficile, impossibile per lui prendere le distanze dal passato (lunghissimo e recentissimo). Non risolve i dubbi la rassicurazione sul futuro.

Il Parlamento europeo e' in subbuglio, solo il suo partito, il Partito popolare, lo difende.

Nessun commento dei suoi elettori, ai vertici dei governi (quello italiano compreso) che lo hanno voluto a Palais Berlaymont.

Al 'briefing' della Commissione europea, una giornalista spagnola ha chiesto con quale coerenza la Commissione chiedera' adesso ai cittadini europei di continuare a stringere la cinghia per tenere i deficit sotto controllo quando il suo presidente, quand'era alla guida del Lussemburgo, favoriva le multinazionali. La risposta e' stata: "Noi ci atteniamo alle inchieste in corso sugli aiuti di Stato, non mischiamo cose diverse".

Diverse? Juncker è dimostrato nero su bianco essere il regista dell'evasione e dell'elusione fiscale europea e mondiale. Va licenziato e processato. Adesso.

max parisi


MARINE LE PEN CHIEDE LE DIMISSIONI IMMEDIATE DI JUNCKER, IL RE DELL'EVASIONE FISCALE, MA ANCHE IL GRUPPO SOCIALISTA.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua
AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO TUTTI BENE.

AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO

domenica 27 dicembre 2020
MILANO - Sono partite dall'ospedale milanese di Niguarda, dove sono arrivate poco prima delle 8 del mattino, le prime fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia. Sono sono state suddivise e
Continua
 
INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!  (FUCILATA DI ASSOIMPREDIL)

INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!

giovedì 24 settembre 2020
MILANO - "L'invito rivolto dall'Assessore Maran al Consiglio Comunale di Milano a fare la guerra santa contro la Regione Lombardia, approvando provvedimenti che blocchino gli effetti della legge
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MADRID MANDA SQUADRONI DI MILITARI CON AUTOBLINDO IN CATALOGNA, PRONTI A PROIBIRE CON LA FORZA LA CONSULTAZIONE POPOLARE

MADRID MANDA SQUADRONI DI MILITARI CON AUTOBLINDO IN CATALOGNA, PRONTI A PROIBIRE CON LA FORZA LA
Continua

 
LA GERMANIA TRATTA IN SEGRETO CON LA RUSSIA AFFARI COMMERCIALI E INDUSTRIALI FREGANDOSENE DELLE SANZIONI (RENZI: LO SA?)

LA GERMANIA TRATTA IN SEGRETO CON LA RUSSIA AFFARI COMMERCIALI E INDUSTRIALI FREGANDOSENE DELLE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua

PIU' EUROPA INTIMA A CONTE DI VERIFICARE SUBITO SE HA ANCORA

14 gennaio - ''La crisi deve essere immediatamente parlamentarizzata: Conte vada
Continua

GERMANIA CON I CONTI IN ROSSO: DISAVANZO PUBBLICO CHIZZA AL 4,8%

14 gennaio - BERLINO - Con la crisi pandemica e le relative contromisure, nel 2020 la
Continua

FONTANA: LOMBARDIA PRIMA PER NUMERO VACCINATI E SOMMINISTRAZIONI

13 gennaio - MILANO - Lombardia ha superato le 100.000 vaccinazioni Anti Covid. Con
Continua
ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

13 gennaio - VARESE - ''Finalmente sono tornato. Ringrazio il prof. Paolo Ferroli e
Continua

MATTEO SALVINI: ''SIAMO DISGUSTATI DA CONTE E RENZI, DAI LORO

13 gennaio - ''Siamo disgustati. Da settimane l'Italia è in balia dei capricci di
Continua

ROBERTO MARONI DIMESSO DAL BESTA DOPO L'INTERVENTO: CONDIZIONI

12 gennaio - MILANO - L'ex governatore della Lombardia, ed ex ministro dell'Interno,
Continua

FINANCIAL TIMES PREMIA PROGETTI DI REGIONE LOMBARDIA. MIGLIORI AL

12 gennaio - fDi Intelligence - servizio del Financial Times, il quotidiano di
Continua

TOTI: PARLAMENTARI DI CAMBIAMO NON DARANNO MAI VOTI A QUESTO GOVERNO

12 gennaio - ''In queste condizioni, i parlamentari di Cambiamo non daranno una mano
Continua
Precedenti »