51.958.416
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MADRID MANDA SQUADRONI DI MILITARI CON AUTOBLINDO IN CATALOGNA, PRONTI A PROIBIRE CON LA FORZA LA CONSULTAZIONE POPOLARE

giovedì 6 novembre 2014

BARCELLONA - La polizia catalana è pronta a intervenire per proibire il voto popolare sull'indipendenza della regione fissato per il 9 novembre prossimo, qualora la Procura dovesse richiederlo: lo ha reso noto il ministro degli Interni del governo regionale catalano, Ramon Espadaler, che ha definito tuttavia l'eventualità "remota". Il delegato del governo centrale in Catalogna ha di fatto inviato una comunicazione ufficiale alla Generalitat ricordando che l'utilizzo di strutture pubbliche per lo svolgimento del voto potrebbe essere interpretato come una violazione della sospensiva decisa dalla Corte Costituzionale, e quindi un reato di "disobbedienza civile" punibile per i compomenti del governo regionale con il divieto di ricoprire pubblici uffici.

La stessa Corte ha intanto respinto il ricorso presentato dalla Generalitat contro il governo centrale per violazione di alcuni diritti fondamentali dei cittadini, ritenendo che sia stato presentato troppo tardi - dopo cioè quello del governo spagnolo che ha causato la sospensiva della consultazione, non più rivedibile senza una sentenza sul fondo della questione che non arriverà prima di tre mesi. Non è quindi chiaro se la Generalitat - che ufficialmente non presta alcun sostegno ufficiale alla consultazione - potrà procedere come deciso con il "processo di partecipazione popolare", che secondo Madrid non è altro che un referendum sotto altro nome. La proibizione tuttavia riguarda strettamente l'uso di strutture e uffici pubblici: l'accesso alle urne poste in strutture private (ad esempio istituti scolastici) non potrebbe essere vietato in alcun modo.

La consultazione - che gli organizzatori definiscono come "il diritto di decidere", non menzionando esplicitamente la parola "indipendenza" - costituisce in effetti una sorta di sondaggio su vasta scala, dato che il 14 ottobre scorso il governo catalano aveva rinunciato all'idea del referendum sia pure solo consultivo, peraltro già bocciato dalla Corte Costituzionale, anche per evitare possibili sanzioni ai pubblici funzionari che avessero partecipato ai seggi.

L'idea è quella di mandare un avvertimento al governo di Madrid, nel contempo evitando il ricorso alle elezioni anticipate che - stando agli ultimi sondaggi - darebbero quasi certamente la maggioranza agli indipendentisti inasprendo ulteriormente il muro contro muro fra le parti; tuttavia, la mancanza di una Commissione elettorale e di un registro dei votanti rende la consultazione difficilmente verificabile anche se la Generalitat spera su una massiccia affluenza che le dia rilevanza politica.

Sempre le ultime rilevazioni, secondo il quotidiano spagnolo El Pais, confermano che la politica intransigente di Madrid ha aumentato il consenso delle tesi indipendentiste: un 69% dei catalani sarebbe favorevole a uno Stato proprio e il 49% a uno Stato indipendente, percentuale quest'ultima che tenuto conto dell'astensione salirebbe al 53%.

Redazione Milano.


MADRID MANDA SQUADRONI DI MILITARI CON AUTOBLINDO IN CATALOGNA, PRONTI A PROIBIRE CON LA FORZA LA CONSULTAZIONE POPOLARE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA CONDIZIONE UMANA''

IL PRESIDENTE TRUMP ALL'ONU: ''GLI STATI-NAZIONE RESTANO IL VEICOLO MIGLIORE PER L'ELEVAZIONE DELLA

mercoledì 20 settembre 2017
NEW YORK - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha minacciato di radere al suolo la Corea del Nord, se quest'ultima dovesse intraprendere azioni offensive contro gli Usa o i loro alleati
Continua
 
E' IN CORSO IL GOLPE SPAGNOLO IN CATALOGNA: GUARDIA CIVIL ARRESTA 12 MEMBRI DEL GOVERNO CATALANO, PIAZZE IN RIVOLTA

E' IN CORSO IL GOLPE SPAGNOLO IN CATALOGNA: GUARDIA CIVIL ARRESTA 12 MEMBRI DEL GOVERNO CATALANO,

mercoledì 20 settembre 2017
BARCELLONA - Il braccio di ferro tra la Catalogna e il governo centrale spagnolo di Mariano Rajoy, pupillo della Ue e fedele servitore della Commissione europea.  e' entrato nella sua fase piu'
Continua
SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA' BATTUTO L'URSS, ATTENTI!

SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA'

lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Probabilmente nessuno e' a conoscenza del fatto che sabato scorso migliaia di polacchi hanno protestato davanti l'ufficio di rappresentanza della Commissione europea a Varsavia e la cosa non
Continua
 
UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A LONDRA NELLA TUBE

UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A

lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Ha un nome e un volto, almeno sulla stampa britannica, un dei due arrestati per la bomba sulla metropolitana di Londra di venerdì: si tratta di Yahya Faroukh, 21 anni, rifugiato
Continua
LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A 10.500 EURO-ANNO

LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A

lunedì 18 settembre 2017
PARIGI - La Francia dichiara guerra ai motori diesel. Il governo francese prevede un inasprimento della tassa "bonus-malus" sulle emissioni inquinanti degli scarichi delle automobili, soprattutto di
Continua
 
DAL PALCO - PER LA PRIMA VOLTA BLU, COLORE DEL NAZIONALISMO - MATTEO SALVINI LANCIA IL ''NEW DEAL'' DELLA NUOVA LEGA

DAL PALCO - PER LA PRIMA VOLTA BLU, COLORE DEL NAZIONALISMO - MATTEO SALVINI LANCIA IL ''NEW DEAL''

domenica 17 settembre 2017
PONTIDA - Da Pontida, Matteo Salvini ha lanciato messaggi chiari: law and order per il Paese, e un new deal - un nuovo corso - per giustizia, economia, sociale, Europa. "Mano libera alla Polizia", ha
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
REVISORI DELLA CORTE DEI CONTI DELL'UNIONE EUROPEA SI RIFIUTANO DI CERTIFICARE IL BILANCIO DELLA UE: SPESE PAZZE E FURTI

REVISORI DELLA CORTE DEI CONTI DELL'UNIONE EUROPEA SI RIFIUTANO DI CERTIFICARE IL BILANCIO DELLA
Continua

 
MARINE LE PEN CHIEDE LE DIMISSIONI IMMEDIATE DI JUNCKER, IL RE DELL'EVASIONE FISCALE, MA ANCHE IL GRUPPO SOCIALISTA.

MARINE LE PEN CHIEDE LE DIMISSIONI IMMEDIATE DI JUNCKER, IL RE DELL'EVASIONE FISCALE, MA ANCHE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!