52.863.353
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL LUSSEMBURGO - QUANDO A CAPO DEL GOVERNO C'ERA JUNCKER - FECE ACCORDI SEGRETI CON 340 MULTINAZIONALI PER EVADERE TASSE

giovedì 6 novembre 2014

Accordi fiscali segreti tra il Lussemburgo e 340 società multinazionali, tra cui Apple, Amazon, Ikea, Pepsi e Axa, mirati a minimizzare i prelievi fiscali, sono stati rivelati da 40 media internazionali sulla base di documenti segreti ottenuti dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (Icij). Il tutto quando a guidare il Lussemburgo c'era l'attuale presidente della Commissione europea, Juncker. 

Gli accordi, stretti tra il 2002 e il 2010, rappresentano miliardi di euro di entrate fiscali perse per gli Stati in cui le società realizzano i loro utili, secondo l'ICIJ e i suoi partner media, per l'Italia L'Espresso, Le Monde in Francia, The Guardian in Gran Bretagna, la Sueddeutsche Zeitung in Germania, l'Asahi Shimbun in Giappone.

A gennaio il consorzio aveva rivelato le posizioni degli alti dirigenti cinesi nel paradiso fiscale nel cuore dlel'Europa.

Nell'inchiesta, durata sei mesi e ribattezzata "Luxembourg Leaks" o "LuxLeaks", l'ICIJ ha avuto accesso a 28.000 pagine e documenti di "tax ruling" che mostrano come le grandi imprese "si appoggiano sul Lussemburgo e le sue norme fiscali morbide, ma anche sulle deficienze delle norme internazionali, per trasferirvi utili al fine di non vederli tassati, o tassati in misura molto esigua" scrive Le Monde.

La pratica del "tax ruling", legale, permette a un'azienda di chiedere in anticipo come le sua situazione potrà essere trattata dalle autorità fiscali di un Paese e di ottenere garanzie giuridiche.

Si viene anche a sapere che l'Unione europea sta indagando sulle agevolazioni fiscali ottenute in Lussemburgo dalle grandi aziende globali e prenderà adeguati provvedimenti se necessario. In pratica la Ue sta indagando sul ruolo e l'attività di Juncker in questa mostruosa e planetaria evasione fiscale, per la quale il Lussemburgo si dimostra essere la capitale mondiale dell'evasione fiscale delle 340 magigori multinazionali planetarie. 

La notizia dell'inchiesta della Ue su questo mostruoso scandalo è stata data  da un portavoce del presidente della Commissione Ue, il lussemburghese Jean-Claude Juncker, dopo la pubblicazione di documenti riservati su intese fiscali tra il Granducato e 340 grandi società. "Se la decisione è negativa, il Lussemburgo dovrà prendere iniziative di correzione" ha detto all'Afp Margaritis Schinas, portavoce del'ex premier del Lusssemburgo Juncker.

I gruppi coinvolti (l'Icij cita sulla sua home page Apple, Amazon, Verizon, AIG, Heinz, Pepsi, Ikea), realizzano ogni anno risparmi miliardari aprendo filiali o holding lussemburghesi o spostando la sede sociale nel territorio del Granducato. Secondo Le Monde, il Granducato "mantiene segreti questi accordi" e "non li notifica ai partner europei" benchè sia "messo al corrente, di fatto, dalle aziende multinazionali della loro strategia per evitare le imposte", prosegue il quotidiano.

Il Guardian scrive che "queste rivelazioni saranno imbarazzanti per il nuovo presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, che è stato primo ministro in Lussemburgo tra il 1995 e il 2013", nel periodo nel quale gli accordi segnalati dall'ICIJ sono stati firmati. La Commissione europea ha aperto da giugno quattro indagini sulla pratica del "tax ruling" negli Stati membri. Una di queste riguarda proprio il Lussemburgo, e le sue intese con Fiat Finance and Trade, società di servizi di tesoreria per il gruppo Fiat

 


IL LUSSEMBURGO - QUANDO A CAPO DEL GOVERNO C'ERA JUNCKER - FECE ACCORDI SEGRETI CON 340 MULTINAZIONALI PER EVADERE TASSE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua
''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER, INVENTORE DELLA FLAT TAX

''LASCIARE L'UNIONE EUROPEA E' LA COSA MIGLIORE CHE L'ITALIA POSSA FARE'' FIRMATO: ARTHUR LAFFER,

mercoledì 11 ottobre 2017
“Sono molto preoccupato per l’unione europea. Francamente quando hai tutti quei paesi gestiti da un governo non eletto, finisci col rimetterci in termini di competizione, oltre che a
Continua
 
IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO DELL'AUSTRIA!'' MA E' UNA CALUNNIA

IL LABURISTA GUARDIAN LANCIA L'ALLARME: ''I NEONAZISTI POTREBBERO TORNARE AL GOVERNO

mercoledì 11 ottobre 2017
LONDRA - Il prossimo governo austriaco potrebbe avere al suo interno una componente di "estrema destra", quella che il quotidiano laburista britannico The Guardian oggi, in un articolo in prima
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INCHIESTA / ABBIAMO FATTO I CONTI IN TASCA A ''BRUXELLES'': E' LA PIU' GRANDE MANGIATOIA E ACCOZZAGLIA DI LADRI DEL MONDO.

INCHIESTA / ABBIAMO FATTO I CONTI IN TASCA A ''BRUXELLES'': E' LA PIU' GRANDE MANGIATOIA E
Continua

 
GIUDICI DELL'UNIONE EUROPEA PREZZOLATI HANNO PRESO TANGENTI PER INSABBIARE DENUNCE DI CORRUZIONE IN KOSOVO (PER MILIONI)

GIUDICI DELL'UNIONE EUROPEA PREZZOLATI HANNO PRESO TANGENTI PER INSABBIARE DENUNCE DI CORRUZIONE IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!