42.314.939
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PIALLATA ELETTORALE: OBAMA E I DEMOCRATICI DISINTEGRATI ALLE URNE, L'AMERICA ORA E' REPUBBLICANA (AUGURI SIGNOR RENZI)

mercoledì 5 novembre 2014

WASHINGTON  - Si prospettano due anni difficili per Barack Obama. Il presidente infatti dovrà fare i conti con un Congresso tutto repubblicano, dopo che il Grand Old Party in queste elezioni di Midterm è riuscito a mettere le mani anche sul Senato e allo stesso tempo a confermare la Camera, dove ha ampliato la maggioranza. I repubblicani, quindi, hanno conquistato la maggioranza al Senato, alle elezioni di metà mandato, ottenendo così il controllo di entrambe le camere del Congresso.

Hanno infatti superato la soglia necessaria, con 53 seggi al Gop, mentre i democratici del presidente Barack Obama ne hanno 45. Sette i seggi ai repubblicani, mentre ne erano loro necessari sei per avere la maggioranza. Sono passati dai democratici ai repubblicani: Arkansas, Colorado, Iowa, Montana, North Carolina, South Dakota e West Virginia. Il senatore Mitch McConnell, nuovo leader della maggioranza Gop al Senato, ha dichiarato che "gli elettori sono affamati di una nuova leadership". Restano non decisi Alaska e Virginia, mentre il ballottagio in Louisiana si terrà il 6 dicembre fra la democratica Mary Landrieu e il repubbliano Bill Cassidy.

I repubblicani hanno ottenuto alla Camera, alle elezioni di midterm, un risultato che li spinge verso una maggioranza storica. Hanno scacciato dai loro posti gli ultimi democratici bianchi del sud e fatto conquiste nelle roccaforti del partito del presidente Barack Obama in tutto il Paese. Hanno superato la soglia richiesta di 218 seggi e sono sulla via di sorpassare il numero di 246 detenuti durante l'amministrazione del presidente Harry S. Truman, più di 60 ani fa. Secondo l'ultima proiezione, il Gop ha 237 seggi e i democratici nel hanno 164, sul totale di 435. Il presidente Barack Obama dovrà quindi affrontare un Congresso "tutto repubblicano", poiché il partito rivale ha conquistato anche la maggioranza al Senato, in precedenza democratica. Obama, il cui partito perse 63 seggi nel 2010, diventerà il presidente al secondo mandato con il maggior numero di sconfitte nel voto di midterm, sorpassando il record di Truman nel 1974. 

Dure sconfitte anche nell'elezione dei governatori per i democratici, alle elezioni di metà mandato. Trentasei gli Stati di cui gli americani sono stati chiamati a scegliere il nuovo leader. Una scottante debacle è quella della Florida, dove il governatore repubblicano Rick Scott ha sconfitto il repubblicano poi passato ai democratici Charlie Crist. Il voto era osservato come uno dei più indicativi in vista delle presidenziali del 2016. Duro colpo anche in Wisconsin, dove il governatore Scott Walker ha sconfitto la democratica Mary Burke, in una vittoria che allarga le sue chance in vista del 2016. Rieletto il repubblicano Sam Brownback in Kansas, sconfitto Paul Davis. In Massachusetts, il ruolo di governatore torna in mano a un repubblicano per la prima volta da quando Mitt Romney lasciò nel 2007. Eletto Charlie Baker, che ha sconfitto Martha Coakley nella sua corsa a diventare la prima donna eletta nello Stato. Al Gop anche Ohio, Michigan, Illinois e Maryland. 

Dollaro in forte apprezzamento sui mercati valutari sulla scia della netta vittoria dei repubblicani nelle elezioni di mid term. Il biglietto verde e' schizzato nei confronti dello yen a 114,23, toccando il nuovo massimo da oltre cinque anni. Il dollaro guadagna anche sull'euro con un cross a 1,2532.

E arrivano anche i primi commenti repubblicani alla stotica vittoria di oggi: "La conquista della maggioranza al Senato da parte dei repubblicani significa il rifiuto delle fallimentari politiche del presidente Obama. Ai repubblicani è stata data l'opportunità di guidare il paese in una migliore direzione e i repubblicani alla Camera e al Senato sono pronti ad ascoltare il popolo americano. Speriamo che lo farà anche il presidente Obama".

Ma Obama lo farà? Improbabile. E d'altra parte, così messe le cose, se non lo farà gli rimarranno due anni pieni di gioco del golf, la sua passione. Politicamente parlando, è defunto.

max parisi


PIALLATA ELETTORALE: OBAMA E I DEMOCRATICI DISINTEGRATI ALLE URNE, L'AMERICA ORA E' REPUBBLICANA (AUGURI SIGNOR RENZI)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA D'ORA. E' BREXIT BOOM

CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA

mercoledì 7 dicembre 2016
LONDRA - La verità detta con tre parole è: mai così bene. A sentire i sostenitori della UE la vittoria del Brexit avrebbe causato alla Gran Bretagna poverta' e recessione ma
Continua
 
L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE ELETTORALE MAGGIORITARIA

L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE

lunedì 5 dicembre 2016
Abbiamo cercato al telefono Roberto Maroni, Governatore della Lombardia e figura di primissimo piano della Lega, per chiedergli qual è la sua idea, la sua proposta, per la nuova legge
Continua
LA VITTORIA DEL NO CONSEGNA ALLE FORZE CHE L'HANNO OTTENUTA L'ONORE DI CAMBIARE L'ITALIA, NON LA COSTITUZIONE! CORAGGIO!

LA VITTORIA DEL NO CONSEGNA ALLE FORZE CHE L'HANNO OTTENUTA L'ONORE DI CAMBIARE L'ITALIA, NON LA

lunedì 5 dicembre 2016
E' l'alba di una nuova stagione per l'Italia. E non è l'inverno, che arriva. Noi di questo giornale abbiamo combattuto contro l'arroganza, l'ignoranza, e la stupidità di un ormai ex
Continua
 
LA NUOVA STELLA DEL FIRMAMENTO REPUBBLICANO SI CHIAMA TOMI LAHREN, UNA RAGAZZA CHE FARA' MOLTA STRADA

LA NUOVA STELLA DEL FIRMAMENTO REPUBBLICANO SI CHIAMA TOMI LAHREN, UNA RAGAZZA CHE FARA' MOLTA

mercoledì 30 novembre 2016
Nella galassia dei repubblicani e' nata una nuova stella: Tomi Lahren, giornalista e opinionista politica, e' una donna di 24 anni che al fascino estetico combina doti oratorie e di persuasioni che
Continua
DONALD TRUMP OTTIENE CHE LE GRANDI FABBRICHE NON SCAPPINO DAGLI USA: SALVATI 1.400 POSTI (E SIAMO SOLO ALL'INIZIO)

DONALD TRUMP OTTIENE CHE LE GRANDI FABBRICHE NON SCAPPINO DAGLI USA: SALVATI 1.400 POSTI (E SIAMO

mercoledì 30 novembre 2016
STATI UNITI - Il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, visitera' Indianapolis in Indiana nella giornata di domani, e annuncera' pubblicamente di aver raggiunto un accordo con il
Continua
 
ELEZIONI IN OLANDA, SONDAGGIO BOMBA: IN TESTA IL PARTITO DELLA LIBERTA' DI WILDERS CHE VUOLE L'USCITA DALLA UE

ELEZIONI IN OLANDA, SONDAGGIO BOMBA: IN TESTA IL PARTITO DELLA LIBERTA' DI WILDERS CHE VUOLE

lunedì 28 novembre 2016
AMSTERDAM - OLANDA - La destra nazionalista olandese guidata dal segretario Geert Wilders, è in testa ai sondaggi per le elezioni politiche di marzo 2017 nei Paesi Bassi. Secondo il sondaggio
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SCONTRO FRA TI-NANI / JUNCKER: ''NON SONO CAPO DI UNA GANG'' RENZI: ''PRETENDO RISPETTO'' (IL BUE DA' DEL CORNUTO ALL'ASINO)

SCONTRO FRA TI-NANI / JUNCKER: ''NON SONO CAPO DI UNA GANG'' RENZI: ''PRETENDO RISPETTO'' (IL BUE
Continua

 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''DRAGHI RISCHIA UNA RIVOLTA DENTRO LA BCE CONTRO DI LUI, FINO A SPINGERLO A DIMETTERSI''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''DRAGHI RISCHIA UNA RIVOLTA DENTRO LA BCE CONTRO DI LUI, FINO A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua

PROPOSTA M5S: APPLICHIAMO L'ITALICUM ANCHE AL SENATO E POI SUBITO

5 dicembre - ''Ora ci troviamo con due leggi elettorali tra Camera e Senato molto
Continua
Precedenti »