50.025.240
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

OBAMA AL CREPUSCOLO ''SALUTA E ABBRACCIA'' L'UBRIACONE DI BRUXELLES: ''INSIEME USA E UE HANNO DATO PACE, PROSPERITA'...''

sabato 1 novembre 2014

BRUXELLES - Al crepuscolo della sua vicenda politica e a 48 ore da una sconfitta elettorale che ne decreterà il definitivo tramonto, l'amministrazione Obama saluta con gioia l'insediamento della Commissione europea capitanata da uno dei più screditati e opachi personaggi della scena politica del Vecchio Continente, Juncker.

"Non vedo l'ora di collaborare con una nuova Commissione europea che entrera' in carica oggi sotto la guida del presidente Jean-Claude Juncker. Egli ha riunito un gruppo di leader europei di talento, tra cui vecchi amici come la subentrante Alto rappresentante Federica Mogherini" - scrive il Segretario di Stato americano, John Kerry salutando l'entrata in carica della nuova Commissione Ue.

"Gli Stati Uniti e l'Unione europea condividono un passato comune, onorando il centenario dall'inizio della prima guerra mondiale. E oggi, condividiamo una visione comune per un'Europa unita, libera e in pace" - ha aggiunto. - Quasi due decenni fa i leader degli Stati Uniti e dell'Unione europea si sono impegnati a lavorare insieme per promuovere la pace, la stabilita' e la democrazia in tutto il mondo" Kerry e Obama devono avere problemi di memoria, perchè negli ultimi 20 anni l'Europa è stata dilaniata da due guerre nei Balcani con oltre 200.000 morti e con ferite che ancora oggi non si sono rimarginate, basti pensare al Kosovo. E insieme hanno architettato, finanziato e portato a termine il golpe in Ucraina con tutte le conseguenze nefaste che oggi gravano sull'Europa e prima ancora sulle popolazioni di questa martoriata nazione.

"Abbiamo deciso di rispondere alle sfide globali, insieme - prosegue la dichiarazione di Kerry -  E abbiamo deciso di espandere il commercio mondiale, avvicinare le nostre economie, e costruire ponti transatlantici per le persone e le idee. I problemi che affrontiamo sono cambiati nel corso degli anni. Ma siamo rimasti fedeli ai nostri impegni. Oggi, siamo di fronte a gravi minacce alla pace e alla stabilita', della epidemia di Ebola in Africa occidentale, all'Isis in Medio Oriente, e le azioni della Russia in Ucraina. Si tratta di crisi contro cui lotteremo insieme. E stiamo negoziando un trattato per il commercio e gli investimenti ambizioso in modo da avvicinare ancora di piu' le nostre economie. Dopo un decennio di una notevole leadership al timone di questa Commissione, ringrazio il Presidente uscente Jose Manuel Barroso. Sono anche grato per la collaborazione all'alto rappresentante Catherine Ashton. Ora che la nuova Commissione entrera' in carica - conclude Kerry - non vedo l'ora di lavorare a stretto contatto con loro per rafforzare i legami che uniscono gli Stati Uniti e l'Unione europea".

In sostanza, un'amministrazione democratica a un passo dalla caduta più rivinosa della storia di questo partito, impersonificata da un ex leader al tramonto che oggi non sarebbe rivotato neppure dalle sue comunità nere e dal quale rifuggono perfino i candidati democratici che il 4 novembre parteciperanno alle elezioni di midterm, ha inviato i suoi "migliori auguri" a Juncker e alla sua nuova squadra di oligarchi.

Ma il mondo sta cambiando molto più in fretta di quanto Obama, Kerry e Juncker possano e riescano a prevedere. Tra meno di tre anni, la Casa Bianca sarà repubblicana, la Francia sarà fuori dall'euro, l'Inghilterra fuori dalla Ue, e l'Italia?

Bella domanda.

max parisi

 


OBAMA AL CREPUSCOLO ''SALUTA E ABBRACCIA'' L'UBRIACONE DI BRUXELLES: ''INSIEME USA E UE HANNO DATO PACE, PROSPERITA'...''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

OBAMA   COMMISSIONE   UE   USA   CASA BIANCA   BRUXELLES   ELEZIONI   MIDTERM   JUNCKER   MOGHERINI   BARROSO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
 
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
 
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL 4 NOVEMBRE STATI UNITI AL VOTO NELLE TRADIZIONALI ELEZIONI ''MIDTERM'' E IL GRANDE SCONFITTO SARA' UNO SOLO: OBAMA.

IL 4 NOVEMBRE STATI UNITI AL VOTO NELLE TRADIZIONALI ELEZIONI ''MIDTERM'' E IL GRANDE SCONFITTO
Continua

 
BOOM DI SCRITTI AL FRONT NATIONAL DI MARINE LE PEN: DAI 22.000 DEL 2011 A 83.000 OGGI. LA DESTRA CONQUISTA I FRANCESI.

BOOM DI SCRITTI AL FRONT NATIONAL DI MARINE LE PEN: DAI 22.000 DEL 2011 A 83.000 OGGI. LA DESTRA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!