61.596.073
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PROCESSO CONTRO MUSSARI E GLI EX AI VERTICI DI MPS, ULTIMA UDIENZA PRIMA DELLA SENTENZA, ACCUSE PESANTISSIME.

venerdì 31 ottobre 2014

SIENA - Giuseppe Mussari, l'ex presidente di Banca Mps, non e' stato un "attore inconsapevole, ignorante, che leggeva un copione" come la sua difesa ha cercato di rappresentarlo in questo processo. Lo ha detto il pm Giuseppe Grosso nel corso della replica fatta stamani davanti al collegio giudicante del processo sul cosiddetto derivato Alexandria, dove Mussari e' accusato di aver occultato il mandate agreement stipulato dal Monte con Nomura.

"Mussari e' l'attore e il regista di questo film drammatico, che aveva come sceneggiatore dei silenzi Gianluca Baldassarri e aiuto regista Antonio Vigni", ha aggiunto. E per il pm, l'ex presidente "oltre che regista e' quindi stato un pessimo attore protagonista e per questo per lui abbiamo chiesto la condanna piu' pesante", ha proseguito Grosso ricordando che per Mussari sono stati chiesti sette anni, sei ciascuno per Vigni e Baldassarri. Un film drammatico che "ha lasciato un'eredita' pesante tale da minare non solo il Monte dei Paschi - ha spiegato ancora Grosso - ma anche per la credibilita' dell'intero sistema bancario italiano".

Il pm ha quindi puntato nuovamente l'attenzione dei giudici sul mandate "che era l'ossatura di tutta l'operazione". Dopo Grosso e' intervenuta prima l'avvocato di Bankitalia Olina Capolino, unica parte civile ammessa al processo, poi ci sono state le repliche di tutti i difensori. I legali di Mussari, Vigni e Baldassarri ancora una volta hanno messo in risalto come il mandate era conosciuto da tutti all'interno della banca e come gli ispettori di Bankitalia avrebbero potuto tranquillamente svolgere il loro lavoro e stabilire tutti i collocamenti necessari legati all'operazione con Nomura.

"A differenza di quanto affermato dai difensori, Giuseppe Mussari è stato regista e attore di questo film drammatico degli ultimi 10 anni di Mps" ha concluso il Pm Giuseppe Grosso nelle controrepliche. "Accanto a Mussari - ha aggiunto - c'erano Baldassarri come sceneggiatore silenzioso e l'aiuto regista Vigni. Mussari oltre che regista è stato il pessimo attore protagonista che ha lasciato una eredità pesante - ha ripetuto - minando la credibilità del Monte e dell'intero sistema bancario italiano". Grosso, che sostiene l'accusa con i colleghi Aldo Natalini e Giuseppe Grosso, ha ribadito la richiesta di 7 anni per Mussari e di 6 per Vigni e Baldassarri.

Prima che i giudici si ritirassero in camera di consiglio ha fatto una dichiarazione spontanea anche Baldassarri che ha ricostruito tutte le informazioni da lui date agli altri dirigenti della banca. Nessuna dichiarazione invece da parte di Vigni, mentre Mussari non e' in aula. Poi i giudici si sono ritirati in camera di consiglio senza pero' dare nessuna indicazione su un possibile orario per la sentenza. 

Anche Adusbef è intervenuta nel drammatico sfacelo di Mps.

Nazionalizzare il Monte dei Paschi di Siena e destituire i vertici, Profumo e Viola, "la cui gestione poco assennata, dovrebbe essere oggetto di un'azione civile di responsabilita'". Lo chiede, in una nota, Elio Lannutti, presidente dell'Adusbef, ricordando che "nel giorno in cui a Siena, nel processo farsa sui derivati Alexandria, il cui 'mandate' sarebbe stato occultato alla Banca d'Italia, con gli ispettori che al contrario sapevano tutto, si attende il verdetto per Mussari, Vigni e Baldassarri nel filone di inchiesta del 'mandate agreement' con Nomura, Mps ha perso in 5 sedute oltre un terzo del suo valore. Con il titolo a 0,62 capitalizza 3,2 miliardi di euro, meno della meta' dei 7,5 miliardi che toccava a luglio, quando condusse in porto un aumento di capitale da 5 miliardi, con le azioni che vennero offerte ad 1 euro, un bagno di sangue per azionisti, risparmiatori, consumatori, lavoratori, sotto la gestione non proprio brillante di Profumo e Viola, due banchieri che restano attaccati alle poltrone come le cozze agli scogli"

Redazione Milano


PROCESSO CONTRO MUSSARI E GLI EX AI VERTICI DI MPS, ULTIMA UDIENZA PRIMA DELLA SENTENZA, ACCUSE PESANTISSIME.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PROCESSO   MUSSARI   MPS   RICHIESTA   CONDANNA   SETTE ANNI   SIENA   DISASTRO   PD   MONTI   BERSANI   DRAGHI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ZUCKERBERG ADESSO PROVA A DIFENDERSI, MA FACEBOOK E' DIVENTATO UNA PIOVRA MONDIALE SUCCHIA-DATI DI CHIUNQUE SIA ISCRITTO

ZUCKERBERG ADESSO PROVA A DIFENDERSI, MA FACEBOOK E' DIVENTATO UNA PIOVRA MONDIALE SUCCHIA-DATI DI

giovedì 22 marzo 2018
Mark Zuckerberg ha rotto il silenzio durato 6 giorni e finalmente ha detto la sua sul caso Cambridge-Analityca che ha travolto il social network, facendogli perdere sia oltre 40 miliardi di dollari a
Continua
 
CANCELLIERE AUSTRIACO KURZ: ''E' ESSENZIALE CHE TUTTI I MIGRANTI SOCCORSI IN MARE SIANO RIMANDATI SUBITO IN AFRICA''

CANCELLIERE AUSTRIACO KURZ: ''E' ESSENZIALE CHE TUTTI I MIGRANTI SOCCORSI IN MARE SIANO RIMANDATI

lunedì 12 marzo 2018
Era evidente che la vittoria dei partiti nazionalisti in Austria avrebbe avuto una certa influenza in tutta l'Unione Europea e quindi non deve sorprendere se nei prossimi mesi il governo austriaco
Continua
LA LEGA RIUNISCE A MILANO I 183 PARLAMENTARI ELETTI CON MATTEO SALVINI CHE DICE: ''GOVERNO POLITICO O SI TORNA A VOTARE'

LA LEGA RIUNISCE A MILANO I 183 PARLAMENTARI ELETTI CON MATTEO SALVINI CHE DICE: ''GOVERNO POLITICO

venerdì 9 marzo 2018
MILANO - La riunione è affollatissima, e Matteo Salvini è tonico quanto lo è chi ha vinto le elezioni con numeri addirittura insperati. "Oggi festeggio 183 parlamentari e 45
Continua
 
BERLUSCONI NON PERDE IL VIZIO DELL'INCIUCIO E ''APRE'' A LARGHE INTESE, CIOE' UN GOVERNO COL PD (MA E' SENZA MAGGIORANZA)

BERLUSCONI NON PERDE IL VIZIO DELL'INCIUCIO E ''APRE'' A LARGHE INTESE, CIOE' UN GOVERNO COL PD (MA

venerdì 9 marzo 2018
Allarmato forse più dal calo del valore azionario di Mediaset in Borsa, oltre che dalla sua personale sconfitta all'interno della vittoria del Centrodestra (perchè oltre il boom della
Continua
BREXIT PORTA GRANDI INVESTIMENTI IN GRAN BRETAGNA NUOVE FABBRICHE TOYOTA E SIEMENS CHE INVESTONO 400 MILIONI DI STERLINE

BREXIT PORTA GRANDI INVESTIMENTI IN GRAN BRETAGNA NUOVE FABBRICHE TOYOTA E SIEMENS CHE INVESTONO

martedì 6 marzo 2018
  LONDRA - Sono passati quasi due anni da quando la maggioranza dei cittadini britannici ha votato per uscire dalla UE ma lungi dall'entrare in recessione l'economia britannica gode di ottima
Continua
 
INCHIESTA IN VENETO TRA GLI ELETTORI / ABBIAMO DOMANDATO ALLA GENTE PERCHE' HA VOTATO IN MASSA PER LA LEGA

INCHIESTA IN VENETO TRA GLI ELETTORI / ABBIAMO DOMANDATO ALLA GENTE PERCHE' HA VOTATO IN MASSA PER

martedì 6 marzo 2018
Il popolo italiano, dopo 5 anni e 3 governi a guida piddì, ha votato ed ha espresso il proprio giudizio sull’operato di questi esecutivi e sulla maggioranza che li ha appoggiati. Il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
OPERAI AST SONO SOLO UNA PICCOLA PARTE DELLA CATASTROFE: 155.000 DIPENDENTI A RISCHIO LICENZIAMENTO IN 160 VERTENZE!

OPERAI AST SONO SOLO UNA PICCOLA PARTE DELLA CATASTROFE: 155.000 DIPENDENTI A RISCHIO LICENZIAMENTO
Continua

 
L'8 NOVEMBRE IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO CI SARANNO ANCHE I POLIZIOTTI. LO ANNUNCIA LA CGIL.

L'8 NOVEMBRE IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO CI SARANNO ANCHE I POLIZIOTTI. LO ANNUNCIA LA CGIL.


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!