47.371.116
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PROCESSO CONTRO MUSSARI E GLI EX AI VERTICI DI MPS, ULTIMA UDIENZA PRIMA DELLA SENTENZA, ACCUSE PESANTISSIME.

venerdì 31 ottobre 2014

SIENA - Giuseppe Mussari, l'ex presidente di Banca Mps, non e' stato un "attore inconsapevole, ignorante, che leggeva un copione" come la sua difesa ha cercato di rappresentarlo in questo processo. Lo ha detto il pm Giuseppe Grosso nel corso della replica fatta stamani davanti al collegio giudicante del processo sul cosiddetto derivato Alexandria, dove Mussari e' accusato di aver occultato il mandate agreement stipulato dal Monte con Nomura.

"Mussari e' l'attore e il regista di questo film drammatico, che aveva come sceneggiatore dei silenzi Gianluca Baldassarri e aiuto regista Antonio Vigni", ha aggiunto. E per il pm, l'ex presidente "oltre che regista e' quindi stato un pessimo attore protagonista e per questo per lui abbiamo chiesto la condanna piu' pesante", ha proseguito Grosso ricordando che per Mussari sono stati chiesti sette anni, sei ciascuno per Vigni e Baldassarri. Un film drammatico che "ha lasciato un'eredita' pesante tale da minare non solo il Monte dei Paschi - ha spiegato ancora Grosso - ma anche per la credibilita' dell'intero sistema bancario italiano".

Il pm ha quindi puntato nuovamente l'attenzione dei giudici sul mandate "che era l'ossatura di tutta l'operazione". Dopo Grosso e' intervenuta prima l'avvocato di Bankitalia Olina Capolino, unica parte civile ammessa al processo, poi ci sono state le repliche di tutti i difensori. I legali di Mussari, Vigni e Baldassarri ancora una volta hanno messo in risalto come il mandate era conosciuto da tutti all'interno della banca e come gli ispettori di Bankitalia avrebbero potuto tranquillamente svolgere il loro lavoro e stabilire tutti i collocamenti necessari legati all'operazione con Nomura.

"A differenza di quanto affermato dai difensori, Giuseppe Mussari è stato regista e attore di questo film drammatico degli ultimi 10 anni di Mps" ha concluso il Pm Giuseppe Grosso nelle controrepliche. "Accanto a Mussari - ha aggiunto - c'erano Baldassarri come sceneggiatore silenzioso e l'aiuto regista Vigni. Mussari oltre che regista è stato il pessimo attore protagonista che ha lasciato una eredità pesante - ha ripetuto - minando la credibilità del Monte e dell'intero sistema bancario italiano". Grosso, che sostiene l'accusa con i colleghi Aldo Natalini e Giuseppe Grosso, ha ribadito la richiesta di 7 anni per Mussari e di 6 per Vigni e Baldassarri.

Prima che i giudici si ritirassero in camera di consiglio ha fatto una dichiarazione spontanea anche Baldassarri che ha ricostruito tutte le informazioni da lui date agli altri dirigenti della banca. Nessuna dichiarazione invece da parte di Vigni, mentre Mussari non e' in aula. Poi i giudici si sono ritirati in camera di consiglio senza pero' dare nessuna indicazione su un possibile orario per la sentenza. 

Anche Adusbef è intervenuta nel drammatico sfacelo di Mps.

Nazionalizzare il Monte dei Paschi di Siena e destituire i vertici, Profumo e Viola, "la cui gestione poco assennata, dovrebbe essere oggetto di un'azione civile di responsabilita'". Lo chiede, in una nota, Elio Lannutti, presidente dell'Adusbef, ricordando che "nel giorno in cui a Siena, nel processo farsa sui derivati Alexandria, il cui 'mandate' sarebbe stato occultato alla Banca d'Italia, con gli ispettori che al contrario sapevano tutto, si attende il verdetto per Mussari, Vigni e Baldassarri nel filone di inchiesta del 'mandate agreement' con Nomura, Mps ha perso in 5 sedute oltre un terzo del suo valore. Con il titolo a 0,62 capitalizza 3,2 miliardi di euro, meno della meta' dei 7,5 miliardi che toccava a luglio, quando condusse in porto un aumento di capitale da 5 miliardi, con le azioni che vennero offerte ad 1 euro, un bagno di sangue per azionisti, risparmiatori, consumatori, lavoratori, sotto la gestione non proprio brillante di Profumo e Viola, due banchieri che restano attaccati alle poltrone come le cozze agli scogli"

Redazione Milano


PROCESSO CONTRO MUSSARI E GLI EX AI VERTICI DI MPS, ULTIMA UDIENZA PRIMA DELLA SENTENZA, ACCUSE PESANTISSIME.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PROCESSO   MUSSARI   MPS   RICHIESTA   CONDANNA   SETTE ANNI   SIENA   DISASTRO   PD   MONTI   BERSANI   DRAGHI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
 
BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL DIRITTO DI FARLO?)

BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL

mercoledì 24 maggio 2017
FRANCOFORTE - Ormai, la Bce si comporta non più come una banca, ma come fosse a capo della Ue con il diritto di veto e critica su stati, governi, elezioni. Questa sua invadenza ormai non ha
Continua
ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6%

martedì 16 maggio 2017
Il Pil italiano ristagna allo 0,2% nel primo timetre 2017 con una proiezione annua da incubo, allo 0,6%. L'eurozona nel medesimo trimestre ha segnato +0,5%. Nella classifica degli Stati membri
Continua
 
IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO SULL'ECOFIN O CROLLA TUTTO

IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO

lunedì 15 maggio 2017
MADRID - Un attacco inaspettato all'euro - che così com'è non va affatto - da parte del governo teoricamente più ossequioso e fedele alle tecnocrazie di Bruxelles e della Bce,
Continua
PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE CRESCERE'' (BOOM!)

PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE

giovedì 11 maggio 2017
Se l'Italia non fosse nell'euro "potrebbe implementare politiche per la crescita". A dirlo, non è il solito euroscettico nazionalista ovviamente xenofobo di destra e a tratti se non del tutto
Continua
 
IL PIROETTONE DEL BISCHERO.

IL PIROETTONE DEL BISCHERO.

lunedì 8 maggio 2017
IL SALTO DELLA QUAGLIA. PRIMA:  "Un'ora e mezza di vertice all'Eliseo poi rientro a Roma in serata. Una cena "informale" con anche il primo ministro francese Manuel Valls. Quest'ultimo, al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
OPERAI AST SONO SOLO UNA PICCOLA PARTE DELLA CATASTROFE: 155.000 DIPENDENTI A RISCHIO LICENZIAMENTO IN 160 VERTENZE!

OPERAI AST SONO SOLO UNA PICCOLA PARTE DELLA CATASTROFE: 155.000 DIPENDENTI A RISCHIO LICENZIAMENTO
Continua

 
L'8 NOVEMBRE IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO CI SARANNO ANCHE I POLIZIOTTI. LO ANNUNCIA LA CGIL.

L'8 NOVEMBRE IN PIAZZA CONTRO IL GOVERNO CI SARANNO ANCHE I POLIZIOTTI. LO ANNUNCIA LA CGIL.


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!