50.699.856
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

OPERAI AST SONO SOLO UNA PICCOLA PARTE DELLA CATASTROFE: 155.000 DIPENDENTI A RISCHIO LICENZIAMENTO IN 160 VERTENZE!

venerdì 31 ottobre 2014

La terribile giornata di Roma, gli scontri e le cariche della polizia ai militanti FIOM in piazza Indipendenza, conclusasi ieri con l'audizione del ministro Alfano in Parlamento, potrebbe non essere l'unica di un autunno diffile sul fronte lavoro. I 537 licenziamenti alla ThyssenKrupp di Treni rischiano di non rimanere isolati. Sul tavolo del Ministero dello Sviluppo Economico guidato da Federica Guidi ci sono oltre 160 vertenze per un totale di 155mila lavoratori coinvolti, il 15% dei quali già dichiarati in esubero.

Mentre in Parlamento, ma soprattutto sui media, si discute spesso a sproposito di una legge sul lavoro che nessuno ha potuto leggere, circa 28mila lavoratori rischiano di rimpinguare presto la già alta percentuale di disoccupati (il 12.3%). Chimica, tessile, siderurgia, agroalimentare, informatica. Non c'è settore che non abbia un fascicolo aperto allo Sviluppo Economico. Situazioni diverse l'una dall'altra perché, dove non ci sono problemi legati alla difficile situazione economica, arrivano le strategie delle società (Repubblica cita i casi della Guaber a Bologna e della Natuzzi in Puglia): Delocalizzazione, concentrazione della produzione sono spesso l'anticamera degli esuberi.

Delle 160 vertenze aperte, oltre la metà hanno una provenienza geografica settentrionale. Il dato non deve sorprendere, perché al Sud la situazione è già precipitata da tempo (Sulcis, Gela, Termini Imerese).  A farla da padrone in questa triste classifica il settore Automotive e componenti, con 17 vertenze aperte per altrettante aziende, un totale di oltre 10mila dipendenti coinvolti. Seguono la chimica con 16 (5200 dipendenti), l'informatica con 12 (altri 10.300 lavoratori), l'elettronica e il tessile con 10 a testa (e un totale di 14mila persone coinvolte). Ma il settore che mette più posti di lavoro a rischio (21.400) è la siderurgia, con la già citata ThyssenKrupp e l'infinito contenzioso sull'Ilva. 

"C'è un mercato del lavoro nel quale l'offerta supera largamente la domanda - sostiene il segretario generale della Uiltec, Paolo Pirani - Se si vuole contrastare la crisi industriale, il governo non può limitarsi a moltiplicare i tavoli di confronto. Abbiamo sostenuto che la piaga della disoccupazione e il rilancio della produzione avrebbero bisogno di un taglio della tassazione sul lavoro per cinquanta miliardi. Il governo ha cominciato da dieci per i redditi più bassi, dobbiamo proseguire, con coraggio e tempestività e allineare la tassazione sul lavoro ai principali paesi industriali con cui competiamo. Si può fare con una lotta non di facciata all'evasione fiscale. Credo che ci voglia una profonda riforma fiscale, che sia la risultante di un confronto ampio e aperto alle rappresentanze di imprese e lavoratori con l'obiettivo di ridurre la pressione fiscale ormai insostenibile". 

Fonte notizia ibstime.com - che ringraziamo. 

 


OPERAI AST SONO SOLO UNA PICCOLA PARTE DELLA CATASTROFE: 155.000 DIPENDENTI A RISCHIO LICENZIAMENTO IN 160 VERTENZE!




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
INDAGINE SULLA DISPONIBILITA' DEGLI ITALIANI A FARE NUOVI ''SACRIFICI'': IL 78% HA RISPOSTO NO A TAGLI DEL WELFARE!

INDAGINE SULLA DISPONIBILITA' DEGLI ITALIANI A FARE NUOVI ''SACRIFICI'': IL 78% HA RISPOSTO NO A
Continua

 
PROCESSO CONTRO MUSSARI E GLI EX AI VERTICI DI MPS, ULTIMA UDIENZA PRIMA DELLA SENTENZA, ACCUSE PESANTISSIME.

PROCESSO CONTRO MUSSARI E GLI EX AI VERTICI DI MPS, ULTIMA UDIENZA PRIMA DELLA SENTENZA, ACCUSE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!