56.192.632
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / CONFRONTO TRA IL PROGRAMMA POLITICO DI MARINE LE PEN E QUELLO DELLA NUOVA LEGA DI SALVINI

mercoledì 22 ottobre 2014

La recente manifestazione della Lega a Milano contro l’operazione Mare Nostrum, unita alla campagna contro l’euro ed alle tematiche sulla tassazione, sembrano accomunare sempre più l’operato di Matteo Salvini a quello di Marine Le Pen, leader del Front National francese.

Entrambi i partiti sembrano voler incarnare un nuovo concetto di destra che superi, in entrambi i paesi, schematismi che li hanno portati al disastro politico ed economico all’interno della ue. Non è un mistero infatti, che oltre all’italico stivale, nel mirino della cancelliera tedesca Merkel ci sia proprio la Francia.

Ma i due movimenti politici sono realmente affini dal punto di vista programmatico e, soprattutto, sono in grado di proporre soluzioni concrete ai mali di Francia ed Italia e dell’intera Europa?

Abbiamo voluto analizzare i loro programmi e metterli a confronto.

Partiamo dalla moneta unica:

Per Il FN: “L’euro, dopo 10 anni, non ha mantenuto nessuna delle sue promesse. Il Suo bilancio è senza appello: esplosione dei prezzi, delocalizzazioni, disoccupazione.” E ancora: “Restare nell’euro significa morire poco alla volta”

La Lega dal canto suo afferma: “La scelta di uscire dall’euro è indifferibile; aver voluto imporre una moneta unica per le economie differenti dei diversi Stati dell’UE ha, di fatto, privato l’Europa del principale strumento utile ad affrontare i drammatici effetti della crisi economica scoppiata negli Stati Uniti nel 2008.”

Stesse motivazioni anche per l’uscita: ridare fiato all’economia ed alle imprese: “Tornare alla nostra moneta è il primo passo per tornare ad avere occupazione e far vincere il nostro “saper fare”, la nostra peculiarità agli occhi del mondo e guardare a un futuro di benessere con speranza” per Salvini, “Rifiutare le politiche di austerità ed il taglio dei salari imposti dall’euro, tornando alla moneta nazionale” per Marine Le Pen.

Per quello che riguarda l’economia interna, i due movimenti viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda: mettere un argine allo strapotere delle banche e delle multinazionali e incentivare la piccola e media imprenditoria. Il FN dichiara apertamente che “sarà necessario porre un freno alla grande distribuzione per tutelare il piccolo commercio. Procederemo con l’applicazione di misure alle frontiere per rendere meno competitive le merci prodotte in stati che sfruttano la mano d’opera.” Inoltre la leader francese propone che “La banca centrale possa prestare denaro allo stato francese, eliminando il monopolio a favore delle banche private”. 

Analoghe parole riecheggiano nel programma della Lega Nord allorquando si prevede: “abbiamo avanzato l'idea di introdurre una riforma del settore bancario. In particolare pensiamo che per uscire dalla crisi dovremmo attuare una separazione tra banche commerciali e banche d'affari (legge Glass-Steagall), tutelando le attività finanziarie di deposito e di credito inerenti l'economia reale e differenziando tali attività da quelle legate all'investimento e alla speculazione sui mercati finanziari nazionali e internazionali.” e l’applicazione di dazi doganali per i prodotti che arrivano da paesi dove la mano d’opera viene sfruttata.

Ultimo punto toccato dall’analisi riguarda quello dell’immigrazione e delle frontiere. Su questo aspetto, la posizione della Lega è netta: “procedere con un presidio costante delle nostre frontiere sia terresti sia marittime attuando anche azioni di respingimento. Fondamentale sarà procedere con l’unico metodo che garantisce risultati sicuri e cioè gli accordi bilaterali con i Paesi terzi da cui hanno origine i maggiori flussi d'immigrati irregolari.” Altrettanto chiara è quella del Front National: “Ridurremo l’immigrazione legale da 200.000 a 10.000 immigrati l’anno. Tutte le persone che entreranno o si troveranno in Francia illegalmente saranno espulse”.

Ironia della sorte, proprio mentre il premier non eletto italiano parla di introdurre lo jus soli nell’italico stivale, la Le Pen dice chiaramente che: “lo jus soli sarà abolito e la naturalizzazione dovrà essere merita e sottoposta a strette condizioni”.

Dal confronto tra i due programmi (rinvenibili sui rispettivi siti ufficiali), appare chiaro come il Front National e la Lega Nord stiano cercando di incarnare una risposta pratica e concreta ai disastri provocati dalla globalizzazione, dallo strapotere delle banche e dall’immigrazione incontrollata.

Come tutte le proposte possono essere o meno condivise, ma è necessario e doveroso riconoscere ad entrambi i movimenti di non essersi fermati a mere dichiarazioni generiche, ma di essere entrati nel merito delle problematiche e di aver proposto soluzioni concrete.

Si tratta di un  mutamento di scenario non indifferente, che potrebbe catalizzare il voto di quanti non si riconoscono non solo nelle ideologie di sinistra, ma nemmeno in quelle di una destra stantia e ferma nella contemplazione di un radioso futuro alle spalle.

Luca Campolongo


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / CONFRONTO TRA IL PROGRAMMA POLITICO DI MARINE LE PEN E QUELLO DELLA NUOVA LEGA DI SALVINI




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO: OBAMA ''SCARICATO'' DAI PARLAMENTARI DEMOCRATICI E ALLE ELEZIONI DI NOVEMBRE IL CONGRESSO TUTTO REPUBBLICANO!

CLAMOROSO: OBAMA ''SCARICATO'' DAI PARLAMENTARI DEMOCRATICI E ALLE ELEZIONI DI NOVEMBRE IL
Continua

 
APPROVATA IERI SERA DAL PARLAMENTO FRANCESE LA NUOVA LEGGE CHE PERMETTE DI DESTITUIRE IL PRESIDENTE (HOLLANDE)

APPROVATA IERI SERA DAL PARLAMENTO FRANCESE LA NUOVA LEGGE CHE PERMETTE DI DESTITUIRE IL PRESIDENTE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »