60.890.833
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

WALL STREET JOURNAL: ''I MERCATI HANNO CAPITO CHE LA BCE NON E' PIU' IN GRADO DI SALVARE L'EURO. ARRIVA LA TEMPESTA''

martedì 21 ottobre 2014

NEW YORK - Per l'eurozona, che pure non ha mai contato su un vero piano di quantitative easing della Banca centrale europea, e' arrivato il momento di riformare o soccombere. I giorni in cui le politiche monetarie bastavano a bilanciare i deludenti indicatori economici sono finiti, scrive il "Wall Street Journal".

Lo dimostrano i mercati obbligazionari: la scorsa settimana i rendimenti sui buoni del tesoro statunitensi sono crollati, e i mercati azionari hanno subito gravi perdite. James Bullard, direttore della St. Louis Federal Reserve, ha placato il panico degli investitori suggerendo un prolungamento del quantitative easing della Fed. Si tratta di un tipico caso di "una cattiva notizia e' una buona notizia". Paradossale, ma vero.

I mercati sono cosi' disperati e dipendenti dagli stimoli monetari, da trattare sviluppi economici e finanziari negativi - come la prosecuzione dell'intervento esterno della Fed sulle dinamiche di mercato - alla stregua di sviluppi positivi: una tattica che - però - nell'area euro non funziona piu'.

Il terrore legato alla stagnazione economica e all'insufficienza delle politiche monetarie si e' infatti diffuso soprattutto in Europa.

Il "whatever it takes" pronunciato dal presidente della Bce Mario Draghi nel luglio 2012 ha funzionato per ben due anni, ma ha ormai esaurito la sua efficacia.

"Una cosa e' soffiare sulle paure esagerate di un brakeup dell'euro per esorcizzarlo, altra cosa e' produrre misure concrete e credibili per evitare la progressiva concretizzazione di quello scenario", avverte il quotidiano Usa.

E cosi', per la prima volta dal 2010, gli investitori stanno perdendo fiducia nella capacita' della Bce di far fronte alla stagnazione e alla deflazione che incombono sull'economia continentale. Non si tratta di un timore infondato: e' stato lo stesso Draghi, lo scorso agosto, ad avvertire che l'eurozona non potra' risollevarsi in virtu' dei soli stimoli monetari.

L'appello di Draghi alle riforme e' stato inizialmente accolto positivamente dai mercati, ma poi ha mostrato la sua vera natura: l'ammissione che la Bce non e' in grado di risolvere i problemi strutturali che dal 2009 giacciono nell'agenda dei governi dell'euro.

A dispetto dei bassissimi interessi sul debito sovrano, della svalutazione dell'euro sul dollaro e del piano di acquisto di asset privati annunciato dalla Bce, le previsioni relative all'inflazione continuano a peggiorare.

L'ultimo "calcio al barattolo" (tipica espressione americana -ndr) che rimane alla Bce è quello di un quantitative easing in pieno stile, ma continua a scontare l'opposizione politica della Germania, e in ogni caso, non farebbe che comprare all'Unione altro tempo, tempo che sino ad ora non e' stato usato per andare rapidamente alla radice dei problemi di competitivita' del Continente.

"L'assenza di una unione politica consente a Francia e Italia di continuare la loro recalcitrante opera di rinvii e al contempo di rifiutare un'ulteriore cessione di sovranita' economica a Bruxelles - cioe', di fatto, a Berlino", scrive a chiare lettere il Wall Street Journal

Nell'attuale condizione - conclude il più autorevole quotidiano finanziario americano e mondiale - "la pioggia di vendite della scorsa settimana rischia di essere soltanto una anticipazione di quanto accadra' a breve. Gli investitori sperano ancora che Draghi possano fare qualcosa, ma non trattengono piu' il fiato: in Europa le brutte notizie sono semplicemente brutte notizie".

Redazione Milano.


WALL STREET JOURNAL: ''I MERCATI HANNO CAPITO CHE LA BCE NON E' PIU' IN GRADO DI SALVARE L'EURO. ARRIVA LA TEMPESTA''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL MONDO SI E' AMMALATO DI ''FEBBRE CINESE'': INDEBITAMENTO + SPESA FRENETICA DELLA CINA CONTAGIANO L'ECONOMIA GLOBALE

IL MONDO SI E' AMMALATO DI ''FEBBRE CINESE'': INDEBITAMENTO + SPESA FRENETICA DELLA CINA CONTAGIANO
Continua

 
WALL STREET JOURNAL: ''LE GRANDI BANCHE MONDIALI HANNO INIZIATO AD APPLICARE INTERESSI NEGATIVI SUI DEPOSITI IN EURO!''

WALL STREET JOURNAL: ''LE GRANDI BANCHE MONDIALI HANNO INIZIATO AD APPLICARE INTERESSI NEGATIVI SUI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!