48.385.427
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

POTREBBE ESSERE LA SVIZZERA A SCHIANTARE L'EURO: SE VINCE IL SI' AL REFERENDUM SULL'ORO L'EURO PRECIPITERA' ALL'INFERNO.

venerdì 10 ottobre 2014

Il 30 novembre gli elettori svizzeri dovranno pronunciarsi sull’iniziativa che chiede alla Banca nazionale svizzera il rimpatrio dell’oro del paese depositato all’estero, che le vieta di vendere il metallo prezioso e che la obbliga a fare in modo che il 20% delle sue riserve sia in oro. Tre decisioni molto importanti.

E l’economista svizzero Egon von Greyerz ritiene possibile che l’iniziativa referendaria abbia successo. In una recente intervista sul portale Kingworldnews.com, von Greyerz ha dichiarato : “La Banca nazionale svizzera afferma che l’oro elvetico depositato all’estero non è stato dato a terzi, dunque il rimpatrio non dovrebbe porre alcun problema.”

Ma il punto principale non è il rimpatrio dell'oro depositato all'estero. “Se l’iniziativa dovesse passare – prosegue von Greyerz – questo vorrebbe dire che la BNS sarebbe obbligata ad acquistare 1.700 (mille e settecento) tonnellate di oro, ossia circa il 70% della produzione annua mondiale, per un valore di 66 miliardi di dollari".

"Non vi è una vera opposizione all’iniziativa - ha aggunto l'economista -  Penso abbia buone possibilità di successo. E se vincesse il sì, il mercato dell’oro ne sarebbe sconvolto. Non solo la Banca Nazionale Svizzera dovrebbe acquistare un’enorme quantità di oro fisico, ma questo spingerà altri paesi a rimpatriare le loro riserve all’estero".

"Se venisse votata con la vittoria dei sì - ha concluso - questa iniziativa sarebbe il catalizzatore che metterà fine a una lunga correzione di 3 anni sul mercato dell’oro. Assisteremmo a un nuovo aumento a lungo termine.”

Ma c'è un effetto tutt'altro che trascurabile, riferito all'acqusito di oro fisico da parte della BNS, se vincessero i sì. Infatti, l'acquisto dovrà essere eseguito in dollari USA e quindi la Banca Centrale Svizzera dovrà vendere una parte molto consistente delle proprie riserve valutarie in euro per convertirle in USD al fine di comprare oro sui mercati internazionali.

Al riguardo, scrive il Sole 24 Ore: "Gli analisti intravvedono forti rischi anche per l'euro. La banca centrale elvetica, che alla fine di settembre aveva riserve in valuta estera per ben 462 miliardi di franchi (382 miliardi di euro) su un totale di 522 miliardi, per comprare lingotti avrebbe bisogno di dollari. Ad essere sacrificata nel mix delle riserve sarebbe quindi soprattutto la divisa europea"  Sta a significare che la vendita massiccia di euro contro dollari produrrà certamente una caduta verticale del valore di cambio dell'euro, innescando anche a livello mondiale altrettante fughe dalla moneta unica europea. 

Sarebbe, in buona sostanza, l'avvio di una super speculazione al ribasso contro l'euro, che costrigerebbe la Bce a formidabili interventi per provare a bloccarla. Ma la Bce ha abbastanza dollari in suo possesso per riuscirci?

Redazione Milano.


POTREBBE ESSERE LA SVIZZERA A SCHIANTARE L'EURO: SE VINCE IL SI' AL REFERENDUM SULL'ORO L'EURO PRECIPITERA' ALL'INFERNO.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

REFERENDUM   9 NOVEMBRE   SVIZZERA   20% RISERVE IN ORO   ZURIGO   BCE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''IL VERO GRANDE MALATO D'EUROPA NON E' LA FRANCIA, E' LA GERMANIA, CHE SI CONSIDERA UN MODELLO PER IL MONDO'' (PRITCHARD)

''IL VERO GRANDE MALATO D'EUROPA NON E' LA FRANCIA, E' LA GERMANIA, CHE SI CONSIDERA UN MODELLO PER
Continua

 
ALLA MEZZANOTTE DI DOMANI, IL MARCHIO FIAT SCOMPARIRA' PER SEMPRE (E CON ESSO, IL SISTEMA INDUSTRIALE ITALIANO)

ALLA MEZZANOTTE DI DOMANI, IL MARCHIO FIAT SCOMPARIRA' PER SEMPRE (E CON ESSO, IL SISTEMA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!