44.989.868
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''IL FISCAL COMPACT NON SERVE ALLA GERMANIA E DISTRUGGE IL RESTO D'EUROPA. VA ABOLITO'' (LO SCRIVE IL DER SPIEGEL!)

martedì 7 ottobre 2014

BERLINO - Il Patto di bilancio europeo e' stato il prezzo politico, negoziato nel 2011 dal cancelliere tedesco Angela Merkel, affinche' la Germania potesse partecipare con la coscienza pulita ai pacchetti di salvataggio per i paesi piu' indebitati.

L'accordo - scrive Wolfgang Munchau sul tedesco "Spiegel" (versione on line del settimanale Der Spiegel)  - era riassumibile pressappoco in questi termini: "noi accettiamo il salvataggio, voi accettate l'austerita'".

La scorsa settimana, Francia e Italia hanno deciso di ignorare questo patto. A ragione.

Il fiscal compact prevede che i paesi dell'eurozona, nel giro di 20 anni, riducano i loro debiti a meno del 60 per cento del Pil annuale.

Per paesi come l'Italia questo vorrebbe dire tagli drastici al suo bilancio nel bel mezzo della recessione. Gli italiani hanno provato questa strategia gia' un paio di mesi fa, ma il risultato e' stato solo un aumento del debito. Un fenomeno definito anche "deflazione dei debiti".

Gli italiani hanno quindi deciso, a ragione, di mettere fine a questa assurdita': fiscal compact o meno.

I francesi - sostiene Munchau - hanno fatto altrettanto, soltanto spingendo alle estreme conseguenze le loro conclusioni: anche il limite del 3% non ha senso e va superato.

Portogallo e Grecia sono gia' andati oltre alla divisione tra "bene e male". Gli stessi irlandesi hanno detto di fatto addio al fiscal compact. E la Grecia non lo rispetterà nè ora nè mai.

Per la Germania, invece, che ha gia' il "freno all'indebitamento" il fiscal compact e' semplicemente superfluo.

E quindi ci si chiede a chi interessi davvero oggi il fiscal compact.

Il vecchio patto di stabilita' degli anni Novanta ha quantomeno concesso una paio d'anni di illusione di stabilita', fino a quando non e' stato abolito da Germania e Francia.

Il fallimento di questo regolamento interstatale sta nel principio della sovranita' della politica finanziaria: ogni Stato membro e' responsabile delle sue entrate e delle sue uscite.

Matteo Renzi e Francois Hollande hanno deciso di avvalersi di questo principio, come fecero 11 anni fa Gerhard Schroeder e Jacques Chirac, quando avviarono insieme il patto di stabilita'.

Ma nonostante la catastrofe annunciata, i governanti continuano a commettere gli stessi errori.

Con un tasso di crescita dell'1 per cento, un tasso di inflazione del 2 per cento e un bilancio in pareggio l'Italia riuscirebbe a raggiungere l'obbiettivo.

Ma il problema di questi calcoli sono sempre le ipotesi troppo ottimiste.

Al momento, infatti, l'inflazione italiana e' vicina allo zero, la crescita del Belpaese in negativo e anche la politica e' cambiata. Renzi non puo' riformare e portare il bilancio in pareggio allo stesso tempo.

Anche Schroeder non ce l'ha fatta undici anni fa. E' venuto quindi il momento - sostiene l'opinionista - di abolire definitivamente questo patto chiamato Fiscal Compact.

Redazione Milano.


''IL FISCAL COMPACT NON SERVE ALLA GERMANIA E DISTRUGGE IL RESTO D'EUROPA. VA ABOLITO'' (LO SCRIVE IL DER SPIEGEL!)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SPIEGEL   FISCAL COMPACT   WOLFGANG MUNCHAU   BERLINO   ITALIA   RENZI   HOLLANDE   FRANCIA   GRECIA   IRLANDA   GERMANIA   EUROZONA   BILANCIO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
 
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua
 
TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO SCATTA LA BREXIT!)

TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO

lunedì 20 marzo 2017
LONDRA - Nella giornata in cui - oggi - la Gran Bretagna comunica ufficialmente alla Ue la data della Brexit vera e propria, che scatterà il prossimo 29 marzo, giorno in cui il Regno Unito
Continua
SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A UN PASSO DAL DEFAULT

SITUAZIONE MPS: TITOLO SOSPESO, VORAGINE DI CREDITI MARCI, UE IMPONE 5.000 LICENZIAMENTI E BANCA A

venerdì 17 marzo 2017
Le ultime notizie sul Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del mondo portata sull’orlo del baratro per opera di manager da sempre vicini al principale partito della sinistra
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL MESE''

IL MINISTRO DELL'INTERNO TURCO: ''FACCIAMO SALTARE IN ARIA L'EUROPA, VI MANDIAMO 15.000 MIGRANTI AL

venerdì 17 marzo 2017
ISTANBUL - Il ministro degli Interni turco Suleyman Soylu ha minacciato di "far saltare in aria" l'Europa aprendo le porte della Turchia e inviando 15.000 migranti al mese nel Vecchio continente
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'IDEONA DEL GOVERNO: FACCIAMO PAGARE L'IVA NON A CHI VENDE, MA A CHI COMPRA! (ESCLUSO IL CONSUMATORE FINALE) SERVE? NO!

L'IDEONA DEL GOVERNO: FACCIAMO PAGARE L'IVA NON A CHI VENDE, MA A CHI COMPRA! (ESCLUSO IL
Continua

 
DRAGHI: ''GOVERNI DELL'AREA EURO CHE NON FARANNO LA COSA GIUSTA, SPARIRANNO PER SEMPRE'' (ANCHE I BANCHIERI COME LEI)

DRAGHI: ''GOVERNI DELL'AREA EURO CHE NON FARANNO LA COSA GIUSTA, SPARIRANNO PER SEMPRE'' (ANCHE I
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

+++ATTACCO TERRORISTICO IN CORSO A LONDRA DAVANTI AL PARLAMENTO+++

22 marzo - LONDRA - La polizia ha sparato ad ''un uomo che impugnava un coltello''
Continua

SCHAEUBLE ''APPREZZA IL LAVORO DI DAIJSSELBLOEM CHE DEVE CONTINUARE

22 marzo - BERLINO - Giusto per fugare ogni dubbio sulla compattezza dei giudizi
Continua

SALVINI:8 MILIARDI L'ANNO ALLA UE PER SENTIRCI DARE DEGLI UBRIACONI

22 marzo - ''Quelle parole sono la rappresentazione migliore di questa Europa di
Continua

GOVERNO VIETA ACCERTAMENTI SULLE ONG COLLUSE CON I TRAFFICANTI

22 marzo - ''Buone notizie per chi e' complice dei trafficanti di esseri umani e
Continua

ERDOGAN: NESSUN EUROPEO POTRA' CAMMINARE AL SICURO PER LE STRADE

22 marzo - ISTANBUL - ''Se l'Europa continua cosi', nessun europeo potra' camminare
Continua

LEGA PROTESTA DAVANTI A MONTECITORIO: UE? NON C'E' NULLA DA

22 marzo - ROMA - Sit in dei deputati della Lega Nord fuori Montecitorio mentre in
Continua

PADOAN SCARICA POP. VICENZA E VENETO BANCA: SARA' LA BCE A DECIDERE

21 marzo - Preparativi di un altro catastrofico bail in in Italia? Sembrerebbe di
Continua

LE FAMIGLIE DI 800 VITTIME DELL'11 SETTEMBRE FANNO CAUSA ALL'ARABIA

21 marzo - NEW YORK - Le famiglie di 800 vittime degli attacchi dell'11 settembre
Continua
6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA PRECEDENTI

6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA

21 marzo - Sono oltre 6.000 i migranti africani prelevati dai gommoni e dai barconi
Continua

LA PRIMA MINISTRO DELLA POLONIA, BEATA SZYDLO: ''POLONIA NELL'EURO?

21 marzo - VARSAVIA - Smentendo le solite fonti pro-euro che da tempo divulgano
Continua
Precedenti »