59.989.836
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SETTE STATI UE VIOLANO IL LIMITE ''SACRO ALLA GERMANIA'' DEL 3% E NESSUNA DI QUESTE NAZIONI VUOLE RIENTRARCI (LEGGERE)

giovedì 2 ottobre 2014

Il limite del 3% tra debito pubblico e prodotto interno lordo è un "dogma" per le oligarchie di Bruxelles, eterodirette dalla Germania. Tuttavia, quanti sanno come stanno esattamente le cose nell'Unione Europea? 

Ecco come stanno: di seguito, l'elenco degli Stati che se ne fregano del 3%, alla faccia della signora Merkel e dei rigoristi da strapazzo di Bruxelles.

IRLANDA: È ancora aperta la procedura per deficit eccessivo, quest'anno dovrebbe chiudere con un 4,8% rispetto al Pil per poi scendere al 4,2% nel 2015. Ma l'anno scorso il deficit era ancora al 7,2 per cento.

SPAGNA - Nel 2012, l'Europa ha di fatto commissariato il governo spagnolo concedendo in cambio due anni in più, fino al 2016, per il risanamento del bilancio. Nonostante i tagli alla spesa e le manovre del governo conservatore il deficit spagnolo resta ancora al 5,6% del Pil. E la disoccupazione in Spagna è da spavento: quasi 4,5 milioni senza lavoro.

PORTOGALLO - Il governo conservatore di Pedro Passos Coelho, con pesanti misure di austerity ha dimezzato il deficit pubblico dal 9,8% al 4,9%, ma è impensabile che scenda ancora, anche perchè la popolazione si è ribellata, i partiti di governo hanno perso le elezioni amministrative e perfino la magistratura e la corte costituzionale hanno vietato nuove leggi recessive.

FRANCIA - Il governo francese rifiuta di adottare nuove misure di austerità e prevede, nella legge di bilancio per il 2015, un deficit che quest'anno si attesterà al 4,4% del Pil, l'anno prossimo si restringerà al 4,3%, nel 2016 scenderà al 3,8% e solo nel 2017 andrà al 2,8%, cioè sotto il tetto del 3 per cento, sempre ammesso che queste previsioni abbiano una qualche credibilità, fatto contestato in sede europea.. In precedenza Parigi si era impegnata a scendere sotto il 3% fin da quest'anno. 

SLOVENIA - La massiccia e urgente ricapitalizzazione delle maggiori banche slovene alla fine dell'anno scorso ha influito pesantemente sui conti pubblici: il deficit nel 2013 è schizzato al 14,7% del Pil. Senza gli interventi straordinari per il salvataggio delle banche il disavanzo sarebbe stato del 4,4% del Pil. La Slovenia è andata al voto e il nuovo esecutivo ha già detto con chiarezza che il limite dle 3% è irraggiungibile.

CROAZIA - A pochi mesi dall'ingresso nell'Unione, nel giugno del 2013, per la Croazia è scattata la procedura per deficit eccessivo. L'economia del Paese balcanico si è contratta per cinque anni consecutivi, il tasso di disoccupazione vicino al 20% sta creando gravi tensioni sociali, il reddito pro capite è pari alla metà della media comunitaria, il quadro politico resta fragile. Il rapporto deficit-Pil croato oggi è al 5% ed è del tutto errato pensare possa calare nei prossimi tre anni. 

POLONIA - Anche quest'anno la Polonia il deficit al 4,3% del Pil, e sebbene la crescita dell'economia polacca sia "entusiasmante" grazie all'assenza di euro e alla facilità quindi ad esportare nella Ue e nei Paesi extra Ue, il limite del 3% sarà sforato anche nel 2015.

Come si vede, ben più di un solo Paese della Ue sfora il limite del 3%. Il dogma non vale per tutti, signor Renzi. E praticamente nessuno degli Stati Ue che superano questo limite ha intenzione o ha la possibilità di rientrarvi nel 2015. Per alcuni, addirittura mai.

L'impianto "rigorista" della politica economica europea voluto e imposto dalla Germania alla Ue, alla prova dei fatti non funzione e neppure potrà funzionare in futuro per una buona parte di Paesi del Sud ma anche del Nord del Vecchio Continente.

Il modello economico imposto a viva forza a tutti gli Sati dell'Unione è sbagliato. L'unica soluzione è cambiarlo, sciogliendo la stessa Ue, affinchè ogni Stato sia libero di regolare la propria economia. 

Ovviamente, sciogliere la Ue equivale a cancellare l'euro. Questa è l'unica vera possibiltà di evitare una catastrofe sia economica che sociale in Europa.

max parisi

Nota.

Le notizie pubblicate in questo articolo hanno come fonte IlSole24Ore - Luca Veronese - che ringraziamo. 

 

 

 


SETTE STATI UE VIOLANO IL LIMITE ''SACRO ALLA GERMANIA'' DEL 3% E NESSUNA DI QUESTE NAZIONI VUOLE RIENTRARCI (LEGGERE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTERNATIVA PER LA GERMANIA E LA CDU DELLA MERKEL ATTACCANO DRAGHI: NIENTE TITOLI SPAZZATURA NELLA BCE, O LO CACCIAMO

ALTERNATIVA PER LA GERMANIA E LA CDU DELLA MERKEL ATTACCANO DRAGHI: NIENTE TITOLI SPAZZATURA NELLA
Continua

 
PREZZO DELLE CASE IN ITALIA SPROFONDA A -11,2% DAI VALORI DEL 2010 (DEFLAZIONE DA EURO-DISASTRO ACCENTUERA' IL CROLLO)

PREZZO DELLE CASE IN ITALIA SPROFONDA A -11,2% DAI VALORI DEL 2010 (DEFLAZIONE DA EURO-DISASTRO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!