50.846.279
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SETTE STATI UE VIOLANO IL LIMITE ''SACRO ALLA GERMANIA'' DEL 3% E NESSUNA DI QUESTE NAZIONI VUOLE RIENTRARCI (LEGGERE)

giovedì 2 ottobre 2014

Il limite del 3% tra debito pubblico e prodotto interno lordo è un "dogma" per le oligarchie di Bruxelles, eterodirette dalla Germania. Tuttavia, quanti sanno come stanno esattamente le cose nell'Unione Europea? 

Ecco come stanno: di seguito, l'elenco degli Stati che se ne fregano del 3%, alla faccia della signora Merkel e dei rigoristi da strapazzo di Bruxelles.

IRLANDA: È ancora aperta la procedura per deficit eccessivo, quest'anno dovrebbe chiudere con un 4,8% rispetto al Pil per poi scendere al 4,2% nel 2015. Ma l'anno scorso il deficit era ancora al 7,2 per cento.

SPAGNA - Nel 2012, l'Europa ha di fatto commissariato il governo spagnolo concedendo in cambio due anni in più, fino al 2016, per il risanamento del bilancio. Nonostante i tagli alla spesa e le manovre del governo conservatore il deficit spagnolo resta ancora al 5,6% del Pil. E la disoccupazione in Spagna è da spavento: quasi 4,5 milioni senza lavoro.

PORTOGALLO - Il governo conservatore di Pedro Passos Coelho, con pesanti misure di austerity ha dimezzato il deficit pubblico dal 9,8% al 4,9%, ma è impensabile che scenda ancora, anche perchè la popolazione si è ribellata, i partiti di governo hanno perso le elezioni amministrative e perfino la magistratura e la corte costituzionale hanno vietato nuove leggi recessive.

FRANCIA - Il governo francese rifiuta di adottare nuove misure di austerità e prevede, nella legge di bilancio per il 2015, un deficit che quest'anno si attesterà al 4,4% del Pil, l'anno prossimo si restringerà al 4,3%, nel 2016 scenderà al 3,8% e solo nel 2017 andrà al 2,8%, cioè sotto il tetto del 3 per cento, sempre ammesso che queste previsioni abbiano una qualche credibilità, fatto contestato in sede europea.. In precedenza Parigi si era impegnata a scendere sotto il 3% fin da quest'anno. 

SLOVENIA - La massiccia e urgente ricapitalizzazione delle maggiori banche slovene alla fine dell'anno scorso ha influito pesantemente sui conti pubblici: il deficit nel 2013 è schizzato al 14,7% del Pil. Senza gli interventi straordinari per il salvataggio delle banche il disavanzo sarebbe stato del 4,4% del Pil. La Slovenia è andata al voto e il nuovo esecutivo ha già detto con chiarezza che il limite dle 3% è irraggiungibile.

CROAZIA - A pochi mesi dall'ingresso nell'Unione, nel giugno del 2013, per la Croazia è scattata la procedura per deficit eccessivo. L'economia del Paese balcanico si è contratta per cinque anni consecutivi, il tasso di disoccupazione vicino al 20% sta creando gravi tensioni sociali, il reddito pro capite è pari alla metà della media comunitaria, il quadro politico resta fragile. Il rapporto deficit-Pil croato oggi è al 5% ed è del tutto errato pensare possa calare nei prossimi tre anni. 

POLONIA - Anche quest'anno la Polonia il deficit al 4,3% del Pil, e sebbene la crescita dell'economia polacca sia "entusiasmante" grazie all'assenza di euro e alla facilità quindi ad esportare nella Ue e nei Paesi extra Ue, il limite del 3% sarà sforato anche nel 2015.

Come si vede, ben più di un solo Paese della Ue sfora il limite del 3%. Il dogma non vale per tutti, signor Renzi. E praticamente nessuno degli Stati Ue che superano questo limite ha intenzione o ha la possibilità di rientrarvi nel 2015. Per alcuni, addirittura mai.

L'impianto "rigorista" della politica economica europea voluto e imposto dalla Germania alla Ue, alla prova dei fatti non funzione e neppure potrà funzionare in futuro per una buona parte di Paesi del Sud ma anche del Nord del Vecchio Continente.

Il modello economico imposto a viva forza a tutti gli Sati dell'Unione è sbagliato. L'unica soluzione è cambiarlo, sciogliendo la stessa Ue, affinchè ogni Stato sia libero di regolare la propria economia. 

Ovviamente, sciogliere la Ue equivale a cancellare l'euro. Questa è l'unica vera possibiltà di evitare una catastrofe sia economica che sociale in Europa.

max parisi

Nota.

Le notizie pubblicate in questo articolo hanno come fonte IlSole24Ore - Luca Veronese - che ringraziamo. 

 

 

 


SETTE STATI UE VIOLANO IL LIMITE ''SACRO ALLA GERMANIA'' DEL 3% E NESSUNA DI QUESTE NAZIONI VUOLE RIENTRARCI (LEGGERE)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI ISLAMICI''

GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI

martedì 22 agosto 2017
LONDRA -  "E' ora che l'Europa si svegli e riconosca il problema dello scontro di civilta' causato dal fatto che enclavi musulmane agiscono da basi di supporto per i terroristi". Questa frase
Continua
 
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ALTERNATIVA PER LA GERMANIA E LA CDU DELLA MERKEL ATTACCANO DRAGHI: NIENTE TITOLI SPAZZATURA NELLA BCE, O LO CACCIAMO

ALTERNATIVA PER LA GERMANIA E LA CDU DELLA MERKEL ATTACCANO DRAGHI: NIENTE TITOLI SPAZZATURA NELLA
Continua

 
PREZZO DELLE CASE IN ITALIA SPROFONDA A -11,2% DAI VALORI DEL 2010 (DEFLAZIONE DA EURO-DISASTRO ACCENTUERA' IL CROLLO)

PREZZO DELLE CASE IN ITALIA SPROFONDA A -11,2% DAI VALORI DEL 2010 (DEFLAZIONE DA EURO-DISASTRO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!