43.403.581
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SCONTRO FRONTALE SPAGNA - CATALUNIA: ''FAREMO LO STESSO IL REFERENDUM, A QUALSIASI COSTO'' (PORTAVOCE ESECUTIVO CATALANO)

martedì 30 settembre 2014

BARCELLONA - Il governo regionale catalano ha sospeso "temporaneamente" la campagna per il referendum sull'indipendenza del 9 novembre - sospeso lunedì dalla Corte Costituzionale - per "ottemperare alla legge", ma ha ribadito di voler rispettare l'impegno a far svolgere la consultazione.

"Non possiamo certo mettere i funzionari pubblici con le spalle al muro, è in corso una procedura che non possiamo ignorare: la nostra volontà tuttavia è quella di continuare e faremo in modo da rispettare i nostri impegni conformemente alla legge" ha dichiarato il portavoce dell'esecutivo, Francesc Homs, ribadendo che "non c'è alcuna legge o decreto che sia stato annullato".

La Corte Costituzionale spagnola ha accettato ieri di esaminare il ricorso presentato dal governo di Madrid contro la convocazione del referendum, ovvero contro la relativa legge votata dal Parlamento catalano e il decreto firmato dal governo regionale, sospendendone quindi gli effetti. La mossa del governo di Madrid era del resto obbligata e altrettanto obbligata è stata la decisione della Corte; il voto del 9 novembre correrà quindi verosimilmente la sorte dell'unico precedente in materia - una consultazione promossa dall'ex presidente regionale basco Juan José Ibarretxe, bocciata sia dalle Cortes che dal tribunale, dal momento che in base alla Costituzione nessun governo regionale ha il potere di convocare un referendum. 

Non sembra infatti che la differenza legale sottolineata dal governo catalano - e cioè che si tratti di un referendum meramente "consultivo" - possa fare breccia in una Corte costituzionale da sempre orientata verso la difesa ad oltranza dell'unità dello Stato, come dimostrato dal suo intervento sullo Statuto di Autonomia catalano che costituisce peraltro una delle principali radici della crisi odierna.

L'Estatut approvato sotto il governo Zapatero e approvato dalle Cortes a maggioranza socialista con un regolare iter parlamentare venne infatti denunciato da alcuni gruppi dell'ultradestra con l'appoggio del Partido Popular e fortemente limitato dalla Corte, i cui giudici sono a maggioranza conservatori: un "vulnus" che Barcellona non ha mai perdonato, e che il successivo governo conservatore non ha fatto nulla per sanare.

Di fatto, l'esecutivo di Mariano Rajoy ha peggiorato la situazione con una polemica legge sull'istruzione che - secondo la Catalogna - ha l'obbiettivo di promuovere l'insegnamento in lingua castigliana a dispetto del vigente bilinguismo scolastico; né è stato trovato un equilibrio fiscale in grado di aumentare il grado di autosufficienza finanziaria della Catalogna, come accade al contrario per i Paesi Baschi (ai quali nemmeno la dittatura franchista, grata per l'appoggio della grande borghesia industriale, osò abolire i tradizionali "Fueros", diritti di origine medievale).

Le due parti sono giunte dunque a un punto morto, un muro contro muro che ha favorito l'auge dell'indipendentismo, divenuto un'opzione maggioritaria in grado di mobilitare milioni di persone malgrado l'assenza di un serio dibattito sulle eventuali conseguenze di una secessione; di fronte all'intransigenza (anche ideologica) di Madrid il presidente catalano Artur Mas si trova ora ad un difficile bivio.

Una prima possibilità è appunto quella di far svolgere comunque il referendum del 9 novembre, esponendo però gli organizzatori (e i membri dei seggi elettorali) ad eventuali sanzioni amministrative o penali; l'alternativa è rinunciare alla consultazione e trasferirne il significato politico a delle elezioni regionali anticipate, dalle quali tuttavia il partito di Mas, il conservatore CiU, rischia di uscire nettamente sconfitto dagli indipendentisti di Erc - uno scenario che non farebbe che radicalizzare lo scontro.

 


SCONTRO FRONTALE SPAGNA - CATALUNIA: ''FAREMO LO STESSO IL REFERENDUM, A QUALSIASI COSTO'' (PORTAVOCE ESECUTIVO CATALANO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

REFERENDUM   INDIPENDENZA   CATALOGNA   SPAGNA   MADRID   BARCELLONA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PREMIER BRITANNICO DAVID CAMERON HA FATTO CAPIRE CHE IL REFERENDUM PER USCIRE DALLA UE POTREBBE ESSERE IMMINENTE.

IL PREMIER BRITANNICO DAVID CAMERON HA FATTO CAPIRE CHE IL REFERENDUM PER USCIRE DALLA UE POTREBBE
Continua

 
L'AUSTRALIA HA TROVATO UNA SOLUZIONE PER FERMARE I CLANDESTINI: PAGA 25 MILIONI DI EURO ALLA CAMBOGIA PER ''OSPITARLI''

L'AUSTRALIA HA TROVATO UNA SOLUZIONE PER FERMARE I CLANDESTINI: PAGA 25 MILIONI DI EURO ALLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »