45.005.224
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'AGONIA DELLA FRANCIA A GUIDA HOLLANDE-VALLS: GOVERNO SENZA MAGGIORANZA, LEGGE FINANZIARIA 2015 ''EUROPEISTA'' INVOTABILE

mercoledì 17 settembre 2014

PARIGI - L'Assemblea Nazionale francese (Parlamento) ieri sera ha accordato la fiducia al governo guidato dal primo ministro Manuel Valls dopo il rimpasto di fine agosto: con 269 voti a favore e 244 contrari, lo scrutinio pero' e' stato ben piu' serrato dello scorso 8 aprile, quando Valls si era insediato.

Il governo infatti non ha raggiunto la maggioranza dei deputati (sono 577 in tutto: per avere la maggioranza, il governo deve contare su 289 voti) ) perche' 31 socialisti, i cosiddetti "frondisti", si sono astenuti dal voto in polemica con la sua politica economica.

Il mondo politico francese, commentatori ed analisti ora cercano di capire chi abbia davvero vinto e se Valls riuscira' a riunificare le varie correnti della sinistra di governo.

Secondo il direttore di "Figaro Magazine", Pour Guillaume Roquette, Valls "ha solo guadagnato tempo, non ha vinto la partita": l'ora della verita' sara' il voto sulla legge finanziaria per il 2015, che potrebbe persino veder aumentare il numero dei "frondisti".

Il movimento di protesta infatti si e' gia' allargato nella maggioranza governativa: agli astenuti socialisti si sono aggiunti 17 ecologisti e 3 deputati del Mrc. E inoltre, secondo i cronisti parlamentari, non tutti i "frondisti" potenziali si sono astenuti dal voto.

E mentre tutti ormai guardano alla battaglia sulla Finanziaria, il piu' solido alleato di Valls, i Radicali di sinistra, si trovano in una posizione di forza per negoziare con l'esecutivo. Nel discorso con cui ieri pomeriggio ha chiesto la fiducia, oltre alla conferma che il deficit pubblico francese non scendera' al di sotto del tetto del 3 per cento del Pil ne' quest'anno (sara' del 4,4 per cento) ne' nel 2015 (4,3), accompagnata al messaggio diretto alla Germania sulla volonta' della Francia di "decidere da sola cosa deve fare", Valls ha annunciato misure di sostegno alle famiglie piu' disagiate.

Nel 2015 infatti ci sara' una riduzione (modesta) di tasse per 6 milioni di famiglie e un altro milione si vedranno esentate dalla dichiarazione dei redditi grazie all'innalzamento della soglia della "no tax area".

Valls ha poi comunicato che le elezioni provinciali si terranno nel marzo del 2015 e quelle regionali alla fine dello stesso anno. Non e' certo il calendario ideale immaginato dal suo governo; il quale ha dovuto rinunciare a raggruppare i due scrutini temendo una censura della Corte costituzionale, che aveva gia' consentito al rinvio del voto provinciale inizialmente previsto nel 2014 a causa di un'agenda elettorale troppo carica.

L'idea di un "election day" locale e' stata scartata anche perche' anticipare il voto regionale al marzo prossimo sarebbe stato troppo complicato, in quanto le regioni francesi sono alle prese con i problemi organizzativi provocati dalla recentissima riduzione a sole 13 maxi-regioni. 

Nella sostanza, quindi, il nuovo governo Valls è letteralmente appeso a un filo: non ha più la maggioranza di quando Hollande vinse le elezioni, non può contare su alleati esterni ai socialisti e non potrà seguire quanto "consigliato" da Bruxelles perchè proprio su questo è caduto il precedente esecutivo Valls, due mesi fa.  Di fatto, è iniziata l'agonia. 

Redazione Milano.


L'AGONIA DELLA FRANCIA A GUIDA HOLLANDE-VALLS: GOVERNO SENZA MAGGIORANZA, LEGGE FINANZIARIA 2015 ''EUROPEISTA'' INVOTABILE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
 
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
 
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua
 
TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO SCATTA LA BREXIT!)

TERREMOTO POLITICO IN FINLANDIA: AI VERTICI DI UN PARTITO AL GOVERNO SALGONO LEADER NO-UE (INTANTO

lunedì 20 marzo 2017
LONDRA - Nella giornata in cui - oggi - la Gran Bretagna comunica ufficialmente alla Ue la data della Brexit vera e propria, che scatterà il prossimo 29 marzo, giorno in cui il Regno Unito
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA RUSSIA TAGLIA IL GAS ALL'AUSTRIA! LA SITUAZIONE ENERGETICA DELLA UE SI FA SEMPRE PIU' PRECARIA (E L'INVERNO ARRIVA)

LA RUSSIA TAGLIA IL GAS ALL'AUSTRIA! LA SITUAZIONE ENERGETICA DELLA UE SI FA SEMPRE PIU' PRECARIA
Continua

 
IL TEDESCO DIE WELT ATTACCA FRONTALMENTE LA BCE: GRAVI RISCHI DALL'ACQUISTO DEI TITOLI (SPAZZATURA) COME VORREBBE DRAGHI

IL TEDESCO DIE WELT ATTACCA FRONTALMENTE LA BCE: GRAVI RISCHI DALL'ACQUISTO DEI TITOLI (SPAZZATURA)
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

DI MAIO: L'EURO NON E' DEMOCRATICO, LEGGE COSTITUZIONALE PER INDIRE

23 marzo - Il Movimento 5 Stelle vuole un'Europa ''piu' democratica''. Lo
Continua

+++ATTACCO TERRORISTICO IN CORSO A LONDRA DAVANTI AL PARLAMENTO+++

22 marzo - LONDRA - La polizia ha sparato ad ''un uomo che impugnava un coltello''
Continua

SCHAEUBLE ''APPREZZA IL LAVORO DI DAIJSSELBLOEM CHE DEVE CONTINUARE

22 marzo - BERLINO - Giusto per fugare ogni dubbio sulla compattezza dei giudizi
Continua

SALVINI:8 MILIARDI L'ANNO ALLA UE PER SENTIRCI DARE DEGLI UBRIACONI

22 marzo - ''Quelle parole sono la rappresentazione migliore di questa Europa di
Continua

GOVERNO VIETA ACCERTAMENTI SULLE ONG COLLUSE CON I TRAFFICANTI

22 marzo - ''Buone notizie per chi e' complice dei trafficanti di esseri umani e
Continua

ERDOGAN: NESSUN EUROPEO POTRA' CAMMINARE AL SICURO PER LE STRADE

22 marzo - ISTANBUL - ''Se l'Europa continua cosi', nessun europeo potra' camminare
Continua

LEGA PROTESTA DAVANTI A MONTECITORIO: UE? NON C'E' NULLA DA

22 marzo - ROMA - Sit in dei deputati della Lega Nord fuori Montecitorio mentre in
Continua

PADOAN SCARICA POP. VICENZA E VENETO BANCA: SARA' LA BCE A DECIDERE

21 marzo - Preparativi di un altro catastrofico bail in in Italia? Sembrerebbe di
Continua

LE FAMIGLIE DI 800 VITTIME DELL'11 SETTEMBRE FANNO CAUSA ALL'ARABIA

21 marzo - NEW YORK - Le famiglie di 800 vittime degli attacchi dell'11 settembre
Continua
6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA PRECEDENTI

6.000 AFRICANI ARRIVATI IN ITALIA IN TRE GIORNI, INVASIONE SENZA

21 marzo - Sono oltre 6.000 i migranti africani prelevati dai gommoni e dai barconi
Continua
Precedenti »